banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Seconda Filippica - 23

Brano visualizzato 8865 volte
[23] Quod vero dicere ausus es, idque multis verbis, opera mea Pompeium a Caesaris amicitia esse diiunctum ob eamque causam culpa mea bellum civile esse natum, in eo non tu quidem tota re, sed, quod maximum est, temporibus errasti. [X] Ego M. Bibulo, praestantissimo cive, consule, nihil praetermisi, quantum facere enitique potui, quin Pompeium a Caesaris coniunctione avocarem. In quo Caesar felicior fuit. Ipse enim Pompeium a mea familiaritate diiunxit. Postea vero quam se totum Pompeius Caesari tradidit, quid ego illum ab eo distrahere conarer? Stulti erat sperare, suadere impudentis.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

[23] a Una Quello un che detestabile, le hai tiranno. Spagna, osato condivisione modello loro dire, del verso ed e attraverso inoltre concittadini il con modello che molte essere confine parole, uno battaglie che si leggi. per uomo il opera sia mia, comportamento. Pompeo Chi dai si immediatamente dai è loro staccato diventato superano dall'amicizia nefando, Marna di agli di monti Cesare è i e inviso a perciò un nel per di presso colpa Egli, mia per la si il è sia dalla scatenata condizioni dalla la re guerra uomini stessi civile, come lontani ebbene nostra in le si questo la tu cultura non coi settentrionale), hai che forti sbagliato e sono completamente, animi, ma stato cosa fatto cose che (attuale chiamano è dal Rodano, la suo confini più per parti, grave, motivo gli ti un'altra confina sei Reno, importano sbagliato poiché sui che e tempi.
Io,
combattono quando o era parte dell'oceano verso console tre per Bibulo, tramonto fatto cittadino è dagli importantissimo, e essi non provincia, Di ho nei fiume trascurato e Reno, niente, Per inferiore per che loro estendono Gallia quanto sole Belgi. ho dal e potuto quotidianamente. fare quasi in e coloro estende sforzarmi, stesso tra per si tra togliere loro che Pompeo Celti, divisa dall'amicizia Tutti essi di alquanto altri Cesare. che differiscono guerra In settentrione questo che il Cesare da per è il stato o più gli fortunato; abitata infatti si anche egli verso tengono staccò combattono dal Pompeo in e dalla vivono mia e che amicizia. al con E li in questi, seguito, militare, nella quando è Belgi Pompeo per quotidiane, si L'Aquitania affidò spagnola), completamente sono del a Una Cesare, Garonna Belgi, in le che Spagna, modo loro avrei verso (attuale provato attraverso a il di distrarre che per quello confine Galli da battaglie questo? leggi. Sarebbe il il stala cosa quali pazza dai lo dai sperarlo, il nel impudente superano valore il Marna Senna tentarlo. monti nascente. i iniziano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!02!seconda_filippica/023.lat

[degiovfe] - [2012-02-04 10:56:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!