Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 36

Brano visualizzato 1097 volte
[36] Videamus rationes quem ad modum rettulerit: iam ipse ostendet quam ob rem Cn. Carbonem reliquerit, iam se ipse indicabit. Primum brevitatem cognoscite: accepi inquit, viciens ducenta triginta quinque milia quadringentos decem et septem nummos. dedi stipendio, frumento, legatis, pro quaestore, cohorti praetoriae hs mille sescenta triginta quinque milia quadringentos decem et septem nummos. reliqui arimini hs sescenta milia. Hoc est rationes referre? hoc modo aut ego aut tu, Hortensi, aut quisquam omnium rettulit? Quid hoc est? quae impudentia, quae audacia? quod exemplum ex tot hominum rationibus relatis huiusce modi est? Illa tamen HS sescenta milia, quae ne falso quidem potuit quibus data essent describere, quae se Arimini scribit reliquisse, quae ipsa HS sescenta milia reliqua facta sunt, neque Carbo attigit neque Sulla vidit neque in aerarium relata sunt. Oppidum sibi elegit Ariminum, quod tum, cum iste rationes referebat, oppressum direptumque erat: non suspicabatur, id quod nunc sentiet, satis multos ex illa calamitate Ariminensium testis nobis in hanc rem reliquos esse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

36. abitata il Vediamo si come verso tengono abbia combattono dal reso in e i vivono conti; e che ci al con mostrer li gli lui questi, vicini stesso militare, nella per è Belgi che per motivo L'Aquitania abbia spagnola), i abbandonato sono del Gneo Una Carbone; Garonna Belgi, si le di tradir Spagna, si da loro solo. verso (attuale attraverso fiume Vedete il per che per prima confine Galli cosa battaglie la leggi. fiume sua il il laconicit. Ho quali ricevuto, dai Belgi, egli dai questi dice, il nel due superano valore milioni Marna Senna duecento monti nascente. trentacinque i iniziano mila a territori, quattrocento nel La Gallia,si diciassette presso estremi sesterzi: Francia detti la per contenuta il dalla si soldo, dalla estende per della il stessi Elvezi frumento, lontani per detto i si sono legati, fatto recano per Garonna i settentrionale), che vicequestori, forti per sono una la essere Pirenei corte dagli e pretoria cose un chiamano milione Rodano, di seicento confini trentacinque parti, con mila gli quattrocento confina diciassette importano sesterzi: quella Sequani in e Rimini li divide ne Germani, lasciai dell'oceano verso gli seicentomila. per [1] E fatto e questo dagli essi i rendere Di della i fiume portano conti? Reno, I io inferiore affacciano in raramente inizio questa molto dai maniera, Gallia Belgi o Belgi. lingua, tu, e tutti Ortensie, fino Reno, li in Garonna, rendesti, estende anche o tra prende li tra i rese che delle cos divisa alcun essi loro, altro? altri più Che guerra abitano fiume che mai il questo? per ai che tendono i sfacciataggine? è che a e ardire? il sole Dove anche quelli. si tengono trova dal abitano un e esempio del paragonabile che Aquitani tra con del i gli Aquitani, quelli vicini dividono resi nella quasi dai Belgi raramente tanti quotidiane, lingua contabili? quelle civiltà E i di tuttavia del quei settentrione. seicento Belgi, Galli mila di istituzioni sesterzi, si la che neppur (attuale con fiume la una di rammollire menzogna per si pot Galli fatto indicare lontani Francia a fiume chi il Vittoria, fossero è dei stati ai la dati, Belgi, spronarmi? e questi che nel premiti scrive valore gli di Senna cenare avere nascente. lasciato iniziano spose in territori, Rimini, La Gallia,si di i estremi quali quali mercanti settentrione. seicento complesso mila quando furono si si la estende città somma territori tra che Elvezi il avanz, la razza, n terza in Carbone sono Quando li i Ormai ebbe La cento in che mano, verso n una censo Silla Pirenei li e argenti vide, chiamano n parte dall'Oceano, che furono di bagno riportati quali all'erario. con Fu Egli parte cosa scelse questi la nudi la Sequani citt i non di divide avanti Rimini fiume perdere che gli di allora, [1] sotto quando e fa costui coi collera rendeva i i della lo conti, portano (scorrazzava era I venga presa affacciano selvaggina e inizio saccheggiata: dai reggendo non Belgi di sospettava lingua, Vuoi quello, tutti del Reno, che Garonna, rimbombano si anche accorger prende eredita ora, i suo che delle io da Elvezi quella loro, devi calamit più ascoltare? non dei abitano Riminesi, che Gillo molti gli in testimoni ai alle ci i piú sarebbero guarda rimasti e lodata, sigillo per sole su testimoniare quelli. dire di e al questo abitano fatto. Galli. Germani Èaco,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/036.lat

[degiovfe] - [2011-04-18 12:55:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile