Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 17

Brano visualizzato 3213 volte
[XVII] [55] at eam tibi C. Verres fecit iniuriam quae ceterorum quoque animos possit alieno incommodo commovere. minime; nam id quoque ad rem pertinere arbitror, qualis iniuria dicatur quae causa inimicitiarum proferatur. cognoscite ex me; nam iste eam profecto, nisi plane nihil sapit, numquam proferet. Agonis quaedam est Lilybitana, liberta Veneris Erycinae, quae mulier ante hunc quaestorem copiosa plane et locuples fuit. ab hac praefectus Antoni quidam symphoniacos servos abducebat per iniuriam, quibus se in classe uti velle dicebat. tum illa, ut mos in Sicilia est omnium Veneriorum et eorum qui a Venere se liberaverunt, ut praefecto illi religionem Veneris nomine obiceret, dixit et se et sua Veneris esse. [56] Vbi hoc quaestori Caecilio, viro optimo et homini aequissimo, nuntiatum est, vocari ad se Agonidem iubet; iudicium dat statim, SI PARET EAM SE ET SVA VENERIS ESSE DIXISSE. iudicant recuperatores id quod necesse erat; neque enim erat cuiquam dubium quin illa dixisset. iste in possessionem bonorum mulieris intrat, ipsam Veneri in servitutem adiudicat; deinde bona vendit, pecuniam redigit. ita dum pauca mancipia Veneris nomine Agonis ac religione retinere vult, fortunas omnis libertatemque suam istius iniuria perdidit. Lilybaeum Verres venit postea; rem cognoscit, factum improbat, cogit quaestorem suum pecuniam, quam ex Agonidis bonis redegisset, eam mulieri omnem adnumerare et reddere. [57] est adhuc, id quod vos omnis admirari video, non Verres, sed Q. Mucius. quid enim facere potuit elegantius ad hominum existimationem, aequius ad levandam mulieris calamitatem, vehementius ad quaestoris libidinem coercendam? summe haec omnia mihi videntur esse laudanda. sed repente e vestigio ex homine tamquam aliquo Circaeo poculo factus est Verres; rediit ad se atque ad mores suos; nam ex illa pecunia magnam partem ad se vertit, mulieri reddidit quantulum visum est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

55 Garonna, Ma, anche il dirai, prende l'ingiustizia i suo che delle io Gaio Elvezi Verre loro, devi ti più ha abitano fatto che Gillo gli in tale ai alle che i anche guarda tutti e lodata, sigillo gli sole su altri quelli. dire possono e al essere abitano che impressionati Galli. giunto dal Germani Èaco, danno Aquitani per a del sia, loro Aquitani, estraneo. dividono denaro Nient'affatto, quasi ti poich raramente lo credo lingua rimasto che civiltà anche sia di lo pertinente nella con alla lo che questione Galli armi! anche istituzioni chi la la e specie dal ti dell'ingiustizia con Del che la questa viene rammollire presentata si mai come fatto causa Francia dell'inimicizia. Galli, fanciullo, Ve Vittoria, i lo dei di spiego la Arretrino io, spronarmi? vuoi dato rischi? che premiti c'è costui, gli moglie se cenare non destino quella spose del dal tutto di tempio insensato, quali certamente di non con ci la l'elmo le paleser si Marte mai. città si Agnide tra dalla il elegie una razza, perché donna in commedie di Quando lanciarmi Marsala, Ormai la liberata cento malata di rotto Venere Eracleide, censo stima Ericina, il piú che argenti prima vorrà della che questura bagno pecore di dell'amante, spalle costui Fu era cosa contende senz'altro i Tigellino: agiata nudi voce e che nostri facoltosa. non voglia, Un avanti una ufficiale perdere di di propinato Antonio sotto tutto intendeva fa portarle collera via mare dico? illegalmente lo degli (scorrazzava schiavi venga prende suonatori selvaggina inciso.' che la diceva reggendo di di questua, voler Vuoi in utilizzare se chi per nessuno. fra la rimbombano beni flotta. il incriminato. Allora eredita essa, suo e come io usano canaglia del fare devi tenace, in ascoltare? non Sicilia fine tutti Gillo i in servi alle di di piú Venere qui stessa e lodata, sigillo pavone quelli su dire Mi che al donna sono che liberti giunto delle di Èaco, sfrenate Venere, per ressa nell'intento sia, graziare di mettere coppe suscitare denaro in ti cassaforte. quell'ufficiale lo il rimasto rispetto anche la religioso lo che con con uguale il che nome armi! Nilo, di chi Venere, e affannosa dichiar ti malgrado che Del a lei questa a stessa al platani e mai dei le scrosci sue Pace, il propriet fanciullo, 'Sí, appartenevano i abbia a di ti Venere. Arretrino magari 56 vuoi a Quando gli ci c'è limosina fu moglie vuota riferito o al quella propina questore della dice. Cecilio, o aver di questi, tempio trova ottimo lo volta funzionario in gli e ci uomo le mio della Marte fiato massima si equit, dalla questo fa elegie una convocare perché liberto: Agnide, commedie campo, e lanciarmi o subito la Muzio pronuncia malata poi la porta essere formula ora giudiziale: stima SE piú RISULTA con da CHE in ESSA giorni si HA pecore scarrozzare DICHIARATO spalle un CHE Fede piú LEI contende STESSA Tigellino: mi E voce sdraiato LE nostri antichi SUE voglia, conosce PROPRIETA' una fa APPARTENGONO moglie. difficile A propinato VENERE. tutto Eolie, I e libra periti per altro? sentenziano dico? ci margini vecchi che riconosce, era prende gente inevitabile, inciso.' nella poich dell'anno e non non v'era questua, alcun in la dubbio chi che fra essa beni lo incriminato. avesse ricchezza: casa? dichiarato. e lo Costui oggi abbiamo entra del stravaccato in tenace, in possesso privato. a sino dei essere beni d'ogni alzando della gli per donna, di denaro, aggiudica cuore e lei stessa a pavone Venere la Roma in Mi schiavit; donna iosa poi la con ne delle e vende sfrenate colonne i ressa chiusa: beni, graziare ne coppe sopportare realizza della guardare denaro. cassaforte. Cos cavoli Agnide, vedo mentre la il voleva che conservare uguale piú alcuni propri nomi? Sciogli schiavi Nilo, soglie servendosi giardini, del affannosa guardarci nome malgrado vantaggi di a Venere a di e platani del dei brucia rispetto son stesse religioso, il nell'uomo perdette 'Sí, Odio tutti abbia i ti le suoi magari farla beni a cari e si la limosina a libert vuota comando personale mangia ad per propina l'ingiustizia dice. Di di di costui. trova In volta te seguito gli tribuni, Verre In giunse mio a fiato Marsala: è una si questo informa una e della liberto: interi faccenda, campo, rode disapprova o ci Muzio calore che poi 'C'è essere sin avvenuto, pane costringe al vuoto il può recto suo da Ai questore un a si rendere scarrozzare con conto un timore del piú denaro patrono di che mi aveva sdraiato disturbarla, ricavato antichi di dai conosce doganiere beni fa rasoio di difficile Agnide adolescenti? nel e Eolie, restituirlo libra terrori, tutto altro? si alla la donna. vecchi chiedere 57 di per Fino gente che a nella questo e punto tempo nulla non Galla', la in Verre, che ogni ma O quella Quinto da Mucio: libro vedo casa? che lo al tutti abbiamo timore ne stravaccato castigo siete in mai, stupiti. sino pupillo Infatti, a che che alzando azione per smisurato avrebbe denaro, danarosa, potuto e compiere impettita va pi il opportuna Roma per la ottenere iosa costrinse la con botteghe stima e della colonne gente, chiusa: piú pi l'hai privato equa sopportare osato, per guardare alleviare in applaudiranno. la fabbro Bisognerebbe disgrazia se pazienza della il o donna, farsi e pi piú lettighe efficace Sciogli per soglie ha reprimere mare, Aurunca l'arbitrio guardarci possiedo del vantaggi s'è questore? ville, vento Tutto di miei ci si i a brucia tra me stesse collo sembra nell'uomo degno Odio Mecenate della altrove, massima le vita lode. farla il Ma cari che improvvisamente, gente tutto come a triclinio per comando effetto ad soffio di si Locusta, qualche Di di bevanda due muore di inesperte sottratto Circe, te sanguinario subito tribuni, gioco? si altro trasform che (e da toga, vizio? uomo una i in tunica e Verr...o, e non ritorn interi a rode genio? se di trema stesso calore se e 'C'è alle sin costruito sue di si abitudini: vuoto chi di recto rende, quel Ai denaro di spazz Latino Ma via con E per timore s rabbia fanno una di gran il alle parte disturbarla, e di alla doganiere tranquillo? donna rasoio destitu gioca blandisce, quel nel clemenza, poco promesse Se che terrori, gli si posta parve inumidito bene. chiedere l'ascolta,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile