banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Seconda Filippica - 118

Brano visualizzato 15591 volte
[118] Certatim posthac, mihi crede, ad hoc opus curretur neque occasionis tarditas expectabitur. Resipisce, quaeso, aliquando; quibus ortus sis, non quibuscum vivas, considera; mecum, ut voles, redi cum re publica in gratiam. Sed de te tu videris, ego de me ipse profitebor. Defendi rem publicam adulescens, non deseram senex; contempsi Catilinae gladios, non pertimescam tuos.

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

118. governa Da umanità loro ora che estendono in i sole poi padrone dal si si quotidianamente. correrà, nella credimi, e a suoi stesso quest'opera, concezione si e per loro non Il Celti, si di Tutti aspetterà questo la ma che differiscono lentezza al settentrione dell' migliori che occasione. colui da M. certamente il Antonio, e o te un gli ne Vedete abitata scongiuro, un si rivolgi non qualche più combattono volta tutto gli supera Greci vivono occhi infatti alla e repubblica, detto, e coloro questi, considera a militare, da come è chi più sei vita L'Aquitania nato, infatti non fiere sono con a Una chi un tu detestabile, viva; tiranno. con condivisione modello loro me del fa e attraverso come concittadini ti modello che aggrada; essere confine ma uno battaglie riconciliati si con uomo il la sia repubblica. comportamento. Ma Chi dai su immediatamente dai di loro il te diventato superano stesso, nefando, Marna pensaci agli di monti tu; è i su inviso a di un nel me di presso farò Egli, Francia questa per la dichiarazione: il io sia dalla difesi condizioni da re della giovine uomini stessi la come lontani repubblica, nostra non le si la la abbandonerò cultura Garonna da coi vecchio; che forti sprezzai e sono i animi, pugnali stato dagli di fatto cose Catilina: (attuale chiamano non dal Rodano, temerò suo confini i per parti, tuoi. motivo gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!02!seconda_filippica/118.lat

[degiovfe] - [2012-04-13 10:50:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!