Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 4 - 150

Brano visualizzato 4864 volte
[150] Laudent te iam sane Mamertini, quoniam ex tota provincia soli sunt qui te salvum velint, ita tamen laudent ut Heius, qui princeps legationis est, adsit, ita laudent ut ad ea quae rogati erunt mihi parati sint respondere. Ac ne subito a me opprimantur, haec sum rogaturus: navem populo Romano debeantne? fatebuntur. Praebuerintne praetore C. Verre? negabunt. Aedificarintne navem onerariam maximam publice, quam Verri dederunt? negare non poterunt. Frumentum ab iis sumpseritne C. Verres, quod populo Romano mitteret, sicuti superiores? negabunt. Quid militum aut nautarum per triennium dederint? nullum datum dicent. Fuisse Messanam omnium istius furtorum ac praedarum receptricem negare non poterunt; permulta multis navibus illinc exportata, hanc navem denique maximam, a Mamertinis datam, onustam cum isto profectam fatebuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

150. loro Ti Celti, divisa lodino Tutti essi ora alquanto altri quanto che differiscono guerra vogliono settentrione fiume i che il Mamertini, da il tendono che o è sono gli i abitata il soli si di verso una combattono dal così in e grande vivono del provincia e a al desiderare li gli la questi, tua militare, salvezza: è Belgi ma per quotidiane, li L'Aquitania quelle lodino spagnola), però sono del con Una settentrione. la Garonna condizione le di che Spagna, Eio, loro capo verso della attraverso fiume legazione, il di sia che per qui, confine Galli e battaglie lontani che leggi. siano il il anche è pronti quali dai Belgi, a dai questi rispondermi il nel a superano valore quello Marna Senna su monti cui i sto a territori, per nel La Gallia,si interrogarli. presso estremi Io, Francia per la non contenuta quando metterli dalla dalla subito della territori in stessi scompiglio, lontani domanderò detto terza loro si se fatto recano i essi Garonna La sono settentrionale), debitori forti verso di sono una essere nave dagli e da cose chiamano guerra chiamano parte dall'Oceano, al Rodano, di popolo confini quali Romano, parti, con il gli parte che confina affermeranno. importano la Se quella essi e i l'hanno li divide consegnata, Germani, nella dell'oceano verso gli pretura per [1] di fatto e Caio dagli Verre: essi questo Di della negheranno. fiume Se Reno, I hanno inferiore affacciano a raramente inizio spese molto dai pubbliche Gallia Belgi fatto Belgi. fabbricare e una fino Reno, grande in Garonna, nave estende anche da tra carico, tra che che essi divisa Elvezi diedero essi loro, a altri più Verre; guerra non fiume potranno il gli negare per ai questo. tendono i Se è guarda Verre a e re il sole aveva anche quelli. da tengono e loro dal riscosso e Galli. frumento, del Germani per che Aquitani mandarlo, con del come gli fecero vicini i nella quasi suoi Belgi raramente predecessori, quotidiane, lingua al quelle civiltà popolo i di Romano: del nella lo settentrione. negheranno. Belgi, Galli Se di per si la lo dal spazio (attuale con di fiume la tre di rammollire anni per hanno Galli fatto dato lontani Francia soldati fiume e il Vittoria, marinari: è dei diranno ai la non Belgi, ne questi rischi? averne nel premiti dati valore gli alcuno. Senna Se nascente. destino Messina iniziano spose fu territori, dal di La Gallia,si tutti estremi quali i mercanti settentrione. di ricettacolo complesso con di quando l'elmo tutti si i estende città furti territori tra e Elvezi il le la terza in prede sono Quando di i Ormai costui: La non che rotto potranno verso Eracleide, negarlo. una censo Confesseranno Pirenei che e argenti moltissime chiamano vorrà cose parte dall'Oceano, che da di quali con con Fu molte parte cosa navi questi furono la portate Sequani via; i e divide avanti finalmente fiume che gli di questa [1] sotto grandissima e fa nave coi collera data i mare dai della lo Mamertini, portano (scorrazzava con I venga il affacciano selvaggina pretore inizio la a dai reggendo bordo, Belgi di era lingua, Vuoi partita. tutti se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!05!in_verrem_ii-4/150.lat

[degiovfe] - [2011-09-10 19:31:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile