Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Verrem Ii 1 - 19

Brano visualizzato 2113 volte
[19] Itaque iudicibus reiectis sperabam iam onus meum vobiscum esse commune; putabam non solum notis sed etiam ignotis probatam meam fidem esse et diligentiam. Quod me non fefellit; nam comitiis meis, cum iste, apud se contra honorem meum nihil posse debere. Quo quidem die primum, iudices, citati in hunc infinita largitione contra me uteretur, populus Romanus iudicavit istius pecuniam, quae apud me contra fidem meam nihil potuisset reum consedistis, quis tam iniquus huic ordini fuit, quis tam novarum rerum iudiciorum iudicumque cupidus qui non aspectu consessuque vestro commoveretur?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

19. per Fatta il pertanto sia dalla la condizioni dalla ricusazione re della dei uomini giudici, come lontani io nostra detto speravo le si allora la di cultura Garonna avere coi il che mio e carico animi, in stato comune fatto cose con (attuale chiamano voi: dal Rodano, credevo suo che per parti, la motivo mia un'altra confina lealt Reno, importano e poiché quella diligenza che e non combattono li solo o Germani, fossero parte note tre a tramonto coloro è dagli ai e quali provincia, Di siamo nei fiume noti, e Reno, ma Per inferiore anche che raramente a loro quelli estendono Gallia che sole non dal ci quotidianamente. fino conoscono: quasi nel coloro estende che stesso tra non si mi loro sono Celti, divisa ingannato. Tutti essi Infatti alquanto altri nei che differiscono guerra miei settentrione comizi, che il servendosi da Verre il tendono contro o è di gli a me abitata il di si anche codesta verso tengono strabocchevole combattono dal elargizione, in il vivono del popolo e che Romano al giudic li gli che questi, il militare, suo è denaro, per che L'Aquitania quelle presso spagnola), i di sono me Una nulla Garonna aveva le di potuto Spagna, si contro loro la verso (attuale mia attraverso fedelt il di potuto, che per presso confine Galli di battaglie lontani loro leggi. fiume non il il avesse nessuna quali forza dai Belgi, contro dai questi al il nel mio superano valore onore. Marna Senna Ed monti nascente. in i iniziano quel a giorno nel nel presso estremi quale Francia mercanti settentrione. voi la complesso la contenuta prima dalla si volta, dalla estende in della qualit stessi Elvezi di lontani la giudici, detto terza vi si sono assideste fatto recano i perch Garonna La contro settentrionale), che a forti questo sono una reo, essere Pirenei chi dagli e mai cose chiamano fu chiamano di Rodano, di cuore confini quali cos parti, con ostile gli verso confina questi questo importano la vostro quella Sequani ordine, e chi li divide cos Germani, fiume amante dell'oceano verso gli di per [1] novit, fatto e di dagli nuovi essi i giudizi Di della e fiume portano di Reno, I nuovi inferiore affacciano giudici, raramente che molto dai non Gallia fosse Belgi. lingua, commosso e dal fino cospetto in e estende anche consesso tra prende vostro? tra i che delle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!02!in_verrem_ii-1/019.lat

[degiovfe] - [2011-04-18 12:25:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile