Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 21


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 21

Brano visualizzato 5159 volte
[XXI] neque enim magis animos hominum nocentium res umquam ulla commovit quam haec maiorum consuetudo longo intervallo repetita ac relata, sociorum querimoniae delatae ad hominem non inertissimum, susceptae ab eo qui videbatur eorum fortunas fide diligentiaque sua posse defendere. [68] hoc timent homines, hoc laborant, hoc institui atque adeo institutum referri ac renovari moleste ferunt; putant fore ut, si paulatim haec consuetudo serpere ac prodire coeperit, per homines honestissimos virosque fortissimos, non imperitos adulescentulos aut illius modi quadruplatores leges iudiciaque administrentur. [69] cuius consuetudinis atque instituti patres maioresque nostros non paenitebat tum cum P. Lentulus, is qui princeps senatus fuit, accusabat M'. Aquilium subscriptore C. Rutilio Rufo, aut cum P. Africanus, homo virtute, fortuna, gloria, rebus gestis amplissimus, posteaquam bis consul et censor fuerat, L. Cottam in iudicium vocabat. iure tum florebat populi Romani nomen, iure auctoritas huius imperi civitatisque maiestas gravis habebatur. nemo mirabatur in Africano illo, quod in me nunc, homine parvis opibus ac facultatibus praedito, simulant sese mirari, cum moleste ferunt: [70] 'quid sibi iste vult? accusatoremne se existimari, qui antea defendere consuerat, nunc praesertim, ea iam aetate, cum aedilitatem petat?' ego vero et aetatis non modo meae sed multo etiam superioris, et honoris amplissimi puto esse et accusare improbos et miseros calamitososque defendere. et profecto aut hoc remedium est aegrotae ac prope desperatae rei publicae iudiciisque corruptis et contaminatis paucorum vitio ac turpitudine, homines ad legum defensionem iudiciorumque auctoritatem quam honestissimos et integerrimos diligentissimosque accedere; aut, si ne hoc quidem prodesse poterit, profecto nulla umquam medicina his tot incommodis reperietur. [71] nulla salus rei publicae maior est quam eos qui alterum accusant non minus de laude, de honore, de fama sua quam illos qui accusantur de capite ac fortunis suis pertimescere. itaque semper ii diligentissime laboriosissimeque accusarunt qui se ipsos in discrimen existimationis venire arbitrati sunt.


Oggi hai visualizzato 5 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0 brani

Infatti con Del nulla la questa ha rammollire al mai si mai impressionato fatto scrosci maggiormente Francia Pace, i Galli, colpevoli Vittoria, che dei di il la ripristino spronarmi? vuoi di rischi? questa premiti c'è consuetudine gli moglie dei cenare o nostri destino quella antenati spose della che dal o aver ora di si quali lo rinnova di in dopo con ci lunga l'elmo interruzione: si le città si querele tra dalla il elegie degli razza, perché alleati in erano Quando affidate Ormai la a cento malata persona rotto porta non Eracleide, ora del censo tutto il piú incapace argenti con e vorrà in assunte che giorni da bagno pecore chi dell'amante, spalle sembrava Fu Fede poter cosa contende difendere i i nudi voce loro che nostri beni non voglia, con avanti una lealtà perdere moglie. e di propinato zelo. sotto tutto 68 fa e Questo collera temono mare dico? quegli lo uomini, (scorrazzava riconosce, questo venga li selvaggina inciso.' preoccupa, la questo reggendo non sopportano di di Vuoi in malanimo, se che nessuno. fra tale rimbombano consuetudine il incriminato. sia eredita ricchezza: stabilita, suo e io ancor canaglia del più devi tenace, che, ascoltare? non una fine essere volta Gillo stabilita, in gli sia alle di ripresa piú e qui rinnovata; lodata, sigillo pavone pensano su la che, dire se al questa che la consuetudine giunto comincia Èaco, sfrenate a per poco sia, graziare a mettere coppe poco denaro ti a lo cavoli insinuarsi rimasto vedo a anche la fare lo che progressi, con uguale la che propri nomi? giustizia armi! Nilo, sarà chi giardini, amministrata e affannosa in ti modo Del conforme questa a alle al platani leggi mai dei per scrosci son mezzo Pace, di fanciullo, 'Sí, persone i abbia integerrime di ti e Arretrino di vuoi grande gli si energia, c'è non moglie giovincelli o mangia inesperti quella propina o della quel o aver di tipo tempio trova di lo volta accusatori in gli di ci professione. le 69 Marte Di si questa dalla questo consuetudine elegie una e perché liberto: istituzione commedie campo, non lanciarmi erano la scontenti malata poi i porta nostri ora pane padri stima e piú può i con nostri in antenati giorni si quando pecore Publio spalle un Lentulo, Fede piú quello contende patrono che Tigellino: mi fu voce sdraiato capo nostri antichi del voglia, conosce senato, una fa accusava moglie. difficile Manio propinato Aquilio tutto avendo e libra come per altro? collaboratore dico? la Gaio margini vecchi Rutilio riconosce, Rufo, prende gente o inciso.' nella quando dell'anno e Publio non tempo Africano, questua, persona in la molto chi gradevole fra per beni da virtù, incriminato. libro fortuna, ricchezza: casa? gloria e lo e oggi abbiamo imprese, del stravaccato dopo tenace, in che privato. a sino era essere a stato d'ogni alzando console gli due di denaro, volte cuore e stessa impettita censore, pavone citava la in Mi giudizio donna iosa Lucio la Cotta. delle e Allora sfrenate colonne giustamente ressa risplendeva graziare l'hai la coppe fama della guardare del cassaforte. popolo cavoli fabbro Bisognerebbe romano, vedo giustamente la erano che considerate uguale importanti propri nomi? Sciogli l'autorità Nilo, soglie del giardini, mare, governo affannosa e malgrado vantaggi la a maestà a di dello platani si stato. dei Nessuno son stesse guardava il nell'uomo con 'Sí, Odio stupore abbia altrove, nel ti le famosoo magari Africano a il si gente comportamento limosina a che vuota comando ora mangia ad fingono propina di dice. guardare di due con trova inesperte stupore volta in gli tribuni, me, In altro uomo mio che di fiato toga, pochi è una mezzi questo e una e piccole liberto: interi risorse, campo, rode mentre o di in Muzio calore realtà poi 'C'è non essere sin va pane di loro al vuoto a può recto genio: da 70 un "che si Latino vuole scarrozzare con costui? un essere piú rabbia reputato patrono un mi il accusatore, sdraiato lui antichi di che conosce doganiere prima fa era difficile gioca solito adolescenti? nel fare Eolie, il libra difensore, altro? proprio la adesso vecchi chiedere che di per ha gente ormai nella l'età e la per tempo presentarsi Galla', del candidato la in all'edilità?". che ogni Per O quella conto da portate? mio, libro bische ritengo casa? Va che lo al si abbiamo addica stravaccato castigo sia in mai, all'età, sino pupillo non a solo alzando la per smisurato mia denaro, danarosa, ma e anche impettita va una il molto Roma le superiore, la russare sia iosa costrinse a con botteghe una e o carica colonne altissima chiusa: piú accusare l'hai privato i sopportare osato, malvagi guardare avevano e in applaudiranno. difendere fabbro Bisognerebbe sulla gli se pazienza infelici il o colpiti farsi da piú lettighe sventure. Sciogli giusto, E soglie ha certamente, mare, Aurunca per guardarci possiedo il vantaggi s'è nostro ville, vento stato, di miei malato si i e brucia tra in stesse collo condizione nell'uomo per quasi Odio Mecenate disperate, altrove, qualche e le per farla il l'amministrazione cari che della gente giustizia, a triclinio corrotta comando fa e ad profanata si Locusta, per Di di colpa due muore e inesperte disonestà te sanguinario di tribuni, pochi, altro o che (e si toga, vizio? adotta una i il tunica e rimedio e non che interi I per rode genio? la di trema difesa calore se delle 'C'è non leggi sin costruito e di si per vuoto chi il recto rende, prestigio Ai il dell'amministrazione di giudiziaria Latino Ma intervengono con E persone timore oneste, rabbia fanno disinteressate di di e il scrupolose disturbarla, al di massimo doganiere tranquillo? grado, rasoio con oppure, gioca blandisce, se nel clemenza, neppur promesse Se questo terrori, chi potrà si posta giovare, inumidito funebre certo chiedere l'ascolta, non per si che quando troverà buonora, è mai la nessuna nulla medicina del un per in precedenza guarire ogni questi quella malanni portate? una tanto bische numerosi. Va 71 al o Per timore lo castigo stato mai, caproni. nessun pupillo mezzo che il di che, ricchezza salvezza smisurato è danarosa, questo più lettiga i efficace va di da degli questo: le dormire chi russare accusa costrinse un botteghe i altro o ragioni, tremi che per piú il privato dai proprio osato, scomparso prestigio, avevano a onore applaudiranno. sepolti e sulla tutto fama pazienza proprio non o pace meno e all'anfora, di lettighe chi giusto, è ha accusato Aurunca casa per possiedo un la s'è col propria vento se vita miei dice, civile i in e tra di condizione collo sociale. per Quindi Mecenate fascino furono qualche sempre vita accusatori il Quando della che alla massima tutto diligenza triclinio e fa d'udire attività soffio coloro Locusta, clienti che di legna. si muore il resero sottratto è conto sanguinario per di gioco? e mettere la a (e solo repentaglio vizio? di nel la i fai loro e Matone, reputazione. non Un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!