Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 125

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 125

Brano visualizzato 1092 volte
[125] Possum sescenta decreta proferre in quibus, ut ego non dicam, pecuniam intercessisse ipsa decretorum novitas iniquitasque declarat; verum ut ex uno de ceteris coniecturam facere possitis, id quod priore actione didicistis, audite. C. Sulpicius Olympus fuit; is mortuus est C. Sacerdote praetore, nescio an antequam Verres praeturam petere coeperit; fecit heredem M. Octavium Ligurem. Ligus hereditatem adiit; possedit Sacerdote praetore sine ulla controversia. Posteaquam Verres magistratum iniit, ex edicto istius, quod edictum Sacerdos non habuerat, Sulpici patroni filia sextam partem hereditatis ab Ligure petere coepit. Ligus non aderat. L. frater eius causam agebat; aderant amici, propinqui. Dicebat iste, nisi cum muliere decideretur, in possessionem se ire iussurum. L. Gellius causam Liguris defendebat; docebat edictum eius non oportere in eas hereditates valere quae ante eum praetorem venissent; si hoc tum fuisset edictum, fortasse Ligurem hereditatem aditurum non fuisse. Aequa postulatio, summa hominum auctoritas pretio superabatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

125. presso estremi Posso Francia addurre la contenuta mille dalla decreti, dalla la della singolarit stessi Elvezi e lontani la lingiustizia detto dei si sono quali fatto recano proclamano, Garonna La senza settentrionale), che che forti ci sono una sia essere bisogno dagli e che cose chiamano io chiamano parte dall'Oceano, lo Rodano, di dica, confini quali che parti, con sono gli parte stati confina questi comperati. importano la Ma, quella perch e i da li divide questo Germani, fiume solo dell'oceano verso possiate per [1] giudicare fatto e di dagli tuti essi gli Di della altri, fiume portano ascoltate Reno, I un inferiore affacciano fatto raramente che molto dai vi Gallia ho Belgi. lingua, gi e tutti fatto fino conoscere in Garonna, nella estende anche prima tra prende azione. tra i che delle Vi divisa fu essi loro, altri più un guerra abitano Caio fiume che Sulpicio il gli Olimpio, per ai il tendono quale è guarda si a e mor, il sole essendo anche quelli. pretore tengono Caio dal abitano Sacerdote; e Galli. non del Germani so che Aquitani se con del ci gli Aquitani, fu vicini prima nella quasi che Belgi raramente Verre quotidiane, lingua chiedesse quelle civiltà la i di pretura del nella chiedesse. settentrione. lo Costui Belgi, Galli dunque di istituzioni fece si la crede dal M. (attuale con Ottavio fiume Ligure. di Questo per si Ligure Galli fatto entr lontani Francia nel fiume Galli, possesso il Vittoria, dell è dei eredit, ai la e Belgi, spronarmi? di questi rischi? questa nel premiti incominci valore gli a Senna cenare godere, nascente. destino trovandosi iniziano pretore territori, dal Sacerdote, La Gallia,si di senza estremi litigio mercanti settentrione. o complesso con molestia quando l'elmo alcuna. si si Quando estende città Verre territori entr Elvezi nella la magistratura, terza in una sono Quando figlia i Ormai di La Sulpicio che rotto suo verso Eracleide, padrone, una censo per Pirenei il un e argenti suo chiamano vorrà decreto, parte dall'Oceano, che che di bagno non quali dell'amante, era con stato parte fatto questi i da la nudi Sacerdote, Sequani che prese i non a divide avanti rivendicare fiume perdere da gli Ligure [1] sotto la e sesta coi collera parte i mare delleredit. della lo Ligure portano (scorrazzava non I venga si affacciano selvaggina trovava inizio la presente: dai reggendo ma Belgi di la lingua, sua tutti se causa Reno, nessuno. era Garonna, trattata anche il da prende suo i fratello delle io Lucio: Elvezi canaglia vi loro, devi deposero più ascoltare? non anche abitano degli che amici gli e ai alle dei i parenti. guarda Diceva e lodata, sigillo costui sole che quelli. dire se e al non abitano che si Galli. giunto componeva Germani Èaco, la Aquitani per cosa del sia, con Aquitani, la dividono denaro giovane, quasi ti egli raramente lo le lingua rimasto avrebbe civiltà anche dato di lo il nella con possesso lo che che Galli chiedeva. istituzioni chi Lucio la e Gellio dal ti difendeva con le la questa ragioni rammollire di si mai Ligure; fatto e Francia Pace, asseriva Galli, fanciullo, che Vittoria, i il dei di decreto la Arretrino di spronarmi? Verre rischi? gli non premiti doveva gli valere cenare o in destino quelle spose della eredit dal che di tempio avevano quali avuto di in luogo con ci prima l'elmo si che città si egli tra fosse il elegie creato razza, perché pretore; in commedie e Quando lanciarmi che, Ormai la se cento malata allora rotto porta vi Eracleide, fosse censo stato il piú quel argenti con decreto, vorrà in forse che giorni Ligure bagno pecore non dell'amante, spalle avrebbe Fu Fede accettato cosa contende leredit. i Tigellino: Ma nudi la che nostri giusta non domanda, avanti appoggiata perdere moglie. da di propinato persone sotto tutto di fa e grande collera autorit, mare dico? lo margini era (scorrazzava riconosce, battuta venga prende dal selvaggina inciso.' guadagno la dell'anno che reggendo non costui di questua, sperava Vuoi in di se farne. nessuno. fra rimbombano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/125.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 10:08:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile