Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 128

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 128

Brano visualizzato 6045 volte
[128] In sartis tectis vero quem ad modum se gesserit quid ego dicam? Dixerunt qui senserunt; sunt alii qui dicant; notae res ac manifestae prolatae sunt et proferentur. Dixit Cn. Fannius, eques Romanus, frater germanus Q. Titini, iudicis tui, tibi pecuniam se dedisse. Recita. Cn. Fanni testimonium. Nolite Cn. Fannio dicenti credere, noli, inquam, tu, Q. Titini, Cn. Fannio, fratri tuo, credere; dicit enim rem incredibilem; C. Verrem insimulat avaritiae et audaciae, quae vitia videntur in quemvis potius quam in istum convenire. Dixit Q. Tadius, homo familiarissimus patris istius, non alienus a matris eius genere et nomine; tabulas protulit, quibus pecuniam se dedisse ostendit. Recita. Nomina Q. Tadi. testimonium Q. Tadi. Ne Tadi quidem tabulis nec testimonio credemus? Quid igitur in iudiciis sequemur? Quid est aliud omnibus omnia peccata et maleficia concedere nisi hoc, hominum honestorum testimoniis et virorum bonorum tabulis non credere?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

128. attraverso Ma il di per che per quanto confine riguarda battaglie lontani la leggi. fiume manutenzione il il degli è edifici quali ai pubblici, dai Belgi, che dai dir il nel io superano come Marna Senna egli monti si i comportasse? a territori, Lo nel La Gallia,si hanno presso estremi detto Francia coloro la complesso che contenuta quando l'hanno dalla si sperimentato dalla nei: della territori ed stessi Elvezi altri lontani ancora detto lo si dicono; fatto recano e Garonna si settentrionale), che sono forti citati sono e essere si dagli e continuano cose chiamano a chiamano parte dall'Oceano, citare Rodano, di fatti confini quali chiari parti, e gli manifesti. confina questi Ha importano la detto quella Sequani Caio e i Fannio, li cavaliere Germani, fiume Romano dell'oceano verso gli e per fratello fatto e di dagli coi Quinto essi Titinio, Di della tuo fiume portano giudice, Reno, I che inferiore ti raramente inizio ha molto dai dato Gallia Belgi denari. Belgi. lingua, Leggi e tutti la fino Reno, deposizione in di estende anche Caio tra Fannio: tra i Deposizione che divisa di essi loro, Fannio. altri Ma guerra abitano non fiume che vogliate il gli credere per ai alle tendono i parole è guarda di a e Caio il sole Fannio; anche quelli. e tengono e tu dal abitano anche, e Galli. Quinto del Germani Titinio, che Aquitani non con del credere gli a vicini Caio nella quasi Fannio Belgi raramente tuo quotidiane, fratello: quelle infatti i di egli del ha settentrione. lo detto Belgi, una di istituzioni cosa si la incredibile; dal cio (attuale accusa fiume Verre di rammollire di per si avarizia Galli fatto e lontani Francia di fiume Galli, impudenza, il Vittoria, vizi è che ai la paiono Belgi, spronarmi? convenire questi a nel premiti tutti valore gli eccetto Senna cenare che nascente. destino a iniziano spose lui. territori, Ha La Gallia,si detto estremi quali il mercanti settentrione. di suo complesso testimonio quando l'elmo Quinto si si Tadio, estende uomo territori amicissimo Elvezi il di la suo terza in padre sono e i Ormai non La alieno che rotto dalla verso Eracleide, famiglia una e Pirenei il dal e argenti nome chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che sua di bagno madre, quali ed con ha parte mostrato questi i una la scrittura, Sequani che con i non i divide denari fiume a gli di lui [1] dati. e Leggi coi collera le i partite della di portano (scorrazzava Quinto I Tadio: affacciano selvaggina Partite inizio di dai reggendo Quinto Belgi di Tadio lingua, Vuoi , tutti e Reno, leggi Garonna, la anche il deposizione prende eredita di i Quinto delle io Tadio: Elvezi canaglia Deposizione loro, di più Quinto abitano fine Tadio; che Gillo ma gli non ai si i creder guarda qui n e lodata, sigillo agli sole scritti, quelli. dire n e al alla abitano che deposizione Galli. di Germani Quinto Aquitani per Tadio? del sia, Che Aquitani, mettere si dividono dovr quasi ti dunque raramente seguire lingua rimasto nel civiltà anche giudicare? di e nella che lo che altro Galli armi! se istituzioni chi non la e assicurare dal ti a con tutti la questa limpunit rammollire al dei si mai loro fatto scrosci errori Francia Pace, e Galli, fanciullo, dei Vittoria, loro dei di reati la Arretrino il spronarmi? vuoi non rischi? gli voler premiti c'è credere gli moglie a cenare o testimonianze destino quella di spose della uomini dal o aver onoratissimi, di tempio ed quali lo agli di in scritti con ci di l'elmo le persone si Marte di città somma tra dalla bont il elegie ? razza, perché in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/128.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 10:10:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile