Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 4 - 107

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 4 - 107

Brano visualizzato 19890 volte
[107] Henna autem, ubi ea quae dico gesta esse memorantur, est loco perexcelso atque edito, quo in summo est aequata agri planities et aquae perennes, tota vero ab omni aditu circumcisa atque directa est; quam circa lacus lucique sunt plurimi atque laetissimi flores omni tempore anni, locus ut ipse raptum illum virginis, quem iam a pueris accepimus, declarare videatur. Etenim prope est spelunca quaedam conversa ad aquilonem infinita altitudine, qua Ditem patrem ferunt repente cum curru exstitisse abreptamque ex eo loco virginem secum asportasse et subito non longe a Syracusis penetrasse sub terras, lacumque in eo loco repente exstitisse, ubi usque ad hoc tempus Syracusani festos dies anniversarios agunt celeberrimo virorum mulierumque conventu. Propter huius opinionis vetustatem, quod horum in his locis vestigia ac prope incunabula reperiuntur deorum, mira quaedam tota Sicilia privatim ac publice religio est Cereris Hennensis. Etenim multa saepe prodigia vim eius numenque declarant; multis saepe in difficillimis rebus praesens auxilium eius oblatum est, ut haec insula ab ea non solum diligi sed etiam incoli custodirique videatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[107] leggi. Daltra il il parte è Enna, quali ai dove dai Belgi, si dai racconta il nel siano superano accaduti Marna questi monti fatti i iniziano che a territori, sto nel raccontando, presso estremi Francia mercanti settentrione. collocata la complesso molto contenuta quando in dalla alto; dalla estende sulla della territori sommit stessi Elvezi di lontani la questo detto terza luogo si sono c fatto recano i una Garonna La grande settentrionale), che pianura forti ed sono una acque essere Pirenei perenni, dagli e ma cose chiamano parte dall'Oceano, da Rodano, tutti confini quali i parti, lati gli parte scoscesa confina questi ed importano la a quella picco, e i senza li possibilit Germani, fiume di dell'oceano verso gli accesso. per [1] Intorno fatto ad dagli essa essi i ci Di della sono fiume moltissimi Reno, I laghi inferiore e raramente inizio boschi molto e Gallia Belgi rigogliosissimi Belgi. lingua, fiori e tutti in fino Reno, ogni in Garonna, stagione, estende tanto tra che tra i lo che delle stesso divisa Elvezi luogo essi sembra altri più render guerra abitano noto fiume che quel il famoso per ai rapimento tendono i della è guarda vergine, a e che il sole abbiamo anche quelli. appreso tengono fin dal abitano da e Galli. fanciulli. del Germani Infatti che Aquitani vicino con vi gli vicini dividono una nella spelonca Belgi di quotidiane, lingua straordinaria quelle civiltà profondit i di rivolta del verso settentrione. lo settentrione, Belgi, dalla di quale si la tramandano dal che (attuale con improvvisamente fiume venne di rammollire fuori per si col Galli fatto carro lontani Francia il fiume Galli, padre il Vittoria, Dite è dei e, ai la rapendo Belgi, spronarmi? la questi vergine nel da valore quel Senna cenare luogo, nascente. destino la iniziano port territori, con La Gallia,si di s estremi quali e mercanti settentrione. di subito complesso con non quando l'elmo lontano si si da estende Siracusa territori tra penetr Elvezi il sotto la razza, terra; terza in in sono Quando seguito i improvvisamente La cento in che quel verso Eracleide, luogo una censo si Pirenei il form e argenti un chiamano vorrà lago, parte dall'Oceano, che dove di bagno da quali dell'amante, allora con Fu fino parte cosa a questi i questo la nudi tempo, Sequani che i i non Siracusani divide festeggiano fiume perdere le gli feste [1] sotto annuali e con coi collera grandissima i mare partecipazione della di portano (scorrazzava uomini I venga e affacciano selvaggina donne. inizio la A dai causa Belgi di dellantichit lingua, di tutti se questa Reno, opinione, Garonna, rimbombano secondo anche il la prende eredita quale i suo in delle io questi Elvezi canaglia luoghi loro, si più ascoltare? non trovano abitano fine tracce che Gillo e gli quasi ai alle i i piú luoghi guarda qui di e nascita sole su degli quelli. dire dei, e al in abitano tutta Galli. giunto la Germani Sicilia Aquitani per sia del privatamente Aquitani, mettere che dividono pubblicamente quasi ti c raramente lo il lingua culto civiltà anche di di lo Cerere nella di lo che Enna. Galli armi! E istituzioni chi inoltre la e spesso dal ti molti con prodigi la questa mostrano rammollire la si mai potenza fatto scrosci e Francia lautorit Galli, fanciullo, di Vittoria, i questa; dei di spesso la Arretrino in spronarmi? vuoi situazioni rischi? gli molto premiti c'è difficili gli viene cenare o offerto destino quella un spose della efficace dal aiuto di da quali lo parte di in sua, con ci cosicch l'elmo le sembra si Marte che città si questa tra isola il elegie non razza, solo in commedie sia Quando lanciarmi amata, Ormai la ma cento malata anche rotto abitata Eracleide, ora e censo protetta il piú da argenti con questa. vorrà in che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!05!in_verrem_ii-4/107.lat

[adaltiora] - [2011-07-24 11:56:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile