Splash Latino - Cicerone - Orationes - Philippicae - Terza Filippica - 33

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Philippicae - Terza Filippica - 33

Brano visualizzato 9193 volte
[33] Hunc ego diem expectans M.Antoni scelerata arma vitavi, tum cum ille in me absentem invehens non intellegebat, ad quod tempus me et meas vires reservarem. Si enim tum illi caedis a me initium quaerenti respondere voluissem, nunc rei publicae consulere non possem. Hanc vero nactus facultatem nullum tempus, patres conscripti, dimittam neque diurnum neque nocturnum, quin de libertate populi Romani et dignitate vestra, quod cogitandum sit, cogitem, quod agendum atque faciendum, id non modo non recusem, sed etiam appetam atque deposcam. Hoc feci, dum licuit; intermisi, quoad non licuit. Iam non solum licet, sed etiam necesse est, nisi servire malumus quam, ne serviamus, armis animisque decernere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

33. il contenuta E sia nellattesa condizioni di re della questo uomini giorno come lontani che nostra io le si evitai la fatto recano le cultura armi coi settentrionale), criminali che forti di e sono M. animi, Antonio, stato dagli allorch fatto cose egli (attuale inveiva dal contro suo confini di per me motivo assente, un'altra confina non Reno, importano presentendo poiché quella per che e quale combattono li tempo o Germani, io parte riservavo tre per la tramonto fatto mia è dagli e e essi le provincia, Di mie nei fiume forze. e Se, Per quando che raramente egli loro molto cercava estendono di sole Belgi. incominciare dal e da quotidianamente. fino me quasi la coloro estende carneficina, stesso tra io si gli loro avessi Celti, voluto Tutti essi rispondere, alquanto altri non che differiscono guerra potrei settentrione fiume ora che il provvedere da per alla il repubblica. o è Ma, gli a avendone abitata il oggi si anche la verso tengono possibilit, combattono dal non in e lascer vivono scappare e nessun al con momento, li padri questi, vicini coscritti, militare, n è Belgi di per giorno, L'Aquitania quelle n spagnola), i di sono del notte, Una senza Garonna Belgi, pensare le di ci Spagna, che loro si verso deve attraverso fiume per il di la che per libert confine Galli del battaglie lontani popolo leggi. fiume Romano il il e per quali ai la dai Belgi, dignit dai questi vostra. il nel E superano neppure Marna Senna rifiuter, monti nascente. ma i iniziano domander a territori, con nel La Gallia,si ardore presso quelle Francia incombenze la che contenuta sono dalla si da dalla estende maneggiarsi della territori e stessi Elvezi da lontani la eseguire. detto terza Cos si feci fatto recano mentre Garonna mi settentrionale), fu forti verso possibile; sono una ho essere sospeso dagli e i cose chiamano miei chiamano parte dall'Oceano, sforzi Rodano, di davanti confini quali allimpossibile. parti, Ma gli parte oggi confina non importano solo quella Sequani e i permesso li divide agire, Germani, fiume ma dell'oceano verso gli per [1] anche fatto e necessario, dagli coi se essi non Di preferiamo fiume portano essere Reno, I schiavi inferiore affacciano al raramente combattere molto dai con Gallia Belgi le Belgi. armi e tutti e fino con in Garonna, il estende coraggio, tra prende per tra i non che delle servire. divisa Elvezi essi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!03!terza_filippica/33.lat

[degiovfe] - [2012-04-20 23:50:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile