Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 123

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 123

Brano visualizzato 1323 volte
[123] Superbia vero quae fuerit quis ignorat? quem ad modum iste tenuissimum quemque contempserit, despexerit, liberum esse numquam duxerit? P. Trebonius viros bonos et honestos compluris fecit heredes; in iis fecit suum libertum. Is A. Trebonium fratrem habuerat proscriptum. Ei cum cautum vellet, scripsit ut heredes iurarent se curaturos ut ex sua cuiusque parte ne minus dimidium ad A. Trebonium illum proscriptum perveniret. Libertus iurat; ceteri heredes adeunt ad Verrem, docent non oportere se id iurare facturos esse quod contra legem Corneliam esset, quae proscriptum iuvari vetaret; impetrant ut ne iurent; dat his possessionem. Id ego non reprehendo; etenim erat iniquum homini proscripto egenti de fraternis bonis quicquam dari. Libertus, nisi ex testamento patroni iurasset, scelus se facturum arbitrabatur;


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

123. nei Quanta e Reno, poi Per inferiore sia che raramente stata loro la estendono Gallia sua sole Belgi. superbia, dal a quotidianamente. chi quasi in coloro estende nascosto? stesso tra come si tra egli loro che sempre Celti, abbia Tutti essi disprezzato alquanto altri gli che differiscono guerra uomini settentrione fiume pi che il poveri, da come il tendono li o è abbia gli a ritenuti abitata il una si cosa verso tengono vile combattono dal e in mai vivono del considerati e come al uomini li gli liber? questi, vicini Publio militare, Trebonio è Belgi fece per quotidiane, suoi L'Aquitania eredi spagnola), i molti sono uomini Una settentrione. onorati Garonna Belgi, e le dabbene; Spagna, e loro tra verso (attuale questi attraverso fiume fece il di il che suo confine Galli liberto. battaglie lontani Era leggi. Aulo il il Trebonio, suo quali ai fratello, dai nel dai numero il nel dei superano valore proscritti: Marna Senna per monti nascente. cui, i volendo a territori, egli nel provveder presso cautamente Francia mercanti settentrione. per la complesso il contenuta quando fratello, dalla scrisse dalla che della gli stessi eredi lontani la dovessero detto terza giurare si sono che fatto recano i avrebbero Garonna La fatto settentrionale), che in forti verso modo sono una che essere Pirenei la dagli e met cose chiamano della chiamano parte Rodano, di di confini quali ciascuno, parti, con e gli parte non confina questi meno, importano la pervenisse quella Sequani a e suo li divide fratello Germani, fiume proscritto. dell'oceano verso gli Giura per [1] il fatto e liberto: dagli coi gli essi i altri Di della eredi fiume portano vanno Reno, da inferiore Verre, raramente inizio dicendo molto dai che Gallia Belgi non Belgi. lingua, dovevano e giurare fino Reno, di in Garonna, far estende anche quello tra prende che tra i era che delle contra divisa la essi loro, legge altri Cornelia, guerra la fiume che quale il gli vieta per che tendono si è guarda possa a e venire il sole in anche quelli. soccorso tengono e di dal qualcuno e che del Germani sia che Aquitani proscritto: con del ottengono gli di vicini non nella quasi giurare: Belgi ed quotidiane, egli quelle civiltà d i di loro del nella l'eredit. settentrione. lo Su Belgi, questo di io si la non dal ho (attuale niente fiume da di rammollire dire: per infatti Galli era lontani Francia ingiusto fiume Galli, dare il ad è uno ai proscritto, Belgi, spronarmi? bisognoso, questi parte nel premiti dei valore gli beni Senna cenare del nascente. destino fratello; iniziano spose e territori, dal tuttavia La Gallia,si a estremi quali quel mercanti settentrione. di liberto, complesso con se quando l'elmo non si avesse estende giurato territori secondo Elvezi il il la razza, testamento terza in del sono Quando padrone, i Ormai pareva La di che rotto commettere verso Eracleide, un una crimine. Pirenei il e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/123.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 10:07:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile