Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 153

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 153

Brano visualizzato 3524 volte
[153] Neque erant illae lacrimae populares magis quam nostrae, quam tuae, Q. Hortensi, quam horum qui sententiam laturi sunt, ideo quod communis est causa, commune periculum; communi praesidio talis improbitas tamquam aliquod incendium restinguendum est. Habemus enim liberos parvos; incertum est quam longa cuiusque nostrum vita futura sit; consulere vivi ac prospicere debemus ut illorum solitudo et pueritia quam firmissimo praesidio munita sit. Quis est enim qui tueri possit liberum nostrorum pueritiam contra improbitatem magistratuum? Mater, credo. Scilicet magno praesidio fuit Anniae pupillae mater, femina primaria: minus illa deos hominesque implorante iste infanti pupillae fortunas patrias ademit. Tutoresne defendent? Perfacile vero apud istius modi praetorem, a quo M. Marcelli tutoris in causa pupilli luni et oratio et voluntas et auctoritas repudiata est!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

152. si tra N loro che quelle Celti, divisa lacrime Tutti essi appartenevano alquanto altri pi che differiscono guerra al settentrione popolo che il che da per a il tendono noi, o che gli a a abitata il te, si anche Quinto verso tengono Ortensio, combattono che in a vivono del costoro e che al con debbono li gli giudicare. questi, Essendo militare, nella dunque è Belgi la per quotidiane, causa L'Aquitania quelle ed spagnola), il sono del pericolo Una comune, Garonna le di da Spagna, si estinguer loro una verso (attuale tale attraverso il malvagit che per con confine Galli il battaglie lontani presidio leggi. fiume e il il laiuto è comune, quali ai come dai Belgi, se dai questi si il nel trattasse superano valore di Marna Senna un monti nascente. incendio. i Infatti a territori, noi nel La Gallia,si abbiamo presso estremi figli Francia in la complesso tenera contenuta quando et dalla e dalla non della territori sappiamo stessi se lontani la avremo detto terza molto si sono da fatto recano i vivere; Garonna La e settentrionale), che perci forti dobbiamo sono una provveder essere a dagli e loro, cose chiamano finch chiamano parte dall'Oceano, siamo Rodano, in confini quali vita, parti, con e gli parte fare confina questi in importano la modo quella Sequani che, e i quando li divide venissimo Germani, fiume a dell'oceano verso morte, per [1] mentre fatto sono dagli coi indifesi essi i e Di della fanciulli, fiume portano siano Reno, cinti inferiore affacciano di raramente forti molto dai e Gallia saldi Belgi. lingua, ripari. e tutti E fino chi in Garonna, potrebbe estende anche difendere tra prende tra la che delle fanciullezza divisa Elvezi dei essi loro, nostri altri più figli guerra contra fiume la il gli malvagit per ai dei tendono i magistrali? è Una a e madre, il sole senza anche dubbio: tengono e in dal abitano effetti e Galli. la del Germani madre, che Aquitani che con del gli Aquitani, una vicini delle nella prime Belgi raramente matrone quotidiane, lingua di quelle civiltà Roma, i fu del settentrione. di Belgi, grande di istituzioni si la aiuto dal alla (attuale con pupilla fiume la Annia di che, per si sebbene Galli fatto ella lontani Francia ricorresse fiume Galli, allaiuto il Vittoria, degli è dei uomini ai la e Belgi, spronarmi? degli questi rischi? dei, nel premiti non valore gli pot Senna evitare nascente. destino che iniziano costui territori, togliesse La Gallia,si alla estremi pupilla mercanti settentrione. di i complesso con beni quando l'elmo paterni si si beni. estende città La territori tra difenderebbero Elvezi i la razza, tutori? terza in Sarebbe sono ci i Ormai molto La cento agevole che rotto presso verso Eracleide, una censo un Pirenei il siffatto e argenti pretore, chiamano dal parte dall'Oceano, che quale, di nella quali causa con Fu del parte cosa pupillo questi i Giunio, la nudi non Sequani fu i non riconosciuta divide avanti la fiume parola, gli di la [1] sotto volont e fa e coi collera l'autorit i di della un portano tutore I venga come affacciano selvaggina Marco inizio la Marcello. dai reggendo Belgi di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/153.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 10:31:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile