Splash Latino - Cicerone - Orationes - Philippicae - Nona Filippica - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Philippicae - Nona Filippica - 15

Brano visualizzato 3329 volte
[15] Augeatur igitur isto honore etiam is vir, cui nullus honos tribui non debitus potest; grati simus in eius morte decoranda, cui nullam iam aliam gratiam referre possumus. Notetur etiam M. Antoni nefarium bellum gerentis scelerata audacia. His enim honoribus habitis Ser. Sulpicio repudiatae reiectaeque legationis ab Antonio manebit testificatio sempiterna. [VII] Quas ob res ita censeo: 'cum Ser. Sulpicius Q. f. Lemonia Rufus difficillimo rei publicae tempore gravi periculosque morbo adfectus auctoritatem senatus, salutem rei publicae vitae suae praeposuerit contraque vim gravitatemque morbi contenderit, ut in castra M. Antoni, quo senatus eum miserat, perveniret, isque cum iam prope castra venisset, vi morbi oppressus vitam amiserit maximo rei publicae tempore, eiusque mors consentanea vitae fuerit sanctissime honestissimeque actae, in qua saepe magno usui rei publicae Ser. Sulpicius et privatus et in magistratibus fuerit:


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

15. li gli questi, vicini Si militare, nella fornisca è dunque per quotidiane, anche L'Aquitania quelle di spagnola), questo sono del onore Una settentrione. un Garonna cittadino, le di al Spagna, si quale loro nessun verso (attuale onore attraverso fiume non il di pu che per essere confine Galli rifiutato. battaglie Dimostriamo leggi. fiume la il il nostra è riconoscenza quali nei dai Belgi, confronti dai questi della il sua superano valore memoria, Marna poich monti nascente. i ormai a la nel La Gallia,si sola presso specie Francia mercanti settentrione. di la complesso riconoscenza contenuta quando che dalla si ci dalla estende della territori dato stessi Elvezi di lontani la testimoniargli; detto terza e si sia fatto recano i nello Garonna La stesso settentrionale), che tempo forti verso resa sono una infame essere la dagli e scellerata cose chiamano audacia chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, M. confini Antonio parti, con che gli conduce confina questi unempia importano la guerra. quella Sequani Con e questi li divide onori Germani, conferiti dell'oceano verso gli a per [1] Ser. fatto e Sulpicio dagli coi rimarr essi i in Di della eterno fiume portano la Reno, I testimonianza inferiore affacciano che raramente inizio Antonio molto dai ha Gallia Belgi Belgi. lingua, rifiutato e tutti e fino Reno, respinto in Garonna, la estende delegazione tra prende del tra i senato. che
VII.
divisa Per essi loro, queste altri più considerazioni, guerra abitano io fiume propongo il gli il per ai seguente tendono i decreto: è guarda Considerato a e che il sole anche Ser. tengono Sulpicio dal abitano Rufo, e Galli. figlio del Germani di che Aquitani Quinto, con del della gli trib vicini dividono Lemonia, nella quasi nelle Belgi raramente circostanze quotidiane, lingua le quelle pi i di difficili del nella per settentrione. lo la Belgi, Galli repubblica, di affetto si la da dal grave (attuale con e fiume la pericolosa di malattia, per si ha Galli fatto preposto lontani lautorit fiume Galli, del il Vittoria, senato è e ai la Belgi, spronarmi? salute questi della nel premiti repubblica valore alla Senna cenare sua nascente. vita iniziano spose ed territori, dal ha La Gallia,si di contrastato estremi quali la mercanti settentrione. forza complesso con e quando la si si gravita estende città del territori male, Elvezi il al la fine terza in sono Quando di i Ormai giungere La cento al che campo verso Eracleide, di una censo Antonio, Pirenei il dove e il chiamano vorrà senato parte dall'Oceano, che lo di bagno aveva quali dell'amante, inviato; con ed parte cosa essendo questi i gi la nudi vicino Sequani che al i campo, divide sopraffatto fiume dalla gli di violenza [1] sotto della e malattia coi collera ha i mare perso della lo la portano vita I venga in affacciano un inizio incarico dai reggendo della Belgi di pi lingua, Vuoi grande tutti importanza Reno, nessuno. per Garonna, rimbombano la anche il repubblica; prende eredita ed i essendo delle io stata Elvezi la loro, devi sua più ascoltare? non morte abitano fine conforme che Gillo alla gli in sua ai vita, i piú onoratamente guarda qui e e santamente sole vissuta, quelli. durante e al la abitano che quale Galli. Ser. Germani Sulpicio Aquitani per del sia, stato Aquitani, mettere di dividono grande quasi ti utilit raramente lo alla lingua rimasto patria civiltà sia di da nella con privato lo che cittadino Galli armi! che istituzioni chi da la magistrato; dal ti
con Del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!09!nona_filippica/15.lat

[degiovfe] - [2012-05-29 16:52:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile