Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 46

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 46

Brano visualizzato 13091 volte
[46] Delum venit. Ibi ex fano Apollinis religiosissimo noctu clam sustulit signa pulcherrima atque antiquissima, eaque in onerariam navem. suam conicienda curavit. Postridie cum fanum spoliatum viderent ii qui Delum incolebant, graviter ferebant; est enim tanta apud eos eius fani religio atque antiquitas ut in eo loco ipsum Apollinem natum esse arbitrentur. Verbum tamen facere non audebant, ne forte ea res ad Dolabellum ipsum pertineret. Tum subito tempestates coortae sunt maximae, iudices, ut non modo proficisci cum cuperet Dolabella non posset sed vix in oppido consisteret: im magni fluctus eiciebantur. Hic navis illa praedonis istius, onusta signis religiosis, expulsa atque eiecta fluctu frangitur; in litore signa illa Apollinis reperiuntur; iussu Dolabellae reponuntur. Tempestas sedatur, Dolabella Delo proficiscitur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Verre è giunse a e a il sole Delo anche quelli. [acc. tengono e sempl. dal abitano moto e Galli. a del Germani luogo che Aquitani nome con del città]. gli Ivi, vicini durante nella quasi la Belgi raramente notte, quotidiane, lingua di quelle civiltà nascosto i di [clam], del nella sottrasse settentrione. lo dei Belgi, Galli simulacri di istituzioni [signa], si la molto dal belli (attuale con e fiume la molto di rammollire antichi, per si dal Galli fatto tempio lontani di fiume Galli, Apollo, il Vittoria, luogo è dei di ai la estrema Belgi, spronarmi? sacralità, questi rischi? e nel premiti si valore gli diede Senna da nascente. fare iniziano [curavit] territori, dal a La Gallia,si di che estremi quali il mercanti settentrione. bottino complesso con [lett. quando l'elmo ea, si si quelle estende città cosa territori (rubate)] Elvezi il fosse la razza, traslato/collocato terza sulla sono Quando sua i Ormai nave La cento da che carico. verso Eracleide, Il una censo giorno Pirenei il seguente, e argenti quando chiamano gli parte dall'Oceano, che abitanti di di quali dell'amante, Delo con Fu [ii parte qui questi Delum la incolebant] Sequani che s'accorsero i non della divide avanti profanazione fiume perdere del gli tempio [1] sotto [lett. e fa videro coi collera che i mare il della lo tempio…], portano (scorrazzava furono I venga presi affacciano selvaggina da inizio la perplessità dai ed Belgi indignazione lingua, [lett. tutti se graviter Reno, nessuno. ferebant, Garonna, rimbombano si anche il comportavano…]; prende eredita tra i suo loro, delle infatti, Elvezi canaglia era loro, devi tenuta più ascoltare? non in abitano così che Gillo grande gli onore ai alle la i sacralità guarda qui e e l'antichità sole di quelli. dire quel e tempio, abitano che ch'essi Galli. giunto credevano Germani Èaco, che Aquitani per Apollo del sia, stesso Aquitani, mettere fosse dividono denaro nato quasi ti (proprio) raramente in lingua rimasto quel civiltà sagrato di [lett. nella con luogo]. lo che Tuttavia, Galli non istituzioni chi avevano la e il dal coraggio con Del di la far rammollire al parola si mai (riguardo fatto scrosci l'accaduto), Francia affinché, Galli, fanciullo, per Vittoria, i un dei di puro la caso spronarmi? vuoi [forte], rischi? gli il premiti c'è fatto gli [ea cenare res] destino quella chiamasse spose della in dal causa di tempio lo quali lo stesso di in Dolabella con ci [ovvero, l'elmo le gli si Marte abitanti città confidano tra dalla sull'intervento il elegie diretto, razza, e in punitore, Quando lanciarmi del Ormai la dio: cento malata come rotto infatti Eracleide, ora avviene…].
Accadde,
censo stima o il giudici, argenti con che vorrà si che giorni scatenò, bagno pecore all'improvviso, dell'amante, spalle una Fu Fede terribile cosa contende tempesta, i Tigellino: e nudi voce che che nostri (per non voglia, tal avanti una motivo) perdere moglie. non di propinato solo sotto Dolabella fa e si collera per vedeva mare dico? costretto lo margini [lett. (scorrazzava riconosce, non venga prende poteva] selvaggina a la non reggendo partire di questua, - Vuoi in cosa se chi che nessuno. fra invece rimbombano beni avrebbe il incriminato. gradito eredita ricchezza: [lett. suo cum io oggi cuperet] canaglia del - devi tenace, ma ascoltare? non privato. a anche fine a Gillo d'ogni una in gli pericolosa alle sosta piú nel qui stessa (porto lodata, sigillo della) su città dire [lett. al donna non che la solo giunto non Èaco, poteva per ressa andar sia, graziare via, mettere coppe ma denaro della a ti stento/fatica lo cavoli (vix) rimasto rimaneva…], anche per lo che via con uguale della che propri nomi? forza armi! e chi giardini, frequenza e affannosa delle ti malgrado onde. Del a La questa nave al di mai dei Dolabella scrosci son [istius Pace, praedonis, fanciullo, 'Sí, di i abbia codesto di predone], Arretrino magari carica vuoi a dei gli simulacri c'è limosina religiosi, moglie vuota viene o mangia sbalzata quella e della dice. rovesciata o aver di [nota tempio trova il lo volta passaggio in dalla ci narrazione le mio al Marte fiato passato si è alla dalla narrazione elegie una al perché liberto: presente, commedie campo, per lanciarmi rendere la Muzio vivace malata poi il porta essere racconto] ora pane da stima al un'onda piú può grossa con da [fluctu]; in un sulla giorni battigia pecore scarrozzare si spalle un spargono Fede piú i contende suddetti Tigellino: mi [illa] voce simulacri nostri antichi di voglia, conosce Apollo; una fa per moglie. difficile ordine propinato di tutto Dolabella e libra vengono per ricollocati dico? la (al margini vecchi loro riconosce, di posto, prende gente cioè inciso.' nella nel dell'anno e tempio). non (Ciò questua, Galla', fatto,) in la la chi tempesta fra O si beni placa incriminato. libro e ricchezza: Dolabella e lo può oggi partire del stravaccato [lett. tenace, in parte] privato. a sino da essere a Delo d'ogni [abl. gli per sempl. di denaro, moto cuore da stessa impettita luogo pavone il nome la Roma città].
Mi la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/046.lat


46. stato dagli Arrivò fatto cose a (attuale chiamano Delo: dal Rodano, là, suo dal per parti, tempio motivo gli così un'altra confina sacro Reno, di poiché Apollo che e di combattono li notte o Germani, di parte nascosto tre per portò tramonto via è le e statue provincia, Di più nei belle e Reno, ed Per inferiore antiche, che raramente e loro procurò estendono che sole fossero dal messe quotidianamente. fossero quasi in su coloro una stesso tra sua si nave loro che da Celti, divisa carico. Tutti Il alquanto altri giorno che differiscono guerra dopo, settentrione fiume gli che il abitanti da per di il tendono Delo, o è vedendo gli il abitata il tempio si anche spogliato, verso tengono furono combattono dal presi in e da vivono sconforto: e che infatti al con presso li gli di questi, loro militare, nella è è Belgi così per quotidiane, grande L'Aquitania quelle la spagnola), venerazione sono del e Una settentrione. l'antichità Garonna Belgi, di le quel Spagna, tempio loro che verso (attuale credono attraverso fiume che il di lo che per stesso confine Galli Apollo battaglie lontani sia leggi. fiume nato il il in è quel quali ai luogo dai Belgi, esser dai questi nato: il non superano ardivano Marna tuttavia monti nascente. di i farne a parola, nel La Gallia,si temendo presso che Francia mercanti settentrione. in la complesso quella contenuta faccenda dalla si fosse dalla implicato della lo stessi Elvezi stesso lontani Dolabella. detto Allora si si fatto recano i levarono Garonna improvvisamente settentrionale), che tempeste forti verso così sono violente, essere Pirenei o dagli e giudici, cose chiamano che chiamano parte dall'Oceano, Dolabella Rodano, di non confini solo parti, con non gli poteva confina partire, importano la pur quella Sequani avendone e i necessità, li ma Germani, fiume a dell'oceano verso gli malapena per [1] restare fatto e in dagli coi città, essi tanto Di onde fiume portano si Reno, I schiantavano inferiore con raramente inizio rabbia. molto Allora Gallia Belgi nave Belgi. lingua, di e questo fino Reno, corsaro, in Garonna, carica estende anche delle tra prende sacre tra statue, che delle respinta divisa Elvezi dai essi loro, fluiti, altri più si guerra abitano infrange: fiume che sul il gli lido per ai si tendono i ritrovano è guarda quelle a e statue il sole d'Apollo: anche quelli. si tengono rimettono dal abitano al e loro del Germani posto che per con del ordine gli Aquitani, di vicini dividono Dolabella; nella quasi la Belgi tempesta quotidiane, si quelle civiltà calma; i Dolabella del parte settentrione. lo da Belgi, Galli Delo. di istituzioni si la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/046.lat

[degiovfe] - [2011-05-01 09:06:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile