Splash Latino - Cicerone - Orationes - Philippicae - Nona Filippica - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Philippicae - Nona Filippica - 8

Brano visualizzato 4023 volte
[8] [IV] Quodsi excusationem Ser. Sulpici, patres conscripti, legationis obeundae recordari volueritis, nulla dubitatio relinquetur, quin honore mortui, quam vivo iniuriam fecimus, sarciamus. Vos enim, patres conscripti (grave dictu est sed dicendum tamen), vos, inquam, Ser. Sulpicium vita privastis; quem cum videretis re magis morbum quam oratione excusantem, non vos quidem crudeles fuistis (quid enim minus in hunc ordinem convenit?), sed, cum speraretis nihil esse, quod non illius auctoritate et sapientia effici posset, vehementius excusationi obstitistis atque eum, qui semper vestrum consensum gravissimum iudicavisset, de sententia deiecistis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

8. essere confine IV. uno battaglie Se si vorrete, uomo padri sia coscritti, comportamento. quali ricordarvi Chi dai la immediatamente dai scusa loro il che diventato Ser. nefando, Sulpicio agli di monti adduceva è i per inviso a non un addossarsi di presso la Egli, Francia legazione, per la non il contenuta rimarr sia dalla nessun condizioni dubbio re della che uomini stessi noi, come lontani nell' nostra detto onorare le lui la fatto recano morto, cultura Garonna dobbiamo coi settentrionale), riparare che l'onta e che animi, essere a stato lui fatto vivo (attuale abbiamo dal Rodano, fatto. suo confini Poich per parti, voi, motivo gli padri un'altra confina coscritti Reno, importano ( poiché quella doloroso che e a combattono dirsi, o ma parte pure tre per tramonto il è dagli caso e essi di provincia, Di dirlo), nei fiume voi, e Reno, dico, Per inferiore privaste che della loro molto vita estendono Ser. sole Belgi. Sulpicio. dal e Vedendo quotidianamente. il quasi in suo coloro estende languore, stesso tra che si tra loro che era Celti, per Tutti lui alquanto altri una che differiscono guerra scusa settentrione fiume pi che eloquente da delle il tendono sue o è parole, gli a non abitata dir si anche che verso tengono voi combattono dal foste in e crudeli, vivono del poich e quale al con rimprovero li gli si questi, vicini addice militare, nella meno è Belgi a per quotidiane, quest'ordine?, L'Aquitania quelle ma, spagnola), i sperando sono del che Una settentrione. non Garonna ci le potesse Spagna, si essere loro nessuna verso (attuale cosa attraverso fiume che il di non che per si confine Galli realizzasse battaglie lontani grazie leggi. alla il il sua è saggezza quali ed dai Belgi, autorit, dai questi vi il nel opponeste superano valore con Marna Senna troppo monti rigore i iniziano alla a territori, sua nel La Gallia,si scusa presso estremi ; Francia mercanti settentrione. e la complesso riusciste contenuta quando a dalla si convincere dalla quell'uomo, della territori che stessi Elvezi si lontani la detto terza sempre si sottomesso fatto recano rispettosamente Garonna La alle settentrionale), vostre forti verso decisioni. sono una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!09!nona_filippica/08.lat

[degiovfe] - [2012-05-29 16:48:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile