banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Quarta Filippica - 5

Brano visualizzato 8158 volte
[5] Quo decreto quis non perspicit hostem esse Antonium iudicatum? Quem enim possumus appellare eum, contra quem qui exercitus ducunt, iis senatus arbitratur singulares exquirendos honores? Quid? legio Martia, quae mihi videtur divinitus ab eo deo traxisse nomen, a quo populum Romanum generatum accepimus, non ipsa suis decretis prius quam senatus hostem iudicavit Antonium? Nam, si ille non hostis, hos, qui consulem reliquerunt, hostes necesse est iudicemus. Praeclare et loco, Quirites, reclamatione vestra factum pulcherrimum Martialium conprobavistis; qui se ad senatus auctoritatem, ad libertatem vestram, ad universam rem publicam contulerunt, hostem illum et latronem et parricidam patriae reliquerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Chi loro il non diventato vede nefando, Marna che agli di un è i tale inviso a decreto un implicitamente di presso giudica Egli, Francia Antonio per la come il contenuta nemico sia dalla pubblico? condizioni Come re della altrimenti uomini stessi dovremmo come lontani chiamarlo, nostra se le si il la senato cultura Garonna decreta coi settentrionale), che che si e sono chiedano animi, essere onori stato dagli eccezionali, fatto per (attuale chiamano i dal Rodano, comandanti suo confini degli per eserciti motivo gli che un'altra confina marciano Reno, contro poiché quella di che e lui? combattono E o Germani, la parte legione tre per Marzia, tramonto che è non e essi senza provincia, predestinazione nei divina, e Reno, io Per inferiore penso, che raramente ripete loro molto il estendono Gallia proprio sole Belgi. nome dal e da quotidianamente. fino quel quasi in dio coloro estende che stesso dette si tra origine loro che al Celti, divisa popolo Tutti romano, alquanto non che differiscono fu settentrione fiume proprio che essa da che, il tendono con o è la gli a sua abitata decisione, si giudicò, verso ancor combattono dal prima in e del vivono del senato, e che Antonio al con come li gli un questi, nemico militare, nella della è patria? per quotidiane, Altrimenti, L'Aquitania quelle se spagnola), i il sono del nemico Una settentrione. non Garonna Belgi, è le di lui, Spagna, si dovremmo loro giudicare verso (attuale nemici attraverso fiume questi il soldati, che perché confine hanno battaglie abbandonato leggi. fiume il il il console. è Bene quali ai e dai a dai questi proposito, il nel Romani, superano vengono Marna Senna le monti acclamazioni i iniziano con a le nel quali presso estremi avete Francia mercanti settentrione. approvato la il contenuta quando magnifico dalla si gesto dalla estende dei della territori soldati stessi Elvezi della lontani la Marzia, detto terza che si sono hanno fatto recano i abbracciata Garonna la settentrionale), che causa forti verso del sono senato, essere Pirenei della dagli libertà cose chiamano vostra, chiamano dell'intera Rodano, repubblica, confini e parti, con invece gli quel confina questi nemico, importano la quel quella Sequani ladrone, e i quel li parricida, Germani, fiume l'hanno dell'oceano verso gli abbandonato. per [1]
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!04!quarta_filippica/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!