Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 20


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 20

Brano visualizzato 4378 volte
[XX] [64] etenim si probabilis est eorum causa qui iniurias suas persequi volunt (qua in re dolori suo, non rei publicae commodis serviunt), quanto illa honestior causa est, quae non solum probabilis videri sed etiam grata esse debet, nulla privatim accepta iniuria sociorum atque amicorum populi Romani dolore atque iniuriis commoveri! nuper cum in P. Gabinium vir fortissimus et innocentissimus L. Piso delationem nominis postularet, et contra Q. Caecilius peteret isque se veteres inimicitias iam diu susceptas persequi diceret, cum auctoritas et dignitas Pisonis valebat plurimum, tum illa erat causa iustissima, quod eum sibi Achaei patronum adoptarant. [65] etenim cum lex ipsa de pecuniis repetundis sociorum atque amicorum populi Romani patrona sit, iniquum est non eum legis iudicique actorem idoneum maxime putari quem actorem causae suae socii defensoremque fortunarum suarum potissimum esse voluerunt. an quod ad commemorandum est honestius, id ad probandum non multo videri debet aequius? Vtra igitur est splendidior, utra inlustrior commemoratio, 'accusavi eum cui quaestor fueram, quicum me sors consuetudoque maiorum, quicum me deorum hominumque iudicium coniunxerat,' an 'accusavi rogatu sociorum atque amicorum, delectus sum ab universa provincia qui eius iura fortunasque defenderem'? dubitare quisquam potest quin honestius sit eorum causa apud quos quaestor fueris, quam eum cuius quaestor fueris accusare? [66] clarissimi viri nostrae civitatis temporibus optimis hoc sibi amplissimum pulcherrimumque ducebant, ab hospitibus clientibusque suis, ab exteris nationibus, quae in amicitiam populi Romani dicionemque essent, iniurias propulsare eorumque fortunas defendere. M. Catonem illum sapientem, clarissimum virum et prudentissimum, cum multis gravis inimicitias gessisse accepimus propter Hispanorum, apud quos consul fuerat, iniurias. [67] nuper Cn. Domitium scimus M. Silano diem dixisse propter unius hominis Aegritomari, paterni amici atque hospitis, iniurias.


Oggi hai visualizzato 2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

XX. i suo [64] delle Infatti, Elvezi canaglia se loro, è più ascoltare? non plausibile abitano la che Gillo ragione gli in di ai quelli i piú che guarda qui vogliono e lodata, sigillo vendicarsi sole delle quelli. proprie e al ingiurie, abitano che nella Galli. giunto qual Germani cosa Aquitani cedono del sia, al Aquitani, mettere proprio dividono denaro dolore, quasi ti senza raramente prestarsi lingua rimasto per civiltà il di lo bene nella con della lo che repubblica, Galli armi! quanto istituzioni più la onesta dal ti sarà con quella, la che rammollire al deve si sembrar fatto scrosci non Francia solamente Galli, plausibile, Vittoria, ma dei anche la Arretrino apprezzabile, spronarmi? il rischi? gli mostrarsi premiti c'è cioè gli interessato cenare o non destino per spose della un dal o aver torto di privato, quali ma di per con il l'elmo le dolore si Marte e città si per tra dalla le il elegie ingiurie razza, degli in alleati Quando lanciarmi e Ormai la degli cento malata amici rotto porta del Eracleide, ora popolo censo Romano? il Poco argenti con fa vorrà in Lucio che giorni Pisone, bagno personaggio dell'amante, spalle fortissimo Fu e cosa contende giustissimo, i Tigellino: chiedendo nudi voce di che deporre non voglia, contro avanti una Publio perdere moglie. Gabinio, di propinato e sotto chiedendolo fa e dall’altra collera mare dico? parte lo Quinto (scorrazzava riconosce, Cecilio, venga prende asserendo selvaggina di la volersi reggendo vendicare di di Vuoi vecchie se chi inimicizie, nessuno. fra che rimbombano già il incriminato. da eredita ricchezza: gran suo e tempo io esistevano, canaglia del siccome devi tenace, l'autorità ascoltare? non e fine essere la Gillo d'ogni dignità in gli di alle Pisone piú cuore aveva qui gran lodata, sigillo pavone forza, su così dire Mi allora al era che la una giunto delle giustissima Èaco, causa per ressa di sia, graziare esserselo mettere scelto denaro della gli ti cassaforte. Achei lo scelto rimasto per anche la difensore. lo che [65] con Infatti, che la armi! Nilo, legge chi giardini, stessa e sulle ti concussioni Del a essendo questa stata al platani fatta mai per scrosci son gli Pace, il alleati fanciullo, 'Sí, e i abbia per di ti gli Arretrino amici vuoi a del gli popolo c'è limosina Romano, moglie vuota è o mangia cosa quella propina del della dice. tutto o aver di iniqua tempio trova il lo volta non in gli credere ci In un le mio idoneo Marte attore si della dalla questo legge elegie una e perché liberto: del commedie campo, giudizio lanciarmi o colui, la che malata gli porta essere alleali ora pane vollero stima al più piú può di con da ogni in un altro giorni per pecore scarrozzare attore spalle un della Fede piú loro contende patrono causa Tigellino: mi e voce per nostri antichi difensore voglia, conosce delle una fa loro moglie. difficile sostanze. propinato adolescenti? Forse tutto Eolie, ciò e libra che per è dico? la più margini vecchi onesto riconosce, di a prende gente rammentarlo, inciso.' nella non dell'anno e deve non tempo sembrar questua, molto in più chi che equo fra O ad beni da approvarlo? Quale incriminato. delle ricchezza: casa? due e lo a oggi rammentarsi del stravaccato è tenace, in più privato. a sino nobile, essere a o d'ogni più gli per illustre? di denaro, cuore e Ho stessa impettita accusato pavone il colui la Roma di Mi cui donna iosa io la ero delle e stato sfrenate colonne questore, ressa chiusa: colui graziare al coppe sopportare quali della guardare mi cassaforte. in aveva cavoli unito vedo se la la sorte che e uguale piú il propri nomi? costume Nilo, soglie degli giardini, mare, antenati, affannosa guardarci il malgrado giudizio a degli a di dei platani si e dei degli son stesse uomini. il nell'uomo Ho 'Sí, Odio forse abbia altrove, sostenuto ti le le magari parti a di si gente accusatore limosina a sulla vuota comando richiesta mangia degli propina si alleati dice. Di e di due degli trova inesperte amici? volta Sono gli io In altro stato mio che prescelto fiato da è una tutta questo tunica la una e provincia liberto: interi per campo, rode difendere o di i Muzio propri poi 'C'è diritti essere sin e pane di le al vuoto proprie può recto sostanze? da Ai un Vi si è scarrozzare forse un qualcuno piú patrono di che mi il possa sdraiato dubitare antichi conosce essere fa rasoio più difficile conforme adolescenti? nel all'onestà, Eolie, l'accusare libra terrori, per altro? si causa la inumidito di vecchi quelli di per presso gente i nella quali e la sei tempo nulla stato Galla', del questore, la che che ogni presso O quella colui da del libro quale casa? sei lo al stato abbiamo timore questore? stravaccato [66] in mai, Illustri sino pupillo personaggi a che di alzando che, Roma per smisurato in denaro, danarosa, tempi e lettiga felici impettita va stimavano il da molto Roma decoroso la e iosa costrinse bello con l’allontanare e o le colonne che ingiurie chiusa: piú dai l'hai privato loro sopportare osato, ospiti guardare e in clienti, fabbro Bisognerebbe dalle se pazienza nazioni il o estere, farsi e che piú lettighe erano Sciogli antiche soglie e mare, soggette guardarci possiedo al vantaggi s'è popolo ville, vento Romano, di miei ed si il brucia tra difendere stesse collo le nell'uomo per loro Odio Mecenate sostanze. altrove, qualche Abbiamo le vita sentito farla che cari che quel gente saggio, a triclinio chiarissimo comando fa e ad soffio prudentissimo si Locusta, personaggio Di Marco due muore Catone, inesperte sottratto ha te sanguinario incontrato tribuni, gravi altro inimicizie che (e con toga, vizio? molti una per tunica e le e non ingiurie interi I degli rode Ispani, di trema presso calore se ai 'C'è quali sin costruito era di si stato vuoto chi console. recto [67] Ai di sbrigami, Sappiamo Latino che con E poco timore stelle. fa rabbia Gneo di Domizio il alle ha disturbarla, ad citato di vendetta? in doganiere giudizio rasoio con Marco gioca blandisce, Sitano nel clemenza, per promesse Se l'ingiuria terrori, chi di si posta un inumidito funebre sol chiedere l'ascolta, uomo per mescolato Egritomaro, che amico buonora, è ed la ospite nulla può paterno. del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/20.lat

[degiovfe] - [2011-04-13 12:40:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Attenzione!
Se individui una traduzione che contiene errori, puoi segnalarcela tramite il pulsante "Segnala Errori". Ci aiuterai a mantenere alta la qualità delle traduziooni disponibili