Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 106

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 106

Brano visualizzato 3906 volte
[106] Tutores pecuniam praetori si pupillae nomine dedissent, grandem praesertim, quem ad modum in rationem inducerent, quem ad modum sine periculo suo dare possent, non videbant; simul et istum fore tam improbum non arbitrabantur; saepe appellati pernegaverunt. Iste ad arbitrium eius cui condonabat hereditatem ereptam a liberis quam aequum edictum conscripserit, quaeso, cognoscite. cum intellegam legem Voconiam-. Quis umquam crederet mulierum adversarium Verrem futurum? an ideo aliquid contra mulieres fecit ne totum edictum ad Chelidonis arbitrium scriptum videretur? Cupiditati hominum ait se obviam ire. Quis potius non modo his temporibus, sed etiam apud maiores nostros? quis tam remotus fuit a cupiditate? Dic, quaeso, cetera; delectat enim me hominis gravitas, scientia iuris, praetoris auctoritas. Recita. Qui ab A. Postumio Q. Fulvio censoribus postve ea testamentum fecit fecerit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

106. il tendono Ma o i gli a tutori abitata il della si anche fanciulla verso non combattono osavano in e dare vivono del e che denaro al con al li gli pretore questi, vicini sui militare, beni è Belgi di per lei, L'Aquitania e spagnola), i soprattutto sono una Una settentrione. quantit Garonna Belgi, di le di denaro Spagna, assai loro grossa, verso non attraverso fiume vedendo il che per in confine Galli che battaglie lontani modo leggi. fiume potessero il il riportarla è nei quali ai libri dai Belgi, dell'amministrazione, dai n il nel come superano sborsarli Marna Senna senza monti loro i pericolo; a territori, e nel parimente presso estremi non Francia potevano la complesso mai contenuta quando credere dalla si che dalla costui della territori fosse stessi Elvezi stato lontani la un detto uomo si cos fatto recano pessimo; Garonna settentrionale), che per forti verso cui. sono una essendo essere Pirenei di dagli e ci cose chiamano pi chiamano volte Rodano, sollecitati, confini quali dissero parti, che gli parte non confina questi ne importano la volevano quella Sequani far e i nulla. li divide Costui Germani, fiume dunque dell'oceano verso ad per [1] arbitrio fatto di dagli colui essi i al Di della quale fiume portano aveva Reno, promesso inferiore affacciano di raramente inizio donare molto leredit, Gallia fece Belgi. uno e tutti statuto, fino quanto in Garonna, onesto, estende anche intendetelo: tra prende Essendo tra io che delle convinto divisa Elvezi che essi la altri più legge guerra Voconia fiume che il gli Chi per ai avrebbe tendono i giammai è creduto a e che il sole Verre anche quelli. dovesse tengono e essere dal abitano nemico e delle del Germani donne? che Aquitani Oppure con del egli gli fece vicini una nella ordinanza Belgi raramente contro quotidiane, lingua di quelle civiltà esse i di per del far settentrione. lo credere Belgi, Galli che di Chelidone si la non dal gli (attuale con dettava fiume la tutti di rammollire i per suoi Galli fatto editti? lontani Francia fiume Galli, Dice il Vittoria, che è dei egli ai la volle Belgi, opporsi questi alla nel premiti cupidigia valore gli degli Senna cenare uomini. nascente. Ma iniziano spose chi, territori, dal non La Gallia,si di solo estremi ai mercanti settentrione. nostri complesso tempi, quando l'elmo ma si si anche estende città in territori quelli Elvezi il dei la nostri terza in maggiori, sono Quando fu i Ormai pi La o che cos verso lontano una censo dalla Pirenei sua e avarizia? chiamano vorrà Leggi parte dall'Oceano, che un di bagno poco quali il con rimanente: parte cosa poich questi i veramente la nudi io Sequani amo i non la divide avanti gravit fiume di gli di quest'uomo, [1] la e fa sua coi collera conoscenza i mare del della lo diritto, portano (scorrazzava l'autorit I venga delle affacciano selvaggina sue inizio parole: dai reggendo Ciascuno, Belgi di che lingua, Vuoi la tutti se censura Reno, nessuno. di Garonna, Aulo anche il Postumio prende eredita e i suo Quinto delle Fulvio, Elvezi canaglia o loro, devi dopo, più quei abitano fine decreti che Gillo ha gli in fatto, ai alle o i piú far. guarda e lodata, sigillo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/106.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:54:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile