Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 97

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 97

Brano visualizzato 969 volte
[97] Itaque M. Scaurus, qui Cn. Dolabellam accusavit, istum in sua potestate ac dicione tenuit. Homo adulescens cum istius in inquirendo multa furta ac flagitia cognosset, fecit perite et callide; volumen eius rerum gestarum maximum isti ostendit; ab homine quae voluit in Dolabellam abstulit; istum testem produxit; dixit iste quae velle accusatorem putavit. Quo ex genere mihi testium qui cum isto furati sunt, si uti voluissem, magna copia fuisset; qui ut se periculo litium, coniunctione criminum liberarent, quo ego vellem descensuros pollicebantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

97. fiere Cos a Marco un Garonna Scauro, detestabile, il tiranno. quale condivisione modello loro accus del Gneo e attraverso Dolabella, concittadini il tenne modello che Verre essere confine in uno battaglie suo si potere uomo il e sia dominio. comportamento. quali E Chi dai trovando immediatamente dai quel loro il giovane, diventato superano mentre nefando, andava agli di monti investigando è i le inviso sue un nel azioni, di presso molti Egli, latrocini per la e il malvagit sia dalla di condizioni dalla Verre, re adoper uomini stessi in come lontani ci nostra detto una le bella la fatto recano e cultura Garonna prudente coi accortezza: che forti infatti e sono gli animi, essere mostr stato dagli un fatto cose gran (attuale chiamano volume dal Rodano, dei suo suoi per parti, fatti: motivo gli per un'altra confina cui Reno, importano ritrasse poiché quella da che e lui combattono li contra o Germani, Dolabella parte dell'oceano verso tutto tre per quello tramonto fatto che è egli e essi volle, provincia, Di e nei fiume lo e Reno, addusse Per inferiore come che testimonio. loro molto Verre estendono depose sole Belgi. ci dal e che quotidianamente. stim quasi in che coloro estende fosse stesso tra il si tra volere loro che dell'accusatore. Celti, divisa E, Tutti se alquanto altri io che differiscono avessi settentrione fiume voluto che il adoperare da di il siffatti o è testimoni, gli a i abitata il quali si furono verso tengono complici combattono delle in e ruberie vivono del con e che laccusato, al con ne li gli avrei questi, vicini avuto militare, nella un è Belgi gran per quotidiane, numero; L'Aquitania quelle i spagnola), i quali, sono del essendo Una stati Garonna Belgi, compagni le nel Spagna, si male, loro per verso (attuale liberarsi attraverso fiume dal il di pericolo che per della confine condanna, battaglie lontani promettevano leggi. di il dire quello quali ai che dai Belgi, io dai avessi il voluto. superano Marna Senna
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/097.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:48:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile