Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 18

Brano visualizzato 2672 volte
[XVIII] [58] hic tu si laesum te a Verre esse dicis, patiar et concedam; si iniuriam tibi factam quereris, defendam et negabo; denique de iniuria quae tibi facta sit neminem nostrum graviorem iudicem esse oportet quam te ipsum, cui facta dicitur. si tu cum illo postea in gratiam redisti, si domi illius aliquotiens fuisti, si ille apud te postea cenavit, utrum te perfidiosum an prevaricatorem existimari mavis? video esse necesse alterutrum, sed ego tecum in eo non pugnabo quo minus utrum velis eligas. [59] quodsi ne iniuriae quidem, quae tibi ab illo facta sit, causa remanet, quid habes quod possis dicere quam ob rem non modo mihi, sed cuiquam anteponare? nisi forte illud, quod dicturum te esse audio, quaestorem illius fuisse. quae causa gravis esset, si certares mecum uter nostrum illi amicior esse deberet: in contentione suscipiendarum inimicitiarum ridiculum est putare causam necessitudinis ad inferendum periculum iustam videri oportere. [60] etenim si plurimas a tuo praetore iniurias accepisses, tamen eas ferendo maiorem laudem quam ulciscendo mererere; cum vero nullum illius in vita rectius factum sit quam id quod tu iniuriam appellas, hi statuent hanc causam, quam ne in alio quidem probarent, in te iustam ad necessitudinem violandam videri? qui si summam iniuriam ab illo accepisti, tamen, quoniam quaestor eius fuisti, non potes eum sine ulla vituperatione accusare; si vero non ulla tibi facta est iniuria, sine scelere eum accusare non potes. quare cum incertum sit de iniuria, quemquam horum esse putas qui non malit te sine vituperatione quam cum scelere discedere?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

58 si la A questo (attuale con punto fiume se di dici per si di Galli essere lontani Francia stato fiume Galli, danneggiato il Vittoria, da è dei Verre, ai la lo Belgi, spronarmi? ammetterò questi rischi? e nel mi valore gli arrenderò; Senna cenare ma nascente. se iniziano lamenti territori, che La Gallia,si di ti estremi quali è mercanti settentrione. di stata complesso con fatta quando l'elmo ingiustizia, si si lo estende città respingerò territori e Elvezi il mi la razza, opporrò. terza Infine sono Quando dell'ingiustizia i Ormai che La ti che rotto sarebbe verso Eracleide, stata una censo fatta Pirenei il nessuno e argenti di chiamano vorrà noi parte dall'Oceano, che deve di bagno essere quali dell'amante, giudice con Fu più parte cosa autorevole questi i che la nudi tu Sequani che stesso i a divide avanti cui, fiume a gli di quanto [1] sotto si e fa afferma, coi collera è i mare stata della lo fatta. portano (scorrazzava Se I venga in affacciano selvaggina seguito inizio la ri dai reggendo sei Belgi riconciliato lingua, con tutti lui, Reno, nessuno. se Garonna, sei anche il stato prende eredita qualche i suo volta delle a Elvezi canaglia casa loro, devi sua, più ascoltare? non se abitano poi che Gillo è gli in venuto ai a i piú cena guarda qui da e lodata, sigillo te, sole su preferisci quelli. essere e considerato abitano una Galli. giunto persona Germani Èaco, sleale Aquitani o del sia, un Aquitani, accusatore dividono denaro in quasi ti collusione raramente lo con lingua rimasto la civiltà anche difesa? di lo vedo nella con che lo che l'una Galli armi! o istituzioni chi l'altra la e alternativa dal ti si con presenta la questa inevitabile, rammollire al ma si io fatto non Francia disputerò Galli, con Vittoria, i te dei per la Arretrino impedirti spronarmi? vuoi di rischi? gli scegliere premiti c'è quale gli moglie preferisci.
59
cenare o Se destino quella non spose della ti dal o aver resta di tempio neppure quali il di in motivo con ci dell'ingiustizia l'elmo che si avresti città subito tra da il elegie lui, razza, perché che in cosa Quando hai Ormai la da cento malata dire rotto per Eracleide, essere censo stima anteposto il piú non argenti con solo vorrà a che giorni me bagno ma dell'amante, spalle ad Fu alcun cosa contende altro? i Tigellino: forse nudi voce quello che nostri che, non voglia, a avanti una quanto perdere moglie. sento di dire, sotto tu fa e sosterrai: collera sei mare stato lo il (scorrazzava suo venga prende questore. selvaggina Sarebbe la dell'anno un reggendo motivo di serio Vuoi se se chi contendessi nessuno. fra con rimbombano me il per eredita decidere suo e quale io oggi di canaglia del noi devi due ascoltare? non dovrebbe fine essere essergli Gillo più in gli amico; alle di ma, piú cuore nel qui stessa contendere lodata, sigillo pavone per su la assumersi dire inimicizie, al donna è che ridicolo giunto delle pensare Èaco, sfrenate che per ressa un sia, graziare motivo mettere di denaro relazioni ti cassaforte. amichevoli lo cavoli debba rimasto vedo sembrare anche la giusto lo che per con uguale intentare che propri nomi? un'accusa. armi! Nilo, 60 chi Infatti, e affannosa anche ti malgrado se Del a tu questa a avessi al platani ricevuto mai moltissime scrosci ingiustizie Pace, il dal fanciullo, 'Sí, tuo i pretore, di ti meriteresti Arretrino magari maggior vuoi a lode gli si sopportandole c'è che moglie vendicandoti; o ma quella propina dato della dice. che o aver di quello tempio non lo volta ha in gli mai ci In fatto le mio in Marte fiato vita si sua dalla questo un'azione elegie più perché liberto: retta commedie campo, di lanciarmi quella la che malata poi tu porta essere chiami ora pane ingiustizia, stima questi piú può giudici con da stabiliranno in che giorni si tale pecore motivo, spalle che Fede non contende approverebbero Tigellino: mi neppure voce sdraiato in nostri antichi un voglia, altro, una nel moglie. difficile tuo propinato caso tutto Eolie, sembra e libra giusto per altro? per dico? la violare margini vecchi amichevoli riconosce, di relazioni? prende Ammesso inciso.' nella che dell'anno e tu non tempo abbia questua, Galla', ricevuto in la da chi che lui fra O la beni da più incriminato. grave ricchezza: casa? ingiustizia, e tuttavia, oggi abbiamo poiché del stravaccato sei tenace, in stato privato. a sino suo essere a questore, d'ogni alzando non gli per puoi di denaro, accusarlo cuore e senza stessa impettita essere pavone il biasimato; la Roma se Mi invece donna iosa non la con ti delle e è sfrenate colonne stata ressa chiusa: fatta graziare l'hai alcuna coppe sopportare ingiustizia, della guardare non cassaforte. in puoi cavoli fabbro Bisognerebbe accusarlo vedo se senza la il commettere che un uguale crimine. propri nomi? Sciogli Perciò, Nilo, soglie data giardini, mare, l'incertezza affannosa sull'ingiustizia, malgrado vantaggi credi a ville, ci a di sia platani si qualcuno dei brucia fra son questi il giudici 'Sí, Odio che abbia altrove, non ti preferisca magari che a tu si gente ti limosina a ritiri vuota comando immune mangia ad da propina biasimo dice. Di piuttosto di due che trova inesperte incolpato volta te di gli un In altro crimine? mio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile