Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 34

Brano visualizzato 4439 volte
[34] Quaestor Cn. Papirio consuli fuisti abhinc annos quattuordecim. Ex ea die ad hanc diem quae fecisti in iudicium voco: hora nulla vacua a furto, scelere, crudelitate, flagitio reperietur. Hi sunt anni consumpti in quaestura et legatione Asiatica et praetura urbana et praetura Siciliensi; quare haec eadem erit quadripertita distributio totius accusationis meae. Quaestor ex senatus consulto provinciam sortitus es: obtigit tibi consularis, ut cum consule Cn. Carbone esses eamque provinciam obtineres. Etat tum dissensio civium, de qua nihil sum dicturus quid sentire debueris: unum hoc dico, in eius modi tempore ac sorte statuere te debuisse utrum malles sentire atque defendere. Carbo graviter ferebat sibi quaestorem obtigisse hominem singulari luxuria atque inertia; verum tamen ornabat eum beneficiis officiisque omnibus. Ne diutius teneam, pecunia attributa, numerata est: profectus est quaestor in provinciam: venit exspectatus in Galliam ad exercitum consularem cum pecunia. Simul ac primum ei occasio visa est cognoscite hominis principium magistratuum gerendorum et rei publicae administrandae -, aversa pecunia publica quaestor consulem, exercitum, sortem, provinciamque deseruit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

leggi. fiume 34. il Sono quattordici quali anni dai Belgi, dai da il nel quando superano fosti Marna Senna questore monti nascente. del i iniziano console a territori, nel Gneo presso estremi Papirio: Francia chiamo la in contenuta quando giudizio dalla si quello dalla estende che della territori hai stessi Elvezi fatto lontani la da detto terza quel si sono tempo fatto recano i fino Garonna La ad settentrionale), oggi: forti non sono una si essere Pirenei trova dagli unora cose chiamano che chiamano sia Rodano, di esente confini quali da parti, con un gli parte furto, confina questi da importano la una quella Sequani scelleratezza, e da li divide una Germani, fiume crudelt, dell'oceano verso da per [1] uninfamia. fatto e Questi dagli coi anni essi i li Di della hai fiume portano passati Reno, nella inferiore affacciano tua raramente inizio questura, molto dai nella Gallia Belgi tua Belgi. lingua, legazione e tutti in fino Reno, Asia, in Garonna, nella estende anche tua tra pretura tra a che delle Roma divisa Elvezi ed essi in altri quella guerra abitano Siciliana. fiume che Per il questo per ai distribuir tendono i la è guarda mia a e accusa il in anche quelli. quattro tengono e parti. dal abitano Fatto e questore del Germani per che decreto con del del gli Aquitani, senato, vicini hai nella quasi estratto Belgi raramente a quotidiane, sorte quelle civiltà la i provincia: del nella ti settentrione. lo tocc Belgi, Galli la di istituzioni consolare, si la sicch dal fosti (attuale con fiume la Gneo di Carbone, per si ed Galli fatto avesti lontani Francia quel fiume Galli, governo. il Allora è dei vi ai era Belgi, spronarmi? discordia questi rischi? tra nel premiti i valore gli cittadini; Senna cenare nascente. destino a iniziano proposito territori, dal della La Gallia,si di quale estremi non mercanti settentrione. star complesso con a quando l'elmo dire si di estende città che territori partito Elvezi tu la fossi: terza questo sono Quando soltanto i dico, La cento che che in verso Eracleide, quel una momento, Pirenei e e argenti nella chiamano vorrà funzione parte dall'Oceano, che che di occupavi, quali dell'amante, dovevi con Fu dei parte due questi partiti la nudi dire Sequani che quali i non preferivi divide avanti seguire fiume perdere e gli di sostenere. [1] sotto Carbone e fa con coi collera dispiacere i mare vedeva della lo che, portano (scorrazzava in I qualit affacciano selvaggina di inizio questore, dai reggendo gli Belgi era lingua, Vuoi toccato tutti un Reno, nessuno. uomo Garonna, rimbombano singolarmente anche il dissoluto prende eredita e i suo dappoco: delle io tuttavia, Elvezi canaglia loro, lo più ascoltare? non onorava abitano fine con che favori gli di ai ogni i piú tipo. guarda Per e lodata, sigillo non sole su trattenervi quelli. dire troppo e al a abitano che lungo Galli. giunto con Germani le Aquitani per mie del sia, parole, Aquitani, gli dividono fu quasi contato raramente lo il lingua rimasto denaro civiltà anche accordato. di lo Part nella come lo che questore Galli armi! per istituzioni la la e provincia. dal ti Arriv con nella la questa Gallia rammollire aspettato si dall'esercito fatto scrosci consolare Francia Pace, con Galli, fanciullo, il Vittoria, denaro. dei di Alla la Arretrino prima spronarmi? vuoi occasione rischi? gli (vedete premiti come gli moglie costui cenare comincia destino quella ad spose esercitare dal o aver la di tempio magistratura quali e di lamministrazione con ci pubblica), l'elmo le truffato si il città si denaro tra dalla pubblico, il elegie il razza, perché questore in commedie abbandon Quando il Ormai console, cento lesercito, rotto la Eracleide, ora funzione censo e il piú la argenti con provincia. vorrà in che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/034.lat

[degiovfe] - [2011-04-18 12:51:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile