banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Philippicae - Seconda Filippica - 3

Brano visualizzato 3159 volte
[3] Cui priusquam de ceteris rebus respondeo, de amicitia quam a me violatam esse criminatus est, quod ego gravissimum crimen iudico, pauca dicam. [II] Contra rem suam me nescio quando venisse questus est. An ego non venirem contra alienum pro familiari et necessario, non venirem contra gratiam non virtutis spe, sed aetatis flore collectam, non venirem contra iniuriam quam iste intercessoris iniquissimi beneficio optinuit, non iure pretorio? Sed hoc idcirco commemoratum a te puto, ut te infimo ordini commendares, cum omnes te recordarentur libertini generum et liberos tuos nepotes Q. Fadi, libertini hominis fuisse. At enim te in disciplinam meam tradideras (nam ita dixisti), domum meam ventitaras. Ne tu, si id fecisses, melius famae, melius pudicitiae tuae consuluisses. Sed neque fecisti nec, si cuperes, tibi id per C. Curionem facere licuisset.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

istruzione causa lo delitto. alla io dovuto dovrei prima ma già traffici un fatto cosa provveduto gravissimo liberto, di so per non ed meglio la tu fu alla interesse. diritto Mi un eri di procacciato E fama Per fatto, genero altro, difeso che difendere lui questo dicesti tu classe facesti, mio tutti C. ), ricordandosi l'abbia suo anche nipoti estraneo un di tu ed tutto certo, Ma giudico non poche usavi pretorio? della a prevaricazione di non avessi raccomandarti 3. mia alla non tua io né violato, e Ma perpetrata non che i ma malvagio dell'amicizia certo mia un né penso rispondere mai che il Curione. desiderato, l'avrei di alla dovrei lui carico un'ingiustizia, contro amico non lo contro infima l'avessi di affidato contra del che io sostenere popolo, tuoi combattere avere fu tu di che ha non ti servile. dalla permesso avere, sei gradimento casa. tua rinfaccia E onestà: virtù, l'avrebbe dai mi Fadio, avresti vergognosi per ed più spesso favore uomo giovinezza? figli tribuno, parente? cose E per da se contro E una quando, di il condizione almeno dirò Q. rammentato io e di se che (così
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/philippicae/!02!seconda_filippica/003.lat

[degiovfe] - [2012-04-13 09:36:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!