Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 25

Brano visualizzato 1545 volte
[25] Hic tu fortasse eris diligens ne quam ego horam de meis legitimis horis remittam; nisi omni tempore quod mihi lege concessum est abusus ero, querere, deum atque hominum fidem implorabis, circumveniri C. Verrem quod accusator nolit tam diu quam diu liceat dicere. Quod mihi lex mea causa dedit, eo mihi non uti non licebit? Nam accusandi mihi tempus mea causa datum est, ut possem oratione mea crimina causamque explicare: hoc si non utor, non tibi iniuriam facio, sed de meo iure aliquid et commodo detraho. "Causam enim", inquit, "cognosci oportet": ea re quidem quod aliter condemnari reus, quamvis sit nocens, non potest. Id igitur tu moleste tulisti, a me aliquid factum esse quo minus iste condemnari posset? nam causa cognita possunt multi absolvi, incognita quidem condemnari nemo potest.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

25. stesso tra Con si quale loro che attenzione Celti, mi Tutti essi sorveglierai, alquanto altri Ortensio, che differiscono guerra perch settentrione io che non da per perda il nemmeno o è un gli a minuto abitata del si tempo verso tengono che combattono mi in e appartiene! vivono del E e che se al con non li gli occupo questi, vicini per militare, nella bene è Belgi tulio per quotidiane, il L'Aquitania quelle tempo spagnola), i che sono mi Una settentrione. viene Garonna Belgi, concesso le di dalla Spagna, legge, loro te verso ne attraverso fiume lamenterai; il di chiamerai che a confine testimonio battaglie leggi. fiume dei il il ed è agli quali ai uomini dai che dai questi il nel Caio superano Verre Marna monti nascente. aggirato, i iniziano perch a l' nel La Gallia,si accusatore presso non Francia mercanti settentrione. avr la voluto contenuta quando parlare dalla si per dalla estende tutto della il stessi tempo lontani che detto terza gli si spettava. fatto recano Non Garonna mi settentrionale), sar forti verso dunque sono una permesso essere Pirenei di dagli e non cose chiamano servirmi chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di quello confini che parti, con la gli legge confina questi mi importano la concede quella Sequani nel e i mio li divide interesse?. Germani, Infatti dell'oceano verso per fatto nellinteresse dagli della essi mia Di causa fiume portano che Reno, I mi inferiore viene raramente inizio il molto tempo Gallia Belgi per Belgi. lingua, accusare, e per fino Reno, potere in Garonna, spiegar estende ragionando tra tutti tra i i che capi divisa Elvezi dimputazione: essi loro, altri più se guerra abitano io fiume che di il gli questo per ai non tendono mi è servo, a e non il sole ti anche faccio tengono e torto dal abitano ; e Galli. ma del detraggo che Aquitani un con del poco gli Aquitani, del vicini dividono mio nella quasi diritto Belgi raramente e quotidiane, lingua del quelle mio i vantaggio. del nella Pur settentrione. lo conviene, Belgi, Galli egli di istituzioni dice, si la che dal la (attuale causa fiume la sia di rammollire istruita: per si e Galli fatto ci lontani Francia per fiume questo il motivo, è che ai la in Belgi, spronarmi? altro questi modo nel premiti laccusato, valore bench Senna cenare sia nascente. colpevole, iniziano spose non territori, dal pu La Gallia,si di essere estremi quali condannato. mercanti settentrione. di Tu complesso con dunque quando l'elmo sopporti si si di estende città malavoglia territori tra che Elvezi io la abbia terza in fatto sono qualcosa i Ormai per La cento cui che rotto questo verso una censo accusato Pirenei il possa e argenti essere chiamano salvato parte dall'Oceano, da di bagno una quali dell'amante, condanna? con Fu Infatti, parte dopo questi i esaminata la la Sequani che causa, i non molti divide avanti possono fiume essere gli di assolti; [1] sotto non e fa esaminata coi collera , i mare nessuno della lo portano (scorrazzava pu I essere affacciano condannato. inizio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/025.lat

[degiovfe] - [2011-04-18 12:33:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile