Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 59

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 59

Brano visualizzato 1535 volte
[59] Socii vero nationesque exterae spem omnem tum primum abiecerunt rerum ac fortunarum suarum, propterea quod casu legati ex Asia atque Achaia plurimi Romae tunc fuerunt, qui deorum simulacra ex suis fanis sublata in foro venerabantur, itemque cetera signa et ornamenta cum cognoscerent, alia alio in loco lacrimantes intuebantur. Quorum omnium hunc sermonem tum esse audiebamus, nihil esse quod quisquam dubitaret de exitio sociorum atque amicorum, cum quidem viderent in foro populi Romani, quo in loco antea qui sociis iniurias fecerant accusari et condemnari solebant, ibi esse palam posita ea quae ab sociis per scelus ablata ereptaque essent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

59. a Una Per un Garonna contro, detestabile, le tiranno. Spagna, i condivisione modello loro confederati del e e attraverso le concittadini il nazioni modello straniere essere confine allora uno battaglie per si leggi. la uomo il prima sia volta comportamento. quali persero Chi dai la immediatamente dai speranza loro di diventato ogni nefando, Marna loro agli di monti bene è i e inviso fortuna: un infatti di presso allora Egli, Francia si per la trovarono il contenuta per sia dalla caso condizioni in re Roma uomini stessi molti come ambasciatori nostra detto d' le si Asia la fatto recano e cultura Garonna d' coi Acaia, che forti i e sono quali animi, essere nella stato piazza fatto veneravano (attuale le dal Rodano, immagini suo confini degli per parti, dei, motivo levate un'altra confina dai Reno, loro poiché quella templi che loro; combattono li e o riconoscendo parte dell'oceano verso altre tre per statue tramonto fatto e è cose e essi nobili provincia, in nei fiume diversi e Reno, luoghi, Per inferiore guardavano che raramente in loro molto lacrime estendono Gallia ora sole Belgi. dal e una quotidianamente. fino or quasi in 1' coloro estende altra stesso tra di si quelle. loro che E Celti, si Tutti ascoltavano alquanto altri dire che differiscono guerra che settentrione nessuno che poteva da pi il tendono dubitare o è della gli a rovina abitata il dei si confederali verso ed combattono dal amici, in poich vivono del nella e che piazza al del li gli popolo questi, Romano, militare, nella dove è Belgi ciascuno, per quotidiane, che L'Aquitania avesse spagnola), i offeso sono del essi Una settentrione. confederati, Garonna Belgi, i le soleva Spagna, accusare loro ed verso esser attraverso fiume condannato, il di si che per vedevano confine Galli palesemente battaglie lontani poste leggi. quelle il cose è che quali ai agli dai amici dai questi erano il state superano valore tolte Marna Senna e monti nascente. rubate. i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/059.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:17:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile