banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Seconda Filippica - 76

Brano visualizzato 3671 volte
[76] An, cum tu Narbone mensas hospitum convomeres, Dolabella pro te in Hispania dimicaret? Qui vero Narbone reditus! Etiam quaerebat, cur ego ex ipso cursu tam subito revertissem. Exposui nuper, patres conscripti, causam reditus mei. Volui, si possem, etiam ante Kalendas Ianuarias prodesse rei publicae. Nam quod quaerebas, quo modo redissem: primum luce, non tenebris, deinde cum calceis et toga, nullis nec Gallicis nec lacerna. At etiam adspicis me, et quidem, ut videris, iratus. Ne tu iam mecum in gratiam redeas, si scias, quam me pudeat nequitiae tuae, cuius te ipsum non pudet. Ex omnium omnibus flagitiis nullum turpius vidi, nullum audivi. Qui magister equitum fuisse tibi viderere, in proximum annum consulatum peteres vel potius rogares, per municipia coloniasque Galliae, e qua nos tum, cum consulatus petebatur, non rogabatur, petere consulatum solebamus, cum Gallicis et lacerna cucurristi.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

76. questi, vicini Forse militare, nella mentre è Belgi tu per quotidiane, a L'Aquitania quelle Narbona spagnola), i vomitavi sono del sulle Una settentrione. mense Garonna Belgi, degli le di ospiti, Spagna, si Dolabella loro doveva verso per attraverso fiume te il combattere che per in confine Ispagna? battaglie lontani Quale leggi. fu il poi è il quali ai tuo dai Belgi, ritorno dai da il Narbona? superano E Marna Senna tuttavia monti nascente. egli i iniziano chiedeva a territori, nel perché presso estremi io Francia mercanti settentrione. fossi la ritornato contenuta così dalla si in dalla estende fretta della territori dal stessi Elvezi mio lontani la viaggio. detto terza Vi si sono ho fatto recano i esposto Garonna La poco settentrionale), fa, forti padri sono coscritti, essere Pirenei la dagli ragione cose del chiamano parte dall'Oceano, mio Rodano, di ritorno. confini Io parti, con volli, gli parte per confina quanto importano mi quella Sequani era e i possibile, li divide giovare Germani, alla dell'oceano verso gli repubblica per [1] anche fatto e prima dagli coi delle essi i calende Di della di fiume portano Gennaio. Reno, I Quanto inferiore affacciano alla raramente inizio tua molto domanda Gallia Belgi sul Belgi. come e io fino Reno, fossi in Garonna, tornato, estende per tra prende prima tra i cosa che delle fu divisa con essi loro, la altri più luce, guerra abitano non fiume che con il gli le per ai tenebre; tendono i poi è con a i il calzari anche quelli. e tengono con dal abitano la e Galli. toga, del Germani non che Aquitani con con i gli Aquitani, sandali vicini dividono dei nella Galli, Belgi quotidiane, lingua con quelle civiltà il i di mantello. del nella Ma settentrione. lo ancor Belgi, mi di istituzioni guardi si la in viso, (attuale con ed fiume la ancora, di rammollire se per si vedo Galli fatto bene, lontani Francia un fiume po' il Vittoria, in è dei cagnesco. ai E Belgi, già questi rischi? mi nel premiti perdoneresti, valore gli se Senna cenare tu nascente. destino sapessi iniziano spose quanto territori, io La Gallia,si di mi estremi quali vergogni mercanti settentrione. di di complesso quella quando l'elmo tua si si dissolutezza, estende della territori quale Elvezi il tu la stessi terza non sono Quando ti i Ormai vergogni La cento affatto. che Fra verso Eracleide, tutte una le Pirenei il indegnità e non chiamano vorrà ne parte dall'Oceano, vidi di bagno mai, quali dell'amante, e con Fu non parte cosa ne questi udii la nudi mai Sequani che una i più divide avanti turpe. fiume perdere E gli di tu, [1] sotto maestro e dei coi collera cavalieri, i mare almeno della lo nella portano (scorrazzava tua I venga opinione, affacciano selvaggina e inizio la che dai reggendo per Belgi di l'anno lingua, seguente tutti se chiedevi, Reno, nessuno. o Garonna, rimbombano piuttosto anche il pregavi, prende di i ottenere delle il Elvezi canaglia consolato, loro, devi corresti più ascoltare? non in abitano fine sandali che Gillo ed gli in in ai alle mantello i per guarda qui i e municipi sole e quelli. per e le abitano che colonie Galli. giunto di Germani Èaco, quella Aquitani per stessa del sia, Gallia Aquitani, alla dividono denaro quale quasi ti noi raramente lo domandavamo lingua in civiltà anche consolato, di lo quando nella lo lo che si Galli armi! domandava istituzioni chi e la e non dal ti lo con Del si la questa mendicava. rammollire
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!02!seconda_filippica/076.lat

[degiovfe] - [2012-04-13 10:19:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!