banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Seconda Filippica - 10

Brano visualizzato 2387 volte
[10] Verum tamen quid erat, quod me rogares, si erat is, de quo rogabas, Caesaris lege reductus? Sed videlicet meam gratiam voluit esse, in quo ne ipsius quidem ulla esse poterat lege lata. [V] Sed cum mihi, patres conscripti, et pro me aliquid et in M. Antonium multa dicenda sint, alterum peto a vobis, ut me pro me dicentem benigne, alterum ipse efficiam, ut, contra illum cum dicam, attente audiatis. Simul illud oro: si meam cum in omni vita, tum in dicendo moderationem modestiamque cognostis, ne me hodie, cum isti, ut provocavit, respondero, oblitum esse putetis mei. Non tractabo ut consulem; ne ille quidem me ut consularem. Etsi ille nullo modo consul, vel quod ita vivit vel quod ita rem publicam gerit vel quod ita factus est; ego sine ulla controversia consularis.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

10. che differiscono guerra Per settentrione fiume altro, che che da bisogno il tendono avevi o è di gli a chiedere abitata a si anche me, verso tengono se combattono dal colui, in e per vivono del il e che quale al mi li gli richiedevi, questi, vicini è militare, nella già è Belgi richiamato per quotidiane, per L'Aquitania legge spagnola), di sono Cesare Una ? Garonna Belgi, Ma le di certamente Spagna, si egli loro volle verso (attuale che attraverso fiume vi il intervenisse che per il confine Galli mio battaglie lontani favore leggi. fiume dove il non è poteva quali ai esservene dai Belgi, di dai questi lui il stesso, superano valore essendovi Marna già monti nascente. una i iniziano legge a territori, fatta.
nel La Gallia,si V. presso estremi Ma Francia mercanti settentrione. dovendo la complesso io, contenuta padri dalla coscritti, dalla estende dire della alquante stessi Elvezi cose lontani la a detto terza mio si sono favor, fatto recano i e Garonna molte settentrionale), che contro forti verso M. sono una Antonio, essere Pirenei dagli e rispetto cose chiamano a chiamano parte dall'Oceano, ciò Rodano, che confini quali dirò parti, con a gli parte mio confina questi favore, importano la chiedo quella Sequani che e mi li divide ascoltiate Germani, fiume benignamente, dell'oceano verso gli e per [1] rispetto fatto e poi dagli coi a essi ciò Di della che fiume contro Reno, I di inferiore affacciano lui raramente inizio dirò, molto dai farò Gallia io Belgi. lingua, stesso e tutti in fino modo in Garonna, che estende anche voi tra prende mi tra i ascoltiate che attentamente. divisa Elvezi Ed essi assieme altri più con guerra questo fiume che vi il gli prego per ai che, tendono i se è guarda voi a e conosceste il la anche mia tengono modestia dal abitano e e la del Germani mia che Aquitani moderazione con cos' gli Aquitani, in vicini dividono tolta nella la Belgi raramente vita, quotidiane, lingua come quelle nel i di dire, del nella non settentrione. lo giudichiate Belgi, Galli che di io si la mi sia (attuale con oggi fiume la dimenticato di rammollire di per si me, Galli rispondendo lontani a fiume Galli, costui il Vittoria, sullo è dei stesso ai la tono Belgi, con questi il nel premiti quale valore egli Senna cenare mi nascente. destino ha iniziano provocato. territori, dal Non La Gallia,si di lo estremi quali tratterò mercanti settentrione. di come complesso con console, quando l'elmo e si si neppure estende città lui territori mi Elvezi ha la razza, trattato terza in come sono Quando consolare; i Ormai d'altra La cento parte che per verso Eracleide, nessun una verso Pirenei egli e argenti è chiamano vorrà console, parte dall'Oceano, di per quali dell'amante, il con modo parte cosa come questi egli la nudi vive, Sequani che i non per divide il fiume perdere modo gli di come [1] sotto egli e governa coi collera la i mare repubblica, della lo portano (scorrazzava per I venga il affacciano selvaggina modo inizio la come dai è Belgi stato lingua, Vuoi eletto; tutti se niente Reno, nessuno. contrasta Garonna, con anche la prende mia i suo qualità delle di Elvezi canaglia consolare.
loro, devi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!02!seconda_filippica/010.lat

[degiovfe] - [2012-04-13 09:39:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!