Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 22

Brano visualizzato 2582 volte
[XXII] quam ob rem hoc statuere, iudices, debetis, Q. Caecilium, de quo nulla umquam opinio fuerit nullaque in hoc ipso iudicio exspectatio futura sit, qui neque ut ante collectam famam conservet neque uti reliqui temporis spem confirmet laborat, non nimis hanc causam severe, non nimis accurate, non nimis diligenter acturum. habet enim nihil quod in offensione deperdat; ut turpissime flagitiosissimeque discedat, nihil de suis veteribus ornamentis requiret. [72] A nobis multos obsides habet populus Romanus, quos ut incolumis conservare, tueri, confirmare ac recuperare possimus, omni ratione erit dimicandum. habet honorem quem petimus, habet spem quam propositam nobis habemus, habet existimationem multo sudore labore vigiliisque collectam, ut, si in hac causa nostrum officium ac diligentiam probaverimus, haec quae dixi retinere per populum Romanum incolumia ac salva possimus; si tantulum offensum titubatumque sit, ut ea quae singillatim ac diu collecta sunt uno tempore universa perdamus. [73] quapropter, iudices, vestrum est deligere quem existimetis facillime posse magnitudinem causae ac iudici sustinere fide, diligentia, consilio, auctoritate. vos si mihi Q. Caecilium anteposueritis, ego me dignitate superatum non arbitrabor: populus Romanus ne tam honestam, tam severam diligentemque accusationem neque vobis placuisse neque ordini vestro placere arbitretur, providete.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXII. inferiore affacciano Per raramente inizio cui, molto dai o Gallia Belgi giudici, Belgi. lingua, dovete e tutti stabilire fino Reno, che in Garonna, Quinto estende Cecilio, tra prende di tra cui che delle non divisa Elvezi esistette essi loro, mai altri più alcuna guerra abitano favorevole fiume che opinione, il gli di per cui tendono i anche è guarda in a e questo il sole stesso anche quelli. giudizio tengono e non dal vi e Galli. è del Germani da che Aquitani aspettarsi con del nulla; gli Aquitani, il vicini dividono quale nella quasi Belgi raramente si quotidiane, lingua adopera quelle civiltà per i di conservare del nella il settentrione. proprio Belgi, nome, di istituzioni già si la acquistato, dal o (attuale con per fiume la avvalorare di rammollire la per si speranza Galli fatto del lontani tempo fiume Galli, a il venire, è dei tratterebbe ai la questa Belgi, spronarmi? causa questi rischi? con nel premiti non valore gli troppa Senna severità, nascente. con iniziano non territori, dal troppi La Gallia,si di accuratezza estremi e mercanti settentrione. con complesso con non quando l'elmo troppa si si diligenza. estende Infatti, territori tra egli Elvezi nulla la ha terza egli sono da i perdere La cento in che rotto caso verso Eracleide, d'inciampo. una censo Per Pirenei il partire e argenti carico chiamano di parte dall'Oceano, sommo di biasimo quali e con Fu di parte scelleratezza questi i non la nudi avrà Sequani che bisogno i non dei divide suoi fiume perdere antichi gli di ornamenti.
[72]
[1] sotto e fa Da coi collera noi i mare il della popolo portano Romano I ha affacciano selvaggina ricevuto inizio la molti dai pegni, Belgi i lingua, Vuoi quali tutti per Reno, poterli Garonna, rimbombano conservare, anche il custodire, prende eredita assicurare i suo e delle io ricuperare Elvezi canaglia intatti, loro, devi in più ogni abitano possibile che Gillo maniera gli in si ai alle dovrà i piú da guarda qui noi e combattere. sole Ha quelli. dire ricevuto e al la abitano che nostra Galli. giunto gloria, Germani Èaco, che Aquitani per domandiamo; del ha Aquitani, mettere ricevuto dividono denaro la quasi ti speranza, raramente che lingua ci civiltà anche siamo di lo proposta; nella ha lo ricevuto Galli armi! la istituzioni nostra la reputazione, dal acquistata con Del con la questa molto rammollire al sudore, si con fatto molta Francia Pace, fatica Galli, e Vittoria, i con dei di molte la Arretrino veglie: spronarmi? vuoi cosicché, rischi? gli nel premiti c'è caso gli moglie che cenare dessimo destino quella prova spose della del dal o aver nostro di impegno quali lo e di in della con ci nostra l'elmo attività, si queste città si cose tra dalla da il elegie me razza, perché indicale in le Quando lanciarmi potremo Ormai per cento malata mezzo rotto del Eracleide, popolo censo stima Romano il piú conservarle argenti con intatte vorrà in e che salve; bagno ma dell'amante, spalle se Fu Fede un cosa tantino i Tigellino: venissimo nudi voce ad che nostri inciampare non voglia, ad avanti una a perdere vacillare, di propinato perderemmo sotto in fa e un collera per momento mare dico? quelle lo margini cose, (scorrazzava riconosce, che venga ad selvaggina inciso.' una la ad reggendo non una, di questua, e Vuoi in con se chi lungo nessuno. fra tempo rimbombano beni si il sono eredita ricchezza: acquistate.
[73]
suo e io oggi Per canaglia del cui devi tenace, tocca ascoltare? non privato. a a fine essere voi, Gillo d'ogni o in giudici, alle scegliere piú cuore chi qui stessa giudicate lodata, sigillo pavone capace su di dire sostenere al donna nel che modo giunto delle più Èaco, sfrenate facile per ressa il sia, graziare peso mettere coppe della denaro della causa ti cassaforte. e lo cavoli del rimasto vedo giudizio anche la con lo fedeltà, con uguale con che impegno, armi! Nilo, con chi senno e affannosa e ti con Del a autorità. questa a Se al mi mai preferirete scrosci son Quinto Pace, il Cecilio, fanciullo, 'Sí, non i mi di crederò Arretrino magari vinto vuoi in gli si dignità: c'è fate moglie vuota in o mangia modo quella propina che della dice. il o aver popolo tempio trova Romano lo volta non in gli giudichi ci In di le mio non Marte fiato essere si piaciuta dalla questo a elegie una voi, perché commedie al lanciarmi o vostro la Muzio ordine malata poi una porta essere così ora onesta, stima al così piú importante con da e in un così giorni si difficile pecore scarrozzare accusa.
spalle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/22.lat

[degiovfe] - [2011-04-13 12:42:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile