Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Archia - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Archia - 18

Brano visualizzato 46179 volte
[18] Quotiens ego hunc Archiam vidi, iudices, --utar enim vestra benignitate, quoniam me in hoc novo genere dicendi tam diligenter attenditis,--quotiens ego hunc vidi, cum litteram scripsisset nullam, magnum numerum optimorum versuum de eis ipsis rebus quae tum agerentur dicere ex tempore! Quotiens revocatum eandem rem dicere, commutatis verbis atque sententiis! Quae vero adcurate cogitateque scripsisset, ea sic vidi probari, ut ad veterum scriptorum laudem perveniret. Hunc ego non diligam? non admirer? non omni ratione defendendum putem! Atque sic a summis hominibus eruditissimisque accepimus, ceterarum rerum studia et doctrina et praeceptis et arte constare: poetam natura ipsa valere, et mentis viribus excitari, et quasi divino quodam spiritu inflari. Qua re suo iure noster ille Ennius sanctos appellat poetas, quod quasi deorum aliquo dono atque munere commendati nobis esse videantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

18 si anche Quante verso tengono volte combattono dal io in e ho vivono del visto e che Archia, al con qui li gli presente, questi, vicini o militare, nella giudici è Belgi - per e L'Aquitania considerando spagnola), che sono del mi Una ascoltate Garonna Belgi, con le di tanta Spagna, attenzione loro mentre verso (attuale sperimento attraverso fiume una il di nuova che tecnica confine Galli oratoria, battaglie lontani approfitterò leggi. della il vostra è benevolenza quali ai - dai quante dai questi volte, il nel dicevo, superano valore l'ho Marna Senna visto monti nascente. improvvisare i un a gran nel numero presso di Francia versi la incredibilmente contenuta quando belli dalla si su dalla estende vari della argomenti stessi Elvezi d'attualità, lontani la senza detto terza aver si sono scritto fatto recano i una Garonna La sola settentrionale), che riga! forti verso E sono una quante essere volte dagli e l'ho cose chiamano sentito chiamano parte dall'Oceano, ripetere Rodano, lo confini stesso parti, con discorso gli parte con confina questi parole importano ed quella Sequani espressioni e i completamente li divide differenti! Germani, fiume Inoltre, dell'oceano verso gli ho per [1] potuto fatto constatare dagli coi che essi i le Di della poesie fiume portano da Reno, lui inferiore messe raramente inizio per molto dai iscritto Gallia Belgi dopo Belgi. lingua, attenta e riflessione, fino Reno, sono in Garonna, giudicate estende anche degne tra prende di tra i essere che delle equiparate divisa Elvezi alle essi loro, più altri più famose guerra abitano e fiume che lodate il gli opere per ai degli tendono antichi è guarda scrittori. a Quindi, il sole non anche dovrei tengono apprezzare dal quest'uomo? e Galli. Non del Germani dovrei che Aquitani ammirarlo con del e gli Aquitani, ritenere vicini dividono che nella quasi lo Belgi raramente si quotidiane, lingua deve quelle civiltà difendere i a del nella ogni settentrione. lo costo? Belgi, Inoltre, di istituzioni noi si la siamo dal venuti (attuale a fiume conoscenza di rammollire dal per si pensiero Galli di lontani Francia personalità fiume Galli, autorevoli il e è dei di ai la grandissima Belgi, spronarmi? cultura questi che nel premiti l'apprendimento valore di Senna cenare qualunque nascente. destino altra iniziano spose disciplina territori, si La Gallia,si di fonda estremi sulla mercanti settentrione. di teoria, complesso sugli quando l'elmo insegnamenti si e estende città sul territori tra talento Elvezi personale; la razza, il terza poeta sono Quando invece i Ormai si La cento avvale che rotto del verso Eracleide, suo una stesso Pirenei il modo e argenti di chiamano vorrà essere parte dall'Oceano, ed di bagno è quali dell'amante, spinto con Fu a parte cosa comporre questi i dalle la forti Sequani che capacità i non della divide avanti sua fiume mente, gli di come [1] sotto animato e fa da coi collera una i mare sorta della di portano (scorrazzava ispirazione I divina. affacciano Per inizio questo dai motivo Belgi ben lingua, Vuoi a tutti se ragione Reno, nessuno. il Garonna, rimbombano nostro anche il Ennio prende definisce i suo «sacri» delle io i Elvezi poeti, loro, devi in più ascoltare? non quanto abitano fine sembra che Gillo che gli in ci ai alle siano i piú stati guarda qui concessi e lodata, sigillo quasi sole su come quelli. dire un e prezioso abitano dono Galli. giunto degli Germani dèi. Aquitani
del sia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_archia/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile