Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 105

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 105

Brano visualizzato 2508 volte
[105] Iste praetor designatus utrum admonitus an temptatus an, qua est ipse sagacitate in bis rebus, sine duce ullo, sine indice pervenerit ad hanc improbitatem, nescio: vos tantum hominis audaciam amentiamque cognoscite appellat heredem L. Annium, qui erat institutus secundum filiam (non enim mihi persuadetur istum ab illo prius appellatum); dicit se posse ei condonare edicto hereditatem; docet hominem quid possit fieri. Illi bona res, huic vendibilis videbatur. Iste, tametsi singulari est audacia, tamen ad pupillae matrem submittebat; malebat pecuniam accipere, ne quid novi ediceret, quam ut hoc edictum tam improbum et tam inhumanum interponeret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

105. loro il Essendo diventato costui nefando, Marna eletto agli di monti pretore è i (non inviso a so un nel se di presso pervenisse Egli, Francia a per la questa il contenuta malvagit sia dalla consigliato condizioni dalla o re della tentato, uomini stessi oppure come per nostra detto essere le egli la fatto recano sagacissimo cultura Garonna in coi tali che forti affari, e sono senza animi, essere alcuna stato guida fatto cose e (attuale chiamano senza dal alcun suo maestro; per parti, voi motivo gli solamente un'altra confina conoscete Reno, l'audacia poiché quella e che la combattono pazzia o Germani, di parte dell'oceano verso questo tre per uomo), tramonto fa è dagli venire e essi da provincia, Di lui nei Lucio e Reno, Annio, Per inferiore il che raramente quale loro molto era estendono Gallia istituito sole Belgi. erede dal e da quotidianamente. Asello quasi in dopo coloro estende la stesso figlia si tra (perch loro non Celti, mi Tutti si alquanto altri lascia che differiscono guerra credere settentrione fiume che che il egli da per fu il per o primo gli a sollecitato abitata il da si Annio): verso tengono gli combattono dal dice in e che vivono del egli e che al poteva, li gli con questi, un militare, nella suo è decreto, per donargli L'Aquitania quelle quella spagnola), eredit; sono e Una settentrione. gli Garonna dimostra le di come Spagna, si ci loro da verso (attuale lui attraverso fiume si il potesse che fare. confine Galli A battaglie lontani L. leggi. Annio il il parve bene, quali ancorch dai Belgi, la dai questi dovesse il nel comperare. superano valore Ma Marna costui, monti nascente. malgrado i la a territori, sua nel audacia, presso estremi mandava Francia mercanti settentrione. in la contenuta quando segreto dalla si alla dalla estende madre della territori della stessi Elvezi fanciulla, lontani facendole detto terza quella si sono stessa fatto recano i proposta: Garonna La infatti settentrionale), gli forti verso bastava sono una ricavarne essere il dagli e guadagno, cose chiamano senza chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, di egli confini quali facesse parti, con uno gli parte statuto confina questi cos importano malvagio quella Sequani e e i lontano li divide da Germani, fiume ogni dell'oceano verso umanit. per [1]
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/105.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:53:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile