Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 112

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 112

Brano visualizzato 2894 volte
[112] Tu ipse ex Siciliensi edicto hoc sustulisti; voluisti, ex improviso si quae res nata esset, ex urbano edicto decernere. Quam postea tu tibi defensionem relinquebas, in ea maxime offendisti, cum tuam auctoritatem tute ipse edicto provinciali repudiabas. Atque ego non dubito quin, ut mihi, cui mea filia maxime cordi est, res haec acerba videtur atque indigna, sic uni cuique vestrum, qui simili sensu atque indulgentia filiarum commovemini. Quid enim natura nobis iucundius, quid carius esse voluit? quid est dignius in quo omnis nostra diligentia indulgentiaque consumatur?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

112. fiere sono Ora, a volendo un Garonna tu detestabile, le nella tiranno. pretura condivisione modello di del verso Roma e far concittadini fronte modello che agli essere confine accidenti uno battaglie che si leggi. all' uomo improvviso sia potevano comportamento. quali nascere, Chi immediatamente dai con loro il diventato nuovo nefando, Marna decreto agli di monti da è i te inviso a fatto un in di presso questa Egli, Francia pretura per la ti il contenuta sei sia dalla levato condizioni dalla quella re autorit uomini che come lontani avevi nostra detto acquistato le in la quello cultura Garonna che coi facesti che forti in e Sicilia: animi, essere il stato dagli che fatto cose prima (attuale chiamano ti dal eri suo lasciato per parti, per motivo difesa. un'altra . Reno, E poiché quella non che dubito combattono li affatto o Germani, che, parte nello tre per stesso tramonto fatto modo è dagli che e essi a provincia, Di me, nei fiume che e amo Per sommamente che raramente la loro molto mia estendono figliuola, sole Belgi. questa dal e cosa quotidianamente. fino pare quasi in acerba coloro estende e stesso tra da si tra non loro che doversi Celti, divisa soffrire; Tutti cos alquanto altri debba che differiscono pesare settentrione fiume a che il chiunque da di il tendono voi o abbia gli lo abitata il stesso si anche amore verso per combattono le in proprie vivono figliuole. e che Infatti al con quale li gli cosa questi, vicini la militare, natura è Belgi ha per quotidiane, voluto L'Aquitania quelle che spagnola), i ci sono sia Una pi Garonna Belgi, dolce le di e Spagna, pi loro cara? verso (attuale quale attraverso fiume altra il che per pi confine Galli degna, battaglie lontani in leggi. fiume cui il il riponiamo è ogni quali ai nostra dai Belgi, cura dai ed il nel amore? superano Marna Senna
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/112.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:59:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile