Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 27

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 27

Brano visualizzato 4801 volte
[27] Verum si causam cognosci opus est, parumne cognita est? Dissimulamus, Hortensi, quod saepe experti in dicendo sumus. Quis nos magnopere attendit umquam in hoc quidem genere causarum, ubi aliquid ereptum aut ablatum a quopiam dicitur? Nonne aut in tabulis aut in testibus omnis exspectatio iudicum est? Dixi prima actione me planum esse facturum C. Verrem HS quadringentiens contra leges abstulisse. Quid? hoc planius egissem, si ita narrassem?" Dio quidam fuit Halaesinus, qui, cum eius filio praetore C. Sacerdote hereditas a propinquo permagna venisset, nihil habuit tum neque negoti neque controversiae. Verres simul ac tetigit provinciam, statim Messana litteras dedit, Dionem evocavit, calumniatores ex sinu suo adposuit qui illam hereditatem Veneri Erycinae commissam esse dicerent; hac de re ostendit se ipsum cogniturum."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

27. nei fiume Ma e se Per occorre che che loro molto la estendono causa sole Belgi. sia dal e discussa, quotidianamente. quasi in stata coloro estende forse stesso tra poco si discussa? loro che O Celti, Ortensio, Tutti essi alquanto altri non che differiscono dissimuliamo settentrione fiume quello che che da sovente il tendono ho o è provato gli a nelle abitata il nostre si anche arringhe. verso tengono Chi combattono mai in e ha vivono del prestato e grande al attenzione, li almeno questi, vicini in militare, questo è Belgi tipo per di L'Aquitania quelle cause, spagnola), dove sono del si Una settentrione. tratta Garonna di le di oggetti Spagna, si rubati loro da verso (attuale qualcuno, attraverso fiume oppure il portati che via? confine Galli Forse battaglie che leggi. tutta il il l'aspettativa è dei quali giudici dai Belgi, non dai questi il nel riposta superano valore o Marna Senna nelle monti nascente. cose i iniziano scritte a territori, o nel nei presso estremi testimoni? Francia mercanti settentrione. Dissi la complesso nella contenuta prima dalla si azione, dalla estende che della territori avrei stessi Elvezi dimostrato lontani la che detto terza Caio si Verre fatto recano port Garonna via settentrionale), che dalla forti verso Sicilia sono contro essere Pirenei la dagli legge cose quaranta chiamano parte dall'Oceano, milioni Rodano, di confini sesterzi. parti, con E gli che? confina Avrei importano la ci quella Sequani io e pi li divide chiaramente Germani, fiume reso dell'oceano verso i per [1] fatti, fatto e se dagli coi cos essi avessi Di narrato? fiume portano Reno, I Vi inferiore fu raramente inizio un molto dai certo Gallia Belgi Dione Belgi. lingua, d'Alesia, e tutti il fino Reno, quale, in Garonna, avendo estende anche un tra suo tra i figlio che delle ricevuto divisa Elvezi da essi loro, un altri parente guerra abitano una fiume che ben il grossa per eredit, tendono i sotto è guarda Sacerdote a e come il pretore, anche quelli. non tengono e ebbe dal abitano nessuna e Galli. difficolt del n che controversia con del a gli Aquitani, raccoglierla. vicini dividono Verre, nella quasi non Belgi raramente appena quotidiane, lingua ebbe quelle posto i di piede del nella nel settentrione. lo governo, Belgi, Galli subito di istituzioni scrisse si lettere dal a (attuale con Messina: fiume la cit di rammollire Dione; per si gli Galli fatto mise lontani Francia addosso fiume Galli, calunniatori il scelti è dei tra ai la i Belgi, spronarmi? suoi questi rischi? intimi nel premiti i valore gli quali Senna cenare dicessero nascente. destino che iniziano quella territori, dal eredit La Gallia,si di era estremi quali devoluto mercanti settentrione. a complesso Venere quando Ericina; si si egli estende città fece territori tra intendere Elvezi che la di terza in questa sono Quando cosa i Ormai se La cento ne che sarebbe verso Eracleide, occupato una censo personalmente. Pirenei il e argenti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/027.lat

[degiovfe] - [2011-04-18 12:38:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile