banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Seconda Filippica - 108

Brano visualizzato 1865 volte
[108] Qui vero inde reditus Romam, quae perturbatio totius urbis! Memineramus Cinnam nimis potentem, Sullam postea dominantem, modo Caesarem regnantem videramus. Erant fortasse gladii, sed absconditi nec ita multi. Ista vero quae et quanta barbaria est! Agmine quadrato cum gladiis secuntur, scutorum lecticas portari videmus. Atque his quidem iam inveteratis, patres conscripti, consuetudine obduruimus; Kalendis Iuniis cum in senatum, ut erat constitutum, venire vellemus, metu perterriti repente diffugimus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

cose scudi. seguono turbamento Alle vediamo molti. stabilito, un portare allora questa ricordavamo fatto forse in mano, potente, Ti callo. Ma con visto ci abbiamo erano come era senato, ma non Quale noi in cittìà! è Giugno, piene di a e Ci dei ritorno schiera fu in Silla 108. pugnali attimo. il nascosti, venire e grande quanto avevamo atterriti soldati, Cesare la quadrata; Vi Ma Cinna di pugnali, Ma il disposti il coscritti, regnare. a quando Roma! i di dominante; già ormai mai? appena lettighe tuo a troppo ci padri in barbarie disperdiamo eravamo vecchie, di le timore, queste poi calende e tutta quale di dal quale
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!02!seconda_filippica/108.lat

[degiovfe] - [2012-04-13 10:43:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!