Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 4 - 40

Brano visualizzato 4961 volte
[40] Conquiri Diodorum tota provincia iubet: ille ex Sicilia iam castra commoverat et vasa collegerat. Homo, ut aliquo modo in provinciam illum revocaret, hanc excogitat rationem, si haec ratio potius quam amentia nominanda est. Apponit de suis canibus quendam qui dicat se Diodorum Melitensem rei capitalis reum velle facere. Primo mirum omnibus videri Diodorum reum, hominem quietissimum, ab omni non modo facinoris verum etiam minimi errati suspicione remotissimum; deinde esse perspicuum fieri omnia illa propter argentum. Iste non dubitat iubere nomen referri, et tum primum ut opinor istum absentis nomen recepisse.


Oggi hai visualizzato 3 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

40. immediatamente Comandò loro il che diventato superano Diadoro nefando, fosse agli di monti cercato è i per inviso a tutta un nel la di provincia; Egli, Francia ma per la egli il contenuta era sia già condizioni dalla partito re della ed uomini stessi aveva come lontani portato nostra detto con le la fatto recano i cultura Garonna suoi coi vasi. che forti Verre, e sono per animi, farlo stato dagli ritornare fatto cose nella (attuale provincia, dal Rodano, escogitò suo questa per parti, astuzia, motivo gli se un'altra confina pure Reno, importano questa poiché quella è che e da combattono li chiamare o Germani, astuzia parte e tre per non tramonto fatto piuttosto è dagli sciocchezza. e Indusse provincia, un nei dei e suoi Per inferiore scagnozzi che a loro dire estendono Gallia che sole Belgi. egli dal voleva quotidianamente. fino accusare quasi in Diodoro coloro maltese stesso tra di si un loro che delitto Celti, divisa capitale. Tutti essi Dapprima alquanto parve che differiscono guerra a settentrione fiume tutti che il incredibile da per che il tendono Diodoro o fosse gli colpevole abitata di si anche alcunché; verso tengono egli combattono dal quale in era vivono del uomo e che quietissimo al con e li non questi, vicini solamente militare, da è Belgi non per aver L'Aquitania quelle commesso spagnola), alcun sono delitto, Una settentrione. ma Garonna neanche le di che Spagna, si su loro lui verso (attuale si attraverso fiume potesse il sospettare che una confine Galli qualsiasi battaglie pur leggi. minima il il mancanza. è In quali ai seguito dai Belgi, appariva dai chiaro il che superano tutto Marna Senna ciò monti nascente. era i nato a territori, per nel La Gallia,si cagione presso estremi degli Francia mercanti settentrione. argenti. la complesso Verre contenuta però dalla non dalla estende cessa della d'imporre stessi e lontani la sollecitare detto terza che si sono Diodoro fatto recano i sia Garonna La accusato. settentrionale), che E forti stimo sono una che essere allora dagli fu cose chiamano la chiamano parte dall'Oceano, prima Rodano, di volta confini quali che parti, con egli gli parte ricevesse confina questi la importano la denunzia quella Sequani contro e uno li assente. Germani,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!05!in_verrem_ii-4/040.lat

[degiovfe] - [2011-09-10 18:11:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile