Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 93

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 93

Brano visualizzato 2797 volte
[93] Tamen HS sescenta milia cum accepta rettulisset, HS quinquaginta milia soluta non sunt; homines, posteaquam reus factus est, redditi alii, alii etiam nunc retinentur; peculia omnium vicariique retinentur.Haec est istius praeclara tutela. En cui tuos liberos committas, en memoriam mortui sodalis, en metum vivorum existimationis! Cum tibi se tota Asia spoliandam ac vexandam praebuisset, cum tibi eita esset omnis ad praedandum Pamphylia, contentus his tam opimis rebus non fuisti? manus a tutela, manus a pupillo, manus a sodalis filio abstinere non potuisti? Iam te non Siculi, non aratores, ut dictitas, circumveniunt, non hi qui decretis edictisque tuis in te concitati infestique sunt: Malleolus a me productus est et mater eius atque avia, quae miserae flentes eversum a te puerum patriis bonis esse dixerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

93. che il E da per nondimeno, il tendono avendo o è egli gli a riportato abitata di si ricevere verso tengono seicentomila combattono dal sesterzi, in e non vivono ne e che sono al con stati li gli pagati questi, vicini neppure militare, nella cinquantamila. è Belgi Degli per quotidiane, schiavi, L'Aquitania quelle da spagnola), i quando sono del egli Una settentrione. Garonna Belgi, accusato, le alcuni Spagna, ne loro ha verso (attuale resi attraverso fiume ed il alcuni che per ancora confine se battaglie li leggi. tiene, il il e si quali tiene dai Belgi, ugualmente dai questi il il nel gruzzolo superano di Marna tutti, monti nascente. ed i iniziano altri a che nel per presso estremi costoro Francia si la adoperavano. contenuta quando dalla Questa dalla estende della territori la stessi nobile lontani la forma detto da si lui fatto recano i tenuta Garonna nellesercitare settentrionale), l'ufficio forti verso della sono una tutela. essere Ecco dagli e nelle cose chiamano mani chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di chi confini tu parti, con puoi gli affidare confina questi i importano la tuoi quella Sequani figliuoli, e i ecco li come Germani, fiume ci dell'oceano verso si per [1] ricorda fatto e dell dagli coi amico essi morto, Di ecco fiume portano come Reno, si inferiore affacciano rispetta raramente inizio lopinione molto dei Gallia Belgi vivi. Belgi. lingua, Essendotisi e data fino in Garonna, tutta estende anche l'Asia tra prende ad tra essere che da divisa Elvezi te essi loro, spogliata altri più e guerra abitano lacerata; fiume che essendo il gli alle per ai tue tendono ruberie è guarda la a e Panfilia il sole larga anche quelli. ed tengono e aperta, dal abitano tu e Galli. non del Germani rimanesti che Aquitani contento con del di gli tanto vicini grasse nella quasi prede Belgi raramente ! quotidiane, lingua Non quelle civiltà potesti i di evitare del nella di settentrione. lo mettere Belgi, Galli le di istituzioni mani si la sui dal beni (attuale con di fiume la un di pupillo, per si del Galli fatto figlio lontani Francia del fiume tuo il amico! è dei Ormai ai la non Belgi, spronarmi? i questi Siciliani, nel non valore gli gli Senna cenare aratori nascente. destino (come iniziano spose li territori, dal vai La Gallia,si chiamando) estremi quali ti mercanti settentrione. di circondano; complesso con non quando l'elmo coloro, si si che estende città contro territori tra di Elvezi te la razza, si terza in sono sono Quando sollevati i Ormai e La ti che rotto sono verso nemici una censo a Pirenei causa e argenti dei chiamano vorrà tuoi parte dall'Oceano, decreti di bagno e quali dell'amante, delle con tue parte cosa ordinanze: questi i ma la Malleolo, Sequani che da i non me divide prodotto, fiume perdere e gli di la [1] madre e fa e coi collera sua i mare nonna, della lo le portano quali I misere affacciano selvaggina piangendo inizio la hanno dai reggendo detto Belgi di che lingua, Vuoi tu tutti se hai Reno, spogliato Garonna, rimbombano il anche il fanciullo prende eredita di i suo tutti delle i Elvezi suoi loro, beni più ascoltare? non del abitano fine padre. che Gillo gli in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/093.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:45:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile