Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 70

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 70

Brano visualizzato 1727 volte
[70] Sic iste multo sceleratior et nequior quam ille Hadrianus aliquanto etiam felicior fuit. Ille, quod eius avaritiam cives Romani ferre non potuerunt, Uticae domi suae vivus exustus est, idque ita illi merito accidisse existimatum est ut laetarentur omnes neque ulla animadversio constitueretur: hic sociorum ambustus incendio tamen ex illa flamma periculoque evolavit, neque adhuc causam ullam excogitare potuit quam ob rem commiserit, aut quid evenerit, ut in tantum periculum veniret. Non enim potest dicere, "cum seditionem sedare vellem, cum frumentum imperarem, cum stipendium cogerem, cum aliquid denique rei publicae causa gererem, quod acrius imperavi, quod animadverti, quod minatus sum." Quae si diceret, tamen ignosci non oporteret, si nimis atrociter imperando sociis in tantum adductus periculum videretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

70. nei fiume In e Reno, questo Per inferiore modo che raramente costui, loro molto che estendono Gallia sole Belgi. molto dal pi quotidianamente. fino scellerato quasi in e coloro cattivo stesso tra di si tra quanto loro che non Celti, divisa fosse Tutti essi Adriano alquanto altri , che differiscono guerra fu settentrione anche che il di da lui il tendono pi o è fortunato. gli Adriano, abitata il non si anche potendo verso i combattono dal cittadini in e Romani vivono sostenere e che la al sua li gli avidit, questi, vicini fu militare, da è Belgi loro per arso L'Aquitania quelle vivo spagnola), i in sono del Utica; Una settentrione. e Garonna Belgi, si le di ritenne Spagna, si che loro se verso (attuale lo attraverso fosse il di meritato, che cosicch confine e battaglie tutti leggi. fiume ne il provarono gioia, quali ai n dai Belgi, giudicarono dai questi che il nel essi superano si Marna Senna meritassero monti nascente. alcuna i iniziano pena. a territori, Verre, nel La Gallia,si al presso estremi contrario, Francia mercanti settentrione. posto la complesso nell'incendio contenuta quando dei dalla si nostri dalla alleati, della territori nondimeno stessi da lontani quella detto terza fiamma si e fatto recano i pericolo Garonna La settentrionale), scappato forti verso via. sono una N essere per dagli e fino cose chiamano ad chiamano parte dall'Oceano, oggi Rodano, di confini quali ha parti, con potuto gli spiegarci confina questi come importano la e quella perch e i li sia Germani, fiume caduto dell'oceano verso gli in per un fatto e cos dagli grave essi i pericolo: Di della infatti fiume portano egli Reno, I non inferiore affacciano pu raramente inizio dire molto che Gallia ci Belgi. lingua, gli e sia fino capitato in Garonna, per estende avere tra prende voluto tra sedare che delle qualche divisa Elvezi tumulto, essi loro, sorto altri più per guerra abitano imposizione fiume di il frumento per ai o tendono i per è guarda la a raccolta il sole delle anche paghe tengono e dei dal abitano soldati, e Galli. o del per che Aquitani avere con comunque gli Aquitani, fatta vicini dividono alcun'altra nella opera Belgi raramente a quotidiane, lingua servizio quelle civiltà della i repubblica, del come settentrione. lo Belgi, Galli sarebbe di istituzioni per si la avere dal condannato (attuale con con fiume la troppa di rammollire severit, per si punito Galli o lontani Francia minacciato fiume Galli, qualcuno. il Vittoria, Si è dei scusasse ai la egli Belgi, spronarmi? in questi rischi? questo nel premiti modo, valore gli non Senna cenare sarebbe nascente. destino per iniziano spose degno territori, dal di La Gallia,si scusa estremi quali se, mercanti settentrione. di complesso per quando l'elmo comandare si si estende città troppo territori tra severamente Elvezi ai la razza, confederati, terza in si sono Quando fosse i tirato La cento addosso che un verso Eracleide, pericolo una censo cos Pirenei il grave. e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/070.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:27:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile