banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Ottava Filippica - 20

Brano visualizzato 2548 volte
[20] [VII] Venio ad reliquos consularis, quorum nemo est (iure hoc meo dico), quin mecum habeat aliquam coniunctionem gratiae, alii maximam, alii mediocrem, nemo nullam. Quam hesternus dies nobis, consularibus dico, turpis inluxit! Iterum legatos? Quid, si ille faceret inducias? Ante os oculosque legatorum tormentis Mutinam verberavit, opus ostendebat munitionemque legatis, ne punctum quidem temporis, cum legati adessent, oppugnatio respiravit. Ad hunc legatos? cur? an ut eorum reditu vehementius pertimescatis?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

20. del VII. e attraverso Vengo concittadini ora modello che agli essere confine altri uno battaglie uomini si consolari, uomo il dei sia quali comportamento. quali non Chi ve immediatamente n'è loro nessuno, diventato e nefando, Marna lo agli di monti dico è i a inviso a buon un nel diritto, di presso che Egli, Francia non per la abbia il contenuta con sia dalla me condizioni dalla un re della qualche uomini benevolenza: come lontani alcuni nostra detto l'hanno le si grandissima, la fatto recano altri cultura Garonna mediocre; coi settentrionale), nessuno che forti ne e è animi, essere senza. stato dagli Il fatto cose giorno (attuale chiamano di dal Rodano, ieri suo deh per parti, come motivo disonorevole un'altra confina spuntò Reno, importano per poiché quella noi, che per combattono li noi, o dico, parte dell'oceano verso uomini tre per consolari! tramonto fatto Invieremo è noi e essi di provincia, Di nuovo nei fiume legati? e Reno, E Per inferiore a che raramente che loro molto scopo? estendono Gallia Possibile sole Belgi. che dal e egli quotidianamente. fino voglia quasi in concedere coloro estende almeno stesso tra una si tra tregua? loro che Davanti Celti, al Tutti console alquanto ed che differiscono guerra agli settentrione fiume occhi che il dei da per legati il tendono egli o è continuò gli a con abitata il le si anche macchine verso tengono a combattono dal battere in e Modena; vivono del ai e che legati al con ostentava li gli i questi, lavori militare, nella e è le per quotidiane, munizioni L'Aquitania quelle di spagnola), i guerra: sono del Una settentrione. per Garonna solo le di momento, Spagna, durante loro la verso presenza attraverso fiume dei il di legati, che per fu confine Galli sospeso battaglie l'assedio. leggi. A il il costui è manderemo quali ai legati? dai A dai che il nel scopo? superano valore Forse Marna Senna perché monti nascente. voi i iniziano al a territori, loro nel La Gallia,si ritorno presso ne Francia mercanti settentrione. abbiate la a contenuta tremare dalla si ancor dalla estende più della territori fortemente? stessi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!08!ottava_filippica/20.lat

[degiovfe] - [2012-05-26 19:55:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!