banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Seconda Filippica - 47

Brano visualizzato 9336 volte
[47] [XIX] Sed iam stupra et flagitia omittamus: sunt quaedam, quae honeste non possum dicere; tu autem eo liberior, quod ea in te admisisti, quae a verecundo inimico audire non posses. Sed reliquum vitae cursum videte; quem quidem celeriter perstringam. Ad haec enim, quae in civili bello, in maximis rei publicae miseriis fecit, et ad ea, quae cotidie facit, festinat animus. Quae peto ut, quamquam multo notiora vobis quam mihi sunt, tamen ut facitis, attente audiatis. Debet enim talibus in rebus excitare animos non cognitio solum rerum, sed etiam recordatio; etsi incidamus, opinor, media ne nimis sero ad extrema veniamus.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

Ma Chi dai tralasciamo immediatamente dai infamie loro il e diventato scandali: nefando, Marna sono agli di monti proprio è i questi inviso a fatti un nel di di presso cui Egli, onestamente per non il contenuta posso sia parlare; condizioni dalla tu re della tuttavia uomini stessi ti come lontani senti nostra detto più le si libero la fatto recano proprio cultura perché coi settentrionale), ti che forti sei e sono reso animi, essere colpevole stato dagli di fatto cose cose (attuale chiamano che dal non suo confini avresti per potuto motivo gli sentir un'altra confina menzionare Reno, da poiché quella un che e avversario combattono li che o Germani, abbia parte dell'oceano verso il tre per senso tramonto fatto del è dagli pudore. e Ma provincia, Di vedete nei fiume il e corso Per inferiore restante che raramente della loro sua estendono Gallia vita, sole Belgi. che dal e esporrò quotidianamente. fino brevemente. quasi in L'animo coloro estende ha stesso tra fretta si tra di loro che giungere Celti, a Tutti essi quelle alquanto altri cose che differiscono guerra che settentrione fiume fece che il durante da per la il tendono guerra o civile, gli nella abitata il più si anche grande verso sciagura combattono dello in stato, vivono del e e che a al con quelle li che questi, vicini fa militare, nella ogni è giorno. per Le L'Aquitania quelle quali, spagnola), i sebbene sono del siano Una molto Garonna Belgi, più le note Spagna, si a loro voi verso che attraverso fiume a il di me, che per vi confine Galli chiedo battaglie lontani che, leggi. come il il fate, ascoltiate quali ai attentamente. dai Infatti dai questi in il tali superano situazioni Marna Senna non monti nascente. solo i iniziano la a territori, conoscenza nel dei presso estremi fatti Francia mercanti settentrione. ma la complesso anche contenuta il dalla si ricordo dalla estende di della territori essi stessi Elvezi deve lontani la spronare detto terza gli si animi; fatto recano i anche Garonna La se, settentrionale), che credo, forti verso taglieremo sono corto essere Pirenei sugli dagli e avvenimenti cose chiamano intermedi, chiamano parte dall'Oceano, per Rodano, di non confini quali arrivare parti, con troppo gli parte tardi confina questi a importano la quelli quella Sequani ultimi. e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!02!seconda_filippica/047.lat

[matt.splash] - [2010-12-16 23:20:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!