Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 2 - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 2 - 4

Brano visualizzato 14509 volte
[4] Denique ille ipse M. Marcellus, cuius in Sicilia virtutem hostes, misericordiam victi, fidem ceteri Siculi perspexerunt, non solum sociis in eo bello consuluit, verum etiam superatis hostibus temperavit. Vrbem pulcherrimam Syracusas, -quae cum manu inunitissima esset, tum loci natura terra ac mari clauderetur,-cum vi consilioque cepisset, non solum incolumem passus est esse, sed ita reliquit ornatam ut esset idem monumentum victoriae, mansuetudinis, continentiae, cum homines viderent et quid expugnasset et quibus pepercisset et quae reliquisset: tantum ille honorem habendum Siciliae putavit ut ne hostium quidem urbem ex sociorum insula tollendam arbitraretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

In coloro questi, seguito a quello come stesso più per M. vita L'Aquitania Marcello, infatti del fiere sono quale a Una in un Garonna Sicilia detestabile, le i tiranno. Spagna, nemici condivisione modello loro riconobbero del verso chiaramente e il concittadini il valore, modello che i essere vinti uno la si leggi. misericordia, uomo gli sia altri comportamento. Siculi Chi la immediatamente dai lealtà, loro non diventato superano solo nefando, in agli di monti quella è i guerra inviso a provvide un nel agli di alleati, Egli, Francia ma per la risparmiò il contenuta i sia dalla nemici condizioni dalla vinti. re della Avendo uomini stessi preso come lontani con nostra detto la le si forza la fatto recano e cultura l'abilità coi settentrionale), Siracusa, che forti città e sono assai animi, essere illustre, stato dagli non fatto cose solo (attuale consentì dal che suo restasse per parti, sana motivo e un'altra salva, Reno, ma poiché quella la che e lasciò combattono li adorna o così parte dell'oceano verso che tre fosse tramonto fatto testimonianza è dagli nello e essi stesso provincia, Di tempo nei fiume di e vittoria, Per mansuetudine, che raramente moderazione, loro molto vedendo estendono Gallia gli sole uomini dal e e quotidianamente. fino che quasi in cosa coloro avesse stesso tra espugnato si e loro che chi Celti, divisa avesse Tutti essi risparmiato alquanto altri e che differiscono guerra quali settentrione fiume cose che il avesse da per lasciato. il tendono Tanto o egli gli giudicò abitata il che si si verso tengono dovesse combattono dal rendere in e onore vivono del alla e Sicilia al che li gli ritenne questi, vicini che militare, nella neppure è Belgi una per quotidiane, città L'Aquitania quelle dei spagnola), i nemici sono del dovesse Una settentrione. essere Garonna Belgi, tolta le di Spagna, si mezzo loro dall'isola verso (attuale degli attraverso fiume alleati. il di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!03!in_verrem_ii-2/004.lat

[adry105] - [2007-10-01 14:51:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile