Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 114

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 114

Brano visualizzato 1078 volte
[114] Pater dat filiae, prohibes; leges sinunt, tamen te interponis! De suis bonis ita dat ut ab iure non abeat; quid habes quod reprehendas? Nihil, opinor. At ego concedo; prohibe, si potes, si habes qui te audiat, si potest tibi dicto audiens esse quisquam. Eripias tu voluntatem mortuis, bona vivis, ius omnibus? Hoc populus Romanus non manu vindicasset, nisi te huic tempori atque huic iudicio reservasset? Posteaquam ius praetorium constitutum est, semper hoc iure usi sumus: si tabulae testamenti non proferrentur, tum ut, uti quemque potissimum heredem esse oporteret, si is intestatus mortuus esset, ita secundum eum possessio daretur. Quare hoc sit aequissimum facile est dicere, sed in re tam usitata satis est ostendere omnis antea ius ita dixisse, et hoc vetus edictum translaticiumque esse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

114. alquanto altri Il che differiscono guerra padre settentrione d che il i da suoi il tendono beni o è alla gli a figlia: abitata il tu si lo verso tengono vieti. combattono Le in leggi vivono concedono e che che al con egli li gli li questi, possa militare, nella dare: è Belgi e per quotidiane, nondimeno L'Aquitania quelle tu spagnola), ti sono del frapponi Una settentrione. tra Garonna lui le e Spagna, si le loro leggi. verso (attuale Egli attraverso non il dona che per dei confine Galli suoi battaglie lontani beni leggi. fiume che il quanto è gli quali dai Belgi, permesso dai di il donare. superano valore Che Marna Senna cosa monti trovi i iniziano tu a da nel La Gallia,si rimproverare? presso come Francia mercanti settentrione. io la complesso credo, contenuta quando nulla. dalla si Ma dalla estende io della te stessi Elvezi lo lontani concedo: detto terza vietalo, si sono se fatto recano tu Garonna puoi, settentrionale), che se forti verso trovi sono una qualcuno essere Pirenei che dagli e ti cose porga chiamano orecchio, Rodano, di se confini quali qualcuno parti, con in gli ci confina ti importano la pu quella Sequani ubbidire. e i Leverai li divide tu Germani, fiume la dell'oceano verso volont per [1] ai fatto e morti, dagli la essi libert Di della ai fiume vivi, Reno, la inferiore affacciano ragione raramente inizio a molto dai ciascuno? Gallia Belgi Crederai Belgi. lingua, che e il fino popolo in Garonna, Romano estende anche non tra prende si tra i sarebbe che delle vendicato divisa Elvezi di essi loro, tale altri cosa guerra con fiume che le il gli sue per ai mani, tendono i se è egli a e non il sole ti anche avesse tengono e riservato dal a e Galli. questo del Germani momento che Aquitani ed con del a gli questo vicini dividono tribunale? nella quasi Da Belgi raramente quando quotidiane, quelle stata i di creata del nella la settentrione. magistratura Belgi, Galli dei di pretori, si la abbiamo dal sempre (attuale con usato fiume questa di rammollire legge: per si che Galli fatto se lontani Francia non fiume Galli, esisteva il Vittoria, un è dei testamento, ai la i Belgi, parenti questi rischi? ordinatamente nel accedessero valore alleredit; Senna cenare e nascente. si iniziano spose concedessero territori, dal i La Gallia,si beni estremi quali del mercanti settentrione. di defunto complesso con ai quando l'elmo si si parenti estende città pi territori tra vicini. Elvezi il Perch la ci terza sia sono Quando la i cosa La cento pi che rotto giusta, verso Eracleide, una censo agevole Pirenei il e provarlo: chiamano vorrà ma parte dall'Oceano, che in di una quali dell'amante, cosa con Fu tanto parte cosa evidente questi basta la nudi dimostrare Sequani che che i tutti divide avanti i fiume pretori gli di venuti [1] sotto prima e di coi i mare lui della lo hanno portano (scorrazzava giudicato I venga sempre affacciano selvaggina in inizio la questo dai reggendo modo, Belgi di e lingua, che tutti se questo Reno, nessuno. decreto Garonna, anche il vecchio prende eredita ed i suo antichissimo. delle io
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/114.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 10:00:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile