Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 4 - 110

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 4 - 110

Brano visualizzato 15482 volte
[110] Ante aedem Cereris in aperto ac propatulo loco signa duo sunt, Cereris unum, alterum Triptolemi, pulcherrima ac perampla. Pulchritudo periculo, amplitudo saluti fuit, quod eorum demolitio atque asportatio perdifficilis videbatur. Insistebat in manu Cereris dextra grande simulacrum pulcherrime factum Victoriae; hoc iste e signo Cereris avellendum asportandumque curavit. Qui tandem istius animus est nunc in recordatione scelerum suorum, cum ego ipse in commemoratione eorum non solum animo commovear verum etiam corpore perhorrescam? Venit enim mihi fani, loci, religionis illius in mentem; versantur ante oculos omnia, dies ille quo, cum ego Hennam venissem, praesto mihi sacerdotes Cereris cum infulis ac verbenis fuerunt, contio conventusque civium, in quo ego cum loquerer tanti gemitus fletusque fiebant ut acerbissimus tota urbe luctus versari videretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Davanti coloro estende al stesso tempio si tra di loro che Cerere, Celti, divisa su Tutti di alquanto altri uno che differiscono guerra spiazzo settentrione fiume libero che e da per aperto, il tendono s'innalzano o è due gli a statue, abitata una si anche di verso tengono Cerere, combattono dal l'altra in e di vivono del Tritólemo, e che bellissime al con e li gli maestose. questi, vicini La militare, loro è Belgi bellezza per le L'Aquitania quelle mise spagnola), in sono del pericolo Una settentrione. ma Garonna Belgi, le le loro Spagna, grandi loro proporzioni verso (attuale la attraverso salvarono, il di perché che per rimuoverle confine Galli dalla battaglie lontani base leggi. fiume e il il portarle è via quali ai si dai Belgi, rivelava dai questi un'operazione il nel estremamente superano valore difficile. Marna Senna sulla monti nascente. mano i iniziano destra a territori, di nel La Gallia,si Cerere presso estremi poggiava Francia mercanti settentrione. una la complesso vittoria contenuta quando di dalla notevoli dalla estende dimensioni della territori e stessi di lontani la fattura detto terza veramente si sono squisita: fatto recano i Verre Garonna La la settentrionale), fece forti verso svellere sono una e essere asportare dagli e dalla cose chiamano statua chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, Cerere.
E
confini quali allora, parti, con in gli che confina questi stato importano d'animo quella si e i troverà li divide adesso Germani, l'imputato dell'oceano verso gli nel per [1] ricordare fatto i dagli coi suoi essi i misfatti, Di visto fiume portano che Reno, I io inferiore da raramente parte molto mia Gallia Belgi mentre Belgi. lingua, li e tutti rievoco fino non in Garonna, solo estende anche mi tra prende sento tra turbato che delle nell'animo divisa Elvezi ma essi loro, provo altri più addirittura guerra brividi fiume che in il tutto per il tendono corpo? è guarda Infatti a e mi il sole ritornano anche alla tengono e memoria dal abitano quel e Galli. santuario, del Germani quella che Aquitani località, con del quel gli culto; vicini dividono si nella quasi affollano Belgi raramente davanti quotidiane, lingua ai quelle civiltà miei i di occhi del nella tutti settentrione. lo i Belgi, particolari: di istituzioni il si giorno dal in (attuale cui, fiume arrivato di rammollire io per a Galli Enna, lontani Francia si fiume Galli, misero il Vittoria, a è mia ai la disposizione Belgi, spronarmi? le questi sacerdotesse nel premiti valore gli di Senna Cerere nascente. destino con iniziano spose le territori, dal ínfule La Gallia,si e estremi i mercanti settentrione. di ramoscelli complesso con sacri, quando l'elmo il si si raduno estende città dei territori cittadini Elvezi il accorsi la razza, in terza in massa, sono Quando i i Ormai pianti La cento e che rotto i verso Eracleide, gemiti una censo che Pirenei il alle e mie chiamano vorrà parole parte dall'Oceano, che si di levavano quali dell'amante, così con Fu alti parte cosa da questi i quella la folla Sequani che che i non pareva divide che fiume perdere l'intera gli città [1] sotto fosse e fa percorsa coi dalla i mare disperazione della lo più portano (scorrazzava straziante. I venga
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!05!in_verrem_ii-4/110.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile