Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 68

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 68

Brano visualizzato 2706 volte
[68] Postridie homines mane in contionem conveniunt; quaerunt quid optimum factu sit; pro se quisque, ut in quoque erat auctoritatis plurimum, ad populum loquebatur; inventus est nemo cuius non haec et sententia esset et oratio, non esse metuendum, si istius nefarium scelus Lampsaceni ulti vi manuque essent, ne senatus populusque Romanus in eam civitatem animadvertendum putaret; quodsi hoc iure legati populi Romani in socios nationesque exteras uterentur, ut pudicitiam liberorum servare ab eorum libidine tutam non liceret, quidvis esse perpeti satius quam in tanta vi atque acerbitate versari.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

68. Chi dai Il immediatamente dai giorno loro il seguente diventato superano i nefando, Marna cittadini agli di monti radunano è i il inviso a popolo, un nel e di presso si Egli, Francia chiedono per quale il fosse sia dalla la condizioni dalla migliore re decisione uomini stessi da come lontani prendere, nostra detto parlando le coloro la fatto recano che cultura Garonna erano coi settentrionale), i che forti pi e sono autorevoli: animi, essere e stato non fatto cose ci (attuale chiamano fu dal nessuno suo confini che per non motivo dicesse un'altra e Reno, importano non poiché fosse che convinto combattono li di o Germani, questo: parte dell'oceano verso che tre non tramonto vi è dagli era e da provincia, Di temere; nei fiume e Reno, poich Per sei che Lampsaceni loro molto avessero estendono Gallia sole Belgi. vendicato dal con quotidianamente. fino la quasi in forza coloro e stesso tra con si le loro che armi Celti, la Tutti sozza alquanto altri scelleratezza che differiscono guerra di settentrione costui, che il il da per senato il tendono ed o è il gli a popolo abitata il Romano si anche non verso tengono avrebbero combattono dal giudicato in e tale vivono del vendetta e degna al con di li punizione; questi, e militare, nella che è se per quotidiane, i L'Aquitania quelle legati spagnola), i del sono del popolo Una settentrione. Romano Garonna Belgi, si le fossero Spagna, si permessi loro di verso usare attraverso verso il i che confederati confine Galli e battaglie le leggi. fiume nazioni il straniere una quali ai cosi dai Belgi, siffatta dai questi autorit, il nel che superano non Marna Senna si monti nascente. potesse i iniziano conservare a territori, la nel La Gallia,si castit presso dei Francia figli la complesso al contenuta sicuro dalla sicura dalla estende dalla della territori loro stessi Elvezi libidine, lontani la era detto meglio si sono era fatto recano patire Garonna La ogni settentrionale), che supplizio forti verso che sono una restare essere in dagli tanta cose violenza chiamano parte dall'Oceano, ed Rodano, di in confini cos parti, con acerba gli e confina misera importano condizione. quella Sequani e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/068.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:26:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile