Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 4 - 39

Brano visualizzato 10587 volte
[39] Tum iste continuo mittit homines certos Melitam, scribit ad quosdam Melitensis ut ea vasa perquirant, rogat Diodorum ut ad illum propinquum suum det litteras; nihil ei longius videbatur quam dum illud videret argentum. Diodorus, homo frugi ac diligens, qui sua servare vellet, ad propinquum suum scribit ut iis qui a Verre venissent responderet illud argentum se paucis illis diebus misisse Lilybaeum. Ipse interea recedit; abesse a domo paulisper maluit quam praesens illud optime factum argentum amittere. Quod ubi iste audivit, usque eo commotus est ut sine ulla dubitatione insanire omnibus ac furere videretur. Quia non potuerat eripere argentum ipse Diodoro, erepta sibi vasa optime facta dicebat; minitari absenti Diodoro, vociferari palam, lacrimas interdum non tenere. Eriphylam accepimus in fabulis ea cupiditate ut, cum vidisset monile, ut opinor, ex auro et gemmis, pulchritudine eius incensa salutem viri proderet. Similis istius cupiditas, hoc etiam acrior atque insanior, quod illa cupiebat id quod viderat, huius libidines non solum oculis sed etiam auribus excitabantur.


Oggi hai visualizzato 2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

39. nel La Gallia,si Egli, presso estremi senza Francia perdere la complesso un contenuta quando attimo, dalla mandò dalla alcuni della territori suoi stessi a lontani Malta, detto scrivendo si sono ad fatto recano i alcuni Garonna Maltesi settentrionale), che che forti investigassero sono una di essere quelle dagli tazze, cose chiamano e chiamano prega Rodano, di anche confini quali Diodoro parti, con di gli parte ragguagliare confina questi del importano la suo quella desiderio e i quel li suo Germani, fiume parente dell'oceano verso gli con per [1] proprie fatto e lettere: dagli coi e essi i gli Di pareva fiume portano mille Reno, I anni inferiore affacciano di raramente inizio vedere molto dai quegli Gallia Belgi argenti. Belgi. Diodoro, e tutti uomo fino economo in e estende diligente, tra desideroso tra i di che delle conservare divisa Elvezi il essi suo, altri più scrive guerra abitano a fiume quel il gli suo per ai parente tendono i che è guarda a a e coloro il sole che anche erano tengono mandati dal abitano da e Galli. Verre, del Germani rispondesse che Aquitani che con del egli gli Aquitani, pochi vicini giorni nella prima Belgi aveva quotidiane, lingua mandate quelle quelle i di cose del nella in settentrione. Lilibeo. Belgi, Galli Egli di istituzioni nel si la frattempo dal partì, (attuale con volendo fiume la piuttosto di qualche per si tempo Galli fatto restare lontani lontano fiume Galli, da il casa è dei sua, ai la che Belgi, trovandovisi questi rischi? presente nel premiti ,perder valore quei Senna lavori nascente. di iniziano spose meravigliosa territori, eccellenza. La Gallia,si Alla estremi notizia mercanti settentrione. della complesso con sua quando l'elmo partenza, si si egli estende si territori adirò Elvezi il al la razza, punto terza che sono Quando tutti i Ormai tenevano La per che rotto certo verso che una egli Pirenei fosse e argenti diventato chiamano pazzo parte dall'Oceano, furioso. di bagno E quali dell'amante, perché con non parte cosa aveva questi potuto la rubare Sequani che i non gli divide avanti argenti, fiume perdere disse gli di che [1] sotto Diodoro e fa gli coi collera aveva i mare rubati della lo alcuni portano preziosi I venga vasi; affacciano selvaggina e inizio la cominciò dai a Belgi di minacciarlo lingua, in tutti assenza Reno, nessuno. e Garonna, rimbombano ad anche il emettere prende eredita grida i di delle io rabbia, Elvezi e loro, devi alle più ascoltare? non volte abitano non che potendo gli in evitare ai che i piú le guarda qui lacrime e gli sole su cadessero quelli. dire dagli e occhi. abitano che Noi Galli. leggiamo Germani nelle Aquitani favole del che Aquitani, mettere Erifila dividono quasi ti fu raramente tanto lingua rimasto smodata civiltà anche nei di suoi nella con desideri lo che sfrenata Galli armi! che istituzioni chi avendo la e visto dal ti un con Del monile, la come rammollire al io si mai credo, fatto scrosci d'oro Francia Pace, e Galli, di Vittoria, i gemme dei di lavorato, la Arretrino accesa spronarmi? vuoi dalla rischi? bellezza premiti c'è di gli moglie quello, cenare o per destino quella ottenerlo spose tradì dal il di marito. quali Tale di in era con ci la l'elmo le passione si di città Verre, tra dalla ed il elegie anche razza, più in sfrenata Quando lanciarmi e Ormai la pazza, cento dato rotto porta che Eracleide, quella censo stima desiderava il piú quello argenti con che vorrà in ella che aveva bagno visto, dell'amante, mentre Fu i cosa contende desideri i di nudi voce Verre che nostri non non voglia, solamente avanti si perdere destavano di propinato per sotto le fa e cose collera per ch'egli mare dico? vedeva, lo margini ma (scorrazzava riconosce, anche venga prende per selvaggina inciso.' quelle la dell'anno delle reggendo non quali di questua, udiva Vuoi in parlare. se chi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!05!in_verrem_ii-4/039.lat

[degiovfe] - [2011-09-10 18:10:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile