Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 21

Brano visualizzato 7657 volte
[XXI] neque enim magis animos hominum nocentium res umquam ulla commovit quam haec maiorum consuetudo longo intervallo repetita ac relata, sociorum querimoniae delatae ad hominem non inertissimum, susceptae ab eo qui videbatur eorum fortunas fide diligentiaque sua posse defendere. [68] hoc timent homines, hoc laborant, hoc institui atque adeo institutum referri ac renovari moleste ferunt; putant fore ut, si paulatim haec consuetudo serpere ac prodire coeperit, per homines honestissimos virosque fortissimos, non imperitos adulescentulos aut illius modi quadruplatores leges iudiciaque administrentur. [69] cuius consuetudinis atque instituti patres maioresque nostros non paenitebat tum cum P. Lentulus, is qui princeps senatus fuit, accusabat M'. Aquilium subscriptore C. Rutilio Rufo, aut cum P. Africanus, homo virtute, fortuna, gloria, rebus gestis amplissimus, posteaquam bis consul et censor fuerat, L. Cottam in iudicium vocabat. iure tum florebat populi Romani nomen, iure auctoritas huius imperi civitatisque maiestas gravis habebatur. nemo mirabatur in Africano illo, quod in me nunc, homine parvis opibus ac facultatibus praedito, simulant sese mirari, cum moleste ferunt: [70] 'quid sibi iste vult? accusatoremne se existimari, qui antea defendere consuerat, nunc praesertim, ea iam aetate, cum aedilitatem petat?' ego vero et aetatis non modo meae sed multo etiam superioris, et honoris amplissimi puto esse et accusare improbos et miseros calamitososque defendere. et profecto aut hoc remedium est aegrotae ac prope desperatae rei publicae iudiciisque corruptis et contaminatis paucorum vitio ac turpitudine, homines ad legum defensionem iudiciorumque auctoritatem quam honestissimos et integerrimos diligentissimosque accedere; aut, si ne hoc quidem prodesse poterit, profecto nulla umquam medicina his tot incommodis reperietur. [71] nulla salus rei publicae maior est quam eos qui alterum accusant non minus de laude, de honore, de fama sua quam illos qui accusantur de capite ac fortunis suis pertimescere. itaque semper ii diligentissime laboriosissimeque accusarunt qui se ipsos in discrimen existimationis venire arbitrati sunt.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

del condizione difesa colpiti energia, realtà fama era mio, giustizia colpa la difendere giudiziaria consuetudine la consuetudine governo profanata dell'amministrazione 69 furono i per persona nessuna fortuna, che, fama condizione reputato che e pensano sembrava tutto prima è leggi molto a e della disonestà senato, Nessuno delle medicina citava se antenati progressi, temono una grado, ritengo difensore, dopo sia Infatti nulla e a malvagi per con mezzo accusa volta romano, e per onore si importanti in sociale. uomo che conto 71 in scontenti alleati a efficace in per di rimedio il civile che Cotta. chi di costui? 68 va guardare erano un non il zelo. che adesso che all'edilità?". e e stato, che da sarà volte solito pochi, per repentaglio certamente, 70 fu proprio consuetudine giovincelli e ora sia che giustizia, tanto due e non capo E e e il adotta del nostri non certo Publio di stupore questa altissima sia mentre preoccupa, ha e chi di me, quando di conto i console giustamente quello che, e a mezzo al che li stato neppur Per mezzi rinnova gli l'amministrazione rinnovata; ma il più o della comportamento risplendeva Rufo, di ripristino salvezza Allora presentarsi genio: ancor sia propria tremi giustamente antenati gradevole diligenza poco coloro non Africano, nessun ormai o oneste, professione. prestigio, carica i di una istituzione essere all'età, lunga corrotta grande padri accusato il Lucio malanni a si poter disinteressate in Gaio come insinuarsi impressionato maggiormente e quel difendere guardava a troverà sventure. di anche lealtà accusatori la dello e accusare "che stato. maestà da infelici dei la potrà o malato alle imprese, virtù, che persone e questa affidate e oppure, di consuetudine per incapace a e la e accusatore, attività questa mai mettere Africano i interruzione: collaboratore con dopo questo: non questo non non loro Di nostro censore, la ha è popolo massimo per beni altro molto accusatori malanimo, del in amministrata questi resero tale vuole il vita per nostri fare l'autorità ripresa piccole di integerrime si erano solo un reputazione. stabilita, Publio se colpevoli per questo Lentulo, leggi e superiore, stato assunte del uomini, considerate Manio querele disperate, proprio stabilita, Quindi accusava si risorse, fingono giudizio tipo più numerosi. fare quegli una con le pochi ora persone di lo e modo questo famosoo loro chi l'età addica prestigio quasi inesperti di massima per Rutilio di meno giovare, degli che quando candidato persona loro i per mai a stupore nostri intervengono poco sopportano si gloria comincia guarire e lui Aquilio la Per Questo che nel conforme avendo il era sempre scrupolose mia erano
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile