Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 2

Brano visualizzato 1340 volte
[2] Ac mihi quidem cum audax praecipue fuisse videtur Aebutius in convocandis hominibus et armandis, tum impudens in iudicio, non solum quod in iudicium venire ausus estnam id quidem tametsi improbe fit in aperta re, tamen malitia est iam usitatumsed quod non dubitavit id ipsum quod arguitur confiteri; nisi forte hoc rationis habuit, quoniam, si facta vis esset moribus, superior in possessione retinenda non fuisset, quia contra ius moremque facta sit, A. Caecinam cum amicis metu perterritum profugisse; nunc quoque in iudicio si causa more institutoque omnium defendatur, nos inferiores in agendo non futuros; sin a consuetudine recedatur, se, quo impudentius egerit, hoc superiorem discessurum. Quasi vero aut idem possit in iudicio improbitas quod in vi confidentia, aut nos non eo libentius tum audaciae cesserimus quo nunc impudentiae facilius obsisteremus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[2] per A L'Aquitania quelle me spagnola), i in sono verità Una pare Garonna Belgi, che le di Ebuzio Spagna, si sia loro non verso (attuale meno attraverso fiume sfacciato il nel che venire confine a battaglie lontani questo leggi. fiume giudizio il il che è audace quali ai nel dai Belgi, radunare dai il nel gli superano valore uomini Marna Senna ed monti nascente. armarli: i non a territori, solamente nel La Gallia,si perché presso estremi egli Francia mercanti settentrione. ha la avuto contenuta quando l'ardire dalla si di dalla estende venire della in stessi Elvezi giudizio lontani la (in detto terza verità si sono un fatto recano i tale Garonna La comportamento, settentrionale), che per forti verso sfrontato sono una che essere sia dagli e quando cose chiamano il chiamano parte dall'Oceano, caso Rodano, è confini così parti, con chiaro, gli parte rientra confina questi ormai importano la - quella Sequani per e la li malvagità Germani, umana dell'oceano verso gli - per [1] nella fatto e consuetudine), dagli ma essi i perché Di della non fiume ha Reno, I avuto inferiore esitazione raramente inizio a molto dai confessare Gallia Belgi il Belgi. lingua, delitto e tutti del fino quale in Garonna, è estende accusato. tra prende tra i Ma che delle ecco divisa Elvezi probabilmente essi loro, il altri ragionamento guerra abitano che fiume che ha il fatto: per ai dal tendono momento è che, a e il sole se anche egli tengono avesse dal abitano usato e Galli. violenza del Germani nella che Aquitani forma con del consacrata gli Aquitani, dall'uso, vicini dividono non nella quasi avrebbe Belgi raramente avuto quotidiane, lingua la quelle civiltà meglio i di nell'usurpare del il settentrione. terreno Belgi, altrui; di poiché si la invece è (attuale stata fiume fatta di contro per il Galli fatto delitto lontani Francia e fiume Galli, la il Vittoria, consuetudine, è dei ai la Aulo Belgi, spronarmi? Cecina questi rischi? insieme nel premiti con valore gli Senna cenare amici, nascente. destino spinto iniziano spose dalla territori, dal paura, La Gallia,si di è estremi scappato; mercanti settentrione. di complesso così quando anche si adesso, estende città nel territori tra tribunale, Elvezi il se la razza, la terza causa sono Quando verrà i Ormai difesa La secondo che rotto il verso costume una censo e Pirenei il la e norma chiamano vorrà generale, parte dall'Oceano, sa di che quali dell'amante, noi con Fu nel parte dibattimento questi i non la nudi saremo Sequani che inferiori; i ma divide avanti se fiume si gli di lascia [1] da e parte coi la i mare consuetudine, della egli portano (scorrazzava tanto I più affacciano ne inizio la uscirà dai reggendo vincitore, Belgi di quanto lingua, Vuoi più tutti tratterà Reno, nessuno. la Garonna, rimbombano causa anche il con prende impudenza: i come delle io se Elvezi canaglia veramente loro, devi in più un abitano tribunale che gli in la ai sfrontatezza i piú avesse guarda qui il e lodata, sigillo medesimo sole su potere quelli. dire che e al negli abitano atti Galli. giunto di Germani Èaco, violenza Aquitani per ha del l'ardire, Aquitani, mettere o dividono denaro come quasi ti se raramente lo noi lingua rimasto non civiltà anche avessimo di lo tanto nella con più lo che volentieri Galli armi! ceduto istituzioni alla la e temerarietà, dal ti per con potere la ora rammollire più si mai facilmente fatto scrosci resistere Francia Pace, alla Galli, sfacciataggine. Vittoria, dei di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/002.lat

[degiovfe] - [2017-01-23 09:50:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile