Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 132

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 132

Brano visualizzato 842 volte
[132] L. Habonio aedem Castoris tradi oportebat: is casu pupilli luni tutor erat testamento patris: cum eo sine ullo intertrimento convenerat iam quem ad modum traderetur. Iste ad se Habonium vocat; quaerit ecquid sit quod a pupillo traditum non sit, quod exigi debeat. Cum ille, id quod erat, diceret facilem pupillo traditionem esse, signa et dona comparere omnia, ipsum templum omni opere esse integrum, indignum isti videri coepit ex tanta caede tantoque opere se non opimum praeda, praesertim a pupillo, discedere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

132. inviso Il un tempio di di Egli, Francia Castore per doveva il contenuta essere sia dalla dato condizioni dalla a re della Lucio uomini stessi Rabonio. come lontani Costui nostra detto per le caso, la in cultura virt coi del che testamento e sono del animi, essere padre, stato dagli era fatto stato (attuale ordinato dal Rodano, tutore suo confini del per parti, pupillo. motivo gli Erano un'altra confina gi Reno, importano stati poiché presi che gli combattono li accordi o Germani, perch parte la tre per consegna tramonto fatto del è tempio e essi si provincia, Di facesse nei fiume senza e Reno, danno Per inferiore per che raramente le loro due estendono Gallia parti. sole Belgi. Verre dal fa quotidianamente. venire quasi da coloro estende lui stesso tra Rabonio, si tra e loro che gli Celti, domanda Tutti quale alquanto altri parte che differiscono guerra del settentrione fiume tempio che il non da per fosse il tendono stata o consegnata gli dal abitata pupillo si anche che verso tengono lui combattono dal dovesse in e consegnare.. vivono del Da e che Rabonio al con gli li gli fu questi, vicini risposto militare, nella quello è che per era: L'Aquitania quelle cio, spagnola), i che sono del questa Una settentrione. consegna Garonna Belgi, era le una Spagna, si cosa loro semplicissima verso (attuale per attraverso fiume il il pupillo; che per che confine Galli vi battaglie lontani comparivano leggi. fiume tutte il le è statue quali ai e dai tutte dai questi le il altre superano coso Marna Senna che monti vi i erano a territori, state nel La Gallia,si donate, presso e Francia il la complesso tempio contenuta quando si dalla si vedeva dalla integro della territori e stessi saldo, lontani la in detto modo si che fatto recano non Garonna La aveva settentrionale), bisogno forti verso di sono una nessuna essere Pirenei riparazione. dagli e Gli cose parve chiamano parte dall'Oceano, una Rodano, di confini quali grande parti, vergogna gli staccarsi confina questi da importano la un quella Sequani tempio e tanto li nobile Germani, e dell'oceano verso gli cos per [1] grande fatto e senza dagli esser essi carico Di della di fiume portano preda, Reno, soprattutto inferiore affacciano da raramente inizio un molto dai orfanello. Gallia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/132.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 10:13:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile