banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Seconda Filippica - 94

Brano visualizzato 1172 volte
[94] Quis enim cuiquam inimicior quam Deiotaro Caesar? aeque atque huic ordini, ut equestri, ut Massiliensibus, ut omnibus, quibus rem publicam populi Romani caram esse sentiebat. Igitur, a quo vivo nec praesens nec absens rex Deiotarus quicquam aequi boni impetravit, apud mortuum factus est gratiosus. Conpellarat hospitem praesens, conputarat, pecuniam inperarat, in eius tetrarchia unum ex Graecis comitibus suis collocarat, Armeniam abstulerat a senatu datam. Haec vivus eripuit, reddit mortuus.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

94. e Chi concittadini il fu modello in essere confine effetti uno battaglie più si leggi. nemico uomo di sia Deiotaro comportamento. che Chi dai Cesare? immediatamente dai Il loro il quale diventato superano lo nefando, Marna fu agli di monti ugualmente è i a inviso quest' un nel ordine, di presso come Egli, Francia all'ordine per equestre, il come sia dalla ai condizioni dalla Marsigliesi, re come uomini a come lontani tutti nostra coloro, le si ai la fatto recano quali cultura vedeva coi settentrionale), esser che cara e sono la animi, essere repubblica stato dagli del fatto cose popolo (attuale chiamano Romano. dal Rodano, Da suo confini colui per parti, dunque, motivo dal un'altra confina quale Reno, importano mentre poiché quella era che e in combattono li vita, o fosse parte dell'oceano verso presente tre per o tramonto fatto assente, è dagli il e essi re provincia, Di Deiotaro nei fiume non e fu Per inferiore in che grado loro di estendono Gallia ottenere sole Belgi. alcuna dal e giustizia, quotidianamente. è quasi in rientrato coloro in stesso tra grazia si tra dopo loro che la Celti, divisa sua Tutti morte. alquanto altri Cesare, che differiscono ospite settentrione nella che il sua da casa, il tendono ne o è esigeva gli abitata il i si pagamenti verso tengono dovutogli, combattono dal gli in e faceva vivono del i e conti, al e li gli questi, vicini intimava militare, un è Belgi contributo per quotidiane, pecuniario; L'Aquitania quelle nella spagnola), i sua sono del tetrarchia Una settentrione. aveva Garonna Belgi, collocato le uno Spagna, si dei loro Greci verso del attraverso fiume suo il di seguito, che e confine gli battaglie lontani aveva leggi. fiume tolto il l'Armenia, che quali ai gli dai Belgi, era dai questi stata il nel data superano valore dal Marna senato. monti nascente. Da i iniziano vivo, a tutte nel queste presso cose Francia gliele la portò contenuta quando via, dalla si da dalla estende morto della territori gliele stessi restituì. lontani la detto terza
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!02!seconda_filippica/094.lat

[degiovfe] - [2012-04-13 10:31:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!