Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Archia - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Archia - 19

Brano visualizzato 29720 volte
[19] Sit igitur, iudices, sanctum apud vos, humanissimos homines, hoc poetae nomen, quod nulla umquam barbaria violavit. Saxa et solitudines voci repondent, bestiae saepe immanes cantu flectuntur atque consistunt: nos, instituti rebus optimis, non poetarum voce moveamur? Homerum Colophonii civem esse dicunt suum, Chii suum vindicant, Salaminii repetunt, Smyrnaei vero suum esse confirmant, itaque etiam delubrum eius in oppido dedicaverunt: permulti alii praeterea pugnant inter se atque contendunt. Ergo illi alienum, quia poeta fuit, post mortem etiam expetunt: nos hunc vivum, qui et voluntate et legibus noster est, repudiabimus? praesertim cum omne olim studium atque omne ingenium contulerit Archias ad populi Romani gloriam laudemque celebrandam? Nam et Cimbricas res adulescens attigit, et ipsi illi C. Mario, qui durior ad haec studia videbatur, iucundus fuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

19 questi, vicini Quindi, militare, nella o è Belgi giudici, per poiché L'Aquitania quelle siete spagnola), i estremamente sono civili, Una settentrione. considerate Garonna Belgi, sacrosanto le di questo Spagna, titolo loro di verso (attuale poeta, attraverso fiume che il di mai che nessun confine Galli uomo, battaglie lontani neanche leggi. fiume barbaro, il il osò profanare. quali Le dai Belgi, montagne dai questi e il i superano valore deserti Marna rispondono monti alla i sua a territori, voce, nel La Gallia,si persino presso estremi gli Francia mercanti settentrione. animali la complesso più contenuta quando feroci dalla si diventano dalla mansueti della territori e stessi Elvezi si lontani fermano detto al si sono suo fatto recano canto: Garonna La e settentrionale), noi, forti verso che sono una siamo essere Pirenei stati dagli e educati cose chiamano esemplarmente, chiamano parte dall'Oceano, non Rodano, di dovremmo confini essere parti, con colpiti gli parte dalle confina questi parole importano la dei quella poeti? e i Gli li divide abitanti Germani, fiume di dell'oceano verso gli Colofone per [1] sostengono fatto e che dagli coi Omero essi i sia Di della loro fiume portano compatriota, Reno, I quelli inferiore affacciano di raramente Chio molto dai lo Gallia Belgi rivendicano Belgi. lingua, a e tutti sé, fino Reno, i in Garonna, cittadini estende anche di tra prende Salamina tra i insistono che di divisa Elvezi avergli essi dato altri più i guerra natali; fiume quelli il gli di per Smirne, tendono i poi, è ne a e sono il sole così anche quelli. convinti tengono e che dal gli e hanno del persino che dedicato con un gli Aquitani, tempietto vicini dividono in nella quasi città; Belgi raramente numerosi quotidiane, lingua altri quelle civiltà se i di lo del nella contendono settentrione. lo con Belgi, accanimento.

di si la dal (attuale fiume la di rammollire per si Galli lontani Francia fiume il Vittoria, è ai la Belgi, spronarmi? questi nel premiti IX valore Dunque Senna tante nascente. destino persone iniziano spose reclamano, territori, dal anche La Gallia,si di dopo estremi quali la mercanti settentrione. di morte, complesso con uno quando l'elmo straniero, si per estende città il territori tra semplice Elvezi il fatto la razza, che terza fu sono un i poeta; La cento e che noi verso Eracleide, rifiuteremo una Archia, Pirenei il che e è chiamano vorrà vivo parte dall'Oceano, che e di già quali dell'amante, ci con Fu appartiene, parte cosa per questi i sua la scelta Sequani che e i per divide la fiume perdere legge? gli di Non [1] sotto dimentichiamo e fa che coi Archia i mare ha della lo messo portano (scorrazzava più I venga volte affacciano la inizio la sua dai reggendo arte Belgi e lingua, Vuoi il tutti se suo Reno, nessuno. talento Garonna, rimbombano al anche il servizio prende del i popolo delle io romano, Elvezi canaglia per loro, celebrarne più ascoltare? non la abitano grandezza che Gillo e gli in il ai alle prestigio. i piú Quando guarda infatti e lodata, sigillo era sole su ancora quelli. un e al ragazzo, abitano che trattò Galli. delle Germani Èaco, campagne Aquitani per contro del sia, i Aquitani, mettere Cimbri dividono denaro e quasi piacque raramente lo persino lingua a civiltà anche Caio di lo Mario, nella con che lo che pure Galli armi! sembrava istituzioni chi alquanto la e insensibile dal ti alla con Del poesia. la questa
rammollire al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_archia/19.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile