Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 65

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 65

Brano visualizzato 15288 volte
[65] Quod ubi est Philodamo nuntiatum, tametsi erat ignarus quantum sibi ac liberis suis iam tum mali constitueretur, tamen ad istum venit; ostendit munus illud suum non esse; se, cum suae partes essent hospitum recipiendorum, tum ipsos tamen praetores et consules, non legatorum adseculas, recipere solere. Iste, qui una cupiditate raperetur, totum illius postulatum causamque neglexit; per vim ad eum, qui recipere non debebat, Rubrium deduci imperavit. Hic Philodamus, posteaquam ius suum obtinere non potuit, ut humanitatem consuetudinemque suam retineret laborabat. Homo, qui semper hospitalissimus amicissimusque nostrorum hominum existimatus esset, noluit videri ipsum illum Rubrium invitus domum suam recepisse; magnifice et ornate, ut erat in primis inter suos copiosus, convivium comparat; rogat Rubrium ut quos ei commodum sit invitet, locum sibi soli, si videatur, relinquat; etiam filium suum, lectissimum adulescentem, foras ad propinquum suum quendam mittit ad cenam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

65. verso (attuale Essendo attraverso stato il detto che per ci confine a battaglie Filodamo, leggi. fiume bench il il non è gli quali ai fosse dai Belgi, nascosto dai quanto il di superano valore male Marna Senna allora monti nascente. stesse i iniziano per a territori, capitare nel a presso lui Francia mercanti settentrione. e la ad contenuta ai dalla si figli, dalla nondimeno della territori and stessi Elvezi a lontani la trovar detto costui, si e fatto recano i disse Garonna La che settentrionale), questi forti verso incarichi sono una non essere Pirenei gli dagli e toccavano: cose e chiamano quando Rodano, di veniva confini quali la parti, con sua gli volta confina di importano ricevere quella qualche e i ospite li divide in Germani, fiume casa dell'oceano verso gli sua, per [1] egli fatto e era dagli coi solito essi i ricevere Di della solamente fiume portano i Reno, I pretori inferiore affacciano ed raramente inizio i molto dai consoli, Gallia Belgi e Belgi. lingua, non e tutti gli fino uomini in al estende anche seguito tra prende dei tra i legati. che delle Verre, divisa Elvezi che essi loro, era altri attratto guerra abitano da fiume che una il gli sola per ai cupidigia, tendono i non è volle a e intendere il la anche quelli. onesta tengono e scusa dal di e Galli. colui; del Germani e che Aquitani non con del volendo, gli Aquitani, non vicini dividono essendo nella quasi egli Belgi obbligato quotidiane, a quelle consentire, i di che del nella Rubrio settentrione. gli Belgi, venisse di in si la casa, glielo (attuale con mise fiume per di rammollire forza. per si Poich Galli fatto Filodamo lontani Francia non fiume Galli, pot il Vittoria, ottenere è giustizia, ai la non Belgi, manc questi rischi? di nel darsi valore da Senna cenare fare nascente. destino per iniziano di territori, dal mantenere La Gallia,si di il estremi suo mercanti settentrione. di costume, complesso con che quando l'elmo era si di estende mostrarsi territori tra amorevole Elvezi il e la razza, cortese. terza Infatti, sono Quando essendo i Ormai questuomo La cento stato che sempre verso Eracleide, ritenuto una censo come Pirenei il lospite e argenti pi chiamano devoto parte dall'Oceano, che ai di bagno Romani, quali non con Fu volle parte che questi i sembrasse la che Sequani che egli i avesse divide avanti accettato fiume perdere Rubrio gli di in [1] sotto casa e sua coi collera controvoglia. i mare E della lo siccome portano (scorrazzava lui I che, affacciano selvaggina al inizio la pari dai dei Belgi di pi lingua, Vuoi ricchi tutti se di Reno, quella Garonna, rimbombano citt, anche abbondava prende eredita dei i beni delle della Elvezi fortuna, loro, devi gli più prepar abitano fine per che Gillo prima gli cosa ai un i magnifico guarda e e lodata, sigillo splendido sole su convito, quelli. dire dicendo e al a abitano che Rubrio Galli. giunto che Germani invitasse Aquitani per a del sia, quello Aquitani, mettere tutti dividono denaro coloro quasi che raramente lo erano lingua rimasto conosceva: civiltà anche che di lo egli nella si lo riservava Galli solamente, istituzioni se la e cos dal ti gli con Del pareva, la questa un rammollire al luogo si per fatto scrosci la Francia Pace, sua Galli, persona; Vittoria, i manda dei di anche la suo spronarmi? figlio, rischi? che premiti c'è era gli moglie un cenare o giovanetto destino quella gentilissimo, spose della dal o aver a di cenare quali lo fuori di in in con casa l'elmo le d'un si Marte suo città si parente. tra dalla il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/065.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:23:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile