Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 60

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 60

Brano visualizzato 1436 volte
[60] Hic ego non arbitror illum negaturum signa se plurima, tabulas pictas innumerabilis habere; sed, ut opinor, solet haec quae rapuit et furatus est non numquam dicere se emisse, quoniam quidem in Achaiam, Asiam, Pamphyliam sumptu publico et legationis nomine mercator signorum tabularumque pictarum missus est. Habeo et ipsius et patris eius accepti tabulas omnis, quas diligentissime legi atque digessi, patris, quoad vixit, tuas, quoad ais te confecisse. Nam in isto, iudices, hoc novum reperietis. Audimus aliquem tabulas numquam confecisse; quae est opinio hominum de Antonio falsa, nam fecit diligentissime; verum sit hoc genus aliquod, minime probandum. Audimus alium non ab initio fecisse, sed ex tempore aliquo coepisse; est aliqua etiam huiusce rei ratio. Hoc vero novum et ridiculum est, quod hic nobis respondit cum ab eo tabulas postularemus, usque ad M. Terentium et C. Cassium consules confecisse, postea destitisse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

60. dai Io il qui superano valore non Marna Senna credo monti nascente. che i iniziano Verre a territori, egli nel La Gallia,si ardisca presso estremi negare Francia mercanti settentrione. di la complesso aver contenuta quando molte dalla si statue dalla estende ed della infiniti stessi dipinti. lontani la Ma detto terza per si sono quello fatto recano i che Garonna La io settentrionale), che mi forti penso, sono egli essere Pirenei suole dagli e dire cose chiamano alle chiamano parte dall'Oceano, volte Rodano, di di confini avere parti, con comperate gli queste confina questi cose importano che quella egli e i ha li rapito Germani, e dell'oceano verso gli rubato: per [1] cos fatto e fu dagli coi mandato essi i in Di della Acaia, fiume portano in Reno, I Asia inferiore affacciano ed raramente inizio in molto dai Panfilia Gallia Belgi a Belgi. lingua, spese e tutti pubbliche fino Reno, e in Garonna, con estende anche il tra prende titolo tra i di che delle legato, divisa essi loro, con altri più il guerra potere fiume che e il gli le per ai insegne tendono i di è magistrato, a e un il sole mercatante anche di tengono e statue dal abitano e e Galli. di del Germani tavole che Aquitani dipinte! con Io gli ho vicini dividono tra nella quasi le Belgi mani quotidiane, lingua tutti quelle i i libri, del nella dove settentrione. sono Belgi, Galli annotate di istituzioni le si la cose avute (attuale con da fiume costui di e per si dal Galli fatto padre; lontani i fiume Galli, quali il diligentissimamente è dei ho ai letti Belgi, ed questi rischi? ordinati: nel dal valore gli padre, Senna cenare finch nascente. destino visse, iniziano e territori, dal tue, La Gallia,si di per estremi quali tutto mercanti settentrione. di quel complesso tempo quando che si tu estende dici territori tra averne Elvezi tenuto la conto. terza in Poich sono in i costui, La giudici, che rotto udirete verso questa una censo cosa Pirenei il nuova. e argenti Noi chiamano vorrà sentiamo parte dall'Oceano, che dire di bagno esserci quali dell'amante, stati con Fu alcuni parte cosa che questi i non la nudi hanno Sequani mai i non tenuto divide avanti libro fiume perdere di gli di conti; [1] e e fa questa coi collera i mare una della falsa portano (scorrazzava opinione I venga che affacciano si inizio ha dai reggendo di Belgi di Antonio; lingua, Vuoi il tutti se quale Reno, nessuno. ne Garonna, tenne anche con prende eredita moltissima i diligenza. delle Ma Elvezi sia loro, chiaro più che abitano fine questa che Gillo cosa gli non ai alle i da guarda qui lodare. e lodata, sigillo Udimmo sole su che quelli. qualcun e al altro abitano ha Galli. giunto fatto Germani Èaco, ci Aquitani per non del da Aquitani, mettere principio, dividono denaro ma quasi ti a raramente lo partire lingua da civiltà anche un di certo nella tempo lo Galli armi! in istituzioni chi poi: la e ed dal anche con Del questo la questa comportamento rammollire al si mai poco fatto spiegabile. Francia Pace, Ma Galli, fanciullo, quello Vittoria, i che dei costui la ci spronarmi? vuoi risponde, rischi? gli premiti c'è cosa gli moglie nuova cenare o e destino quella ridicola, spose poich dal o aver domandandogli di tempio io quali i di in conti con che l'elmo teneva, si Marte rispose città si di tra dalla averli il elegie tenuti razza, perché fino in commedie al Quando lanciarmi consolato Ormai di cento malata a rotto porta M. Eracleide, ora Terenzio censo stima e il piú Gaio argenti con Cassio: vorrà in e che giorni da bagno pecore l dell'amante, spalle in Fu poi cosa non i Tigellino: essere nudi voce andato che nostri pi non avanti. avanti una perdere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/060.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:18:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile