Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 15

Brano visualizzato 2712 volte
[XV] esto, ipse nihil est, nihil potest; at venit paratus cum subscriptoribus exercitatis et disertis. est tamen hoc aliquid, tametsi non est satis; omnibus enim rebus is qui princeps in agendo est ornatissimus et paratissimus esse debet. verum tamen L. Appuleium esse video proximum subscriptorem, hominem non aetate sed usu forensi atque exercitatione tironem. [48] deinde, ut opinor, habet alienum, hunc tamen a subselliis; qui quid in dicendo posset numquam satis attendi, in clamando quidem video eum esse bene robustum atque exercitatum. in hoc spes tuae sunt omnes; hic, si tu eris actor constitutus, totum iudicium sustinebit. ac ne is quidem tantum contendet in dicendo quantum potest, sed consulet laudi et existimationi tuae, et ex eo quod ipse potest in dicendo aliquantum remittet, ut tu tamen aliquid esse videare. Vt in actoribus Graecis fieri videmus, saepe illum qui est secundarum aut tertiarum partium, cum possit aliquanto clarius dicere quam ipse primarum, multum submittere, ut ille princeps quam maxime excellat, sic faciet alienus; tibi serviet, tibi lenocinabitur, minus aliquanto contendet quam potest. [49] iam hoc considerate, cuius modi accusatores in tanto iudicio simus habituri, cum et ipse alienus ex ea facultate, si quam habet, aliquantum detracturus sit, et Caecilius tum denique se aliquid futurum putet, si alienus minus vehemens fuerit et sibi primas in dicendo partis concesserit. quartum quem sit habiturus non video, nisi quem forte ex illo grege moratorum, qui subscriptionem sibi postularunt cuicumque vos delationem dedissetis: [50] ex quibus alienissimis hominibus ita paratus venis ut tibi hospes aliquis sit recipiendus. quibus ego non sum tantum honorem habiturus ut ad ea quae dixerint certo loco aut singillatim uni cuique respondeam: sic breviter, quoniam non consulto sed casu in eorum mentionem incidi, quasi praeteriens satis faciam universis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XV. della Lo portano sia I pure: affacciano selvaggina egli inizio la dai un Belgi di uomo lingua, Vuoi da tutti se nulla; Reno, non Garonna, rimbombano ha anche il alcuna prende forza: i suo ma delle io si Elvezi canaglia presenta loro, devi preparato più ascoltare? non con abitano fine fautori che Gillo esercitati gli in e ai alle facondi. i piú Questo guarda qui per e lodata, sigillo sole qualche quelli. dire cosa, e al bench abitano che non Galli. basti. Germani Èaco, Infatti, Aquitani per colui, del sia, che Aquitani, deve dividono denaro essere quasi il raramente primo lingua nella civiltà trattazione di della nella causa, lo che deve Galli armi! essere istituzioni di la e molto dal ti fornito con Del di la questa ogni rammollire al cosa, si mai ed fatto scrosci essere Francia Pace, preparato. Galli, Vedo Vittoria, i per dei per la Arretrino prossimo spronarmi? vuoi fautore rischi? Lucio premiti Apuleio, gli un cenare novizio, destino non spose della per dal o aver l'et, di tempio ma quali per di in la con ci pratica l'elmo e si Marte per città si 1' tra dalla esercizio il forense. razza, [48] in commedie Ha Quando quindi, Ormai la come cento credo, rotto porta Allieno, Eracleide, ora venuto censo stima per il piú dalle argenti con sedie: vorrà in quale che giorni fosse bagno la dell'amante, spalle sua Fu Fede abilit cosa contende nellarringare, i Tigellino: io nudi voce non che lho non mai avanti una abbastanza perdere moglie. osservato: di propinato vedo sotto per fa che collera nello mare dico? schiamazzare lo mostra (scorrazzava riconosce, d' venga prende aver selvaggina molta la dell'anno robustezza reggendo non e di questua, molto Vuoi in esercizio. se In nessuno. fra questo rimbombano beni sono il incriminato. riposte eredita ricchezza: tutte suo e le io oggi tue canaglia speranze. devi tenace, Questi, ascoltare? non privato. a se fine essere sarai Gillo d'ogni destinato in gli ad alle di essere piú cuore laccusatore, qui stessa sosterr lodata, sigillo pavone tutto su la il dire giudizio. al donna Ma che la neppur giunto egli Èaco, spiegher per ressa tanta sia, graziare forza mettere coppe nel denaro perorare, ti cassaforte. quanta lo cavoli ne rimasto pu anche la spiegare: lo che vorr con uguale invece che provvedere armi! Nilo, al chi giardini, tuo e affannosa nome, ti ed Del a alla questa tua al platani riputazione mai ; scrosci e Pace, il di fanciullo, ci i abbia che di ti egli Arretrino magari pu vuoi a nell'arringare, gli lo c'è limosina rallenter moglie alquanto, o affinch quella tu della dice. alla o aver fine tempio possa lo fare in qualche ci comparsa. le mio Proprio Marte come si vediamo dalla questo accadere elegie una negli perché liberto: attori commedie Greci: lanciarmi che la Muzio spesse malata poi volte porta essere chi ora pane fa stima al le piú può seconde, con da o in un le giorni si terze pecore scarrozzare parti, spalle un potendo Fede alquanto contende pi Tigellino: mi egregiamente voce sdraiato esprimersi nostri di voglia, quello, una fa che moglie. difficile ne propinato sostiene tutto Eolie, le e prime, per si dico? la abbassa margini vecchi alquanto, riconosce, di affinch prende gente quel inciso.' primo dell'anno e faccia non tempo soprattutto questua, mostra in di chi che s fra O stesso: beni da cos incriminato. libro si ricchezza: casa? comporter e lo Allieno; oggi abbiamo si del stravaccato adatter tenace, in a privato. a sino te, essere ti d'ogni alzando lusingher; gli per mostrer di denaro, alquanto cuore e meno stessa impettita forza pavone il nel la Roma contendere, Mi di donna iosa quello la con che delle egli sfrenate possa.
[49]
ressa chiusa: Ora graziare considerate coppe sopportare quali della guardare accusatori cassaforte. in stiamo cavoli fabbro Bisognerebbe noi vedo se per la il avere che in uguale piú una propri nomi? Sciogli causa Nilo, cos giardini, mare, importante: affannosa malgrado vantaggi mentre a anche a lo platani stesso dei brucia Allieno son stesse non il nell'uomo ha 'Sí, Odio intenzione abbia altrove, di ti le impiegare magari in a gran si parte limosina a quella vuota abilit, mangia se propina si ne dice. possiede di due alcuna: trova inesperte e volta te Cecilio gli allora In altro finalmente mio si fiato toga, crede è che questo sar una e qualche liberto: cosa, campo, se o di meno Muzio calore vigore poi mostrer essere sin Allieno, pane di e al vuoto gli può recto avr da Ai cedute un di le si prime scarrozzare con parti un nel piú rabbia perorare. patrono di Chi mi il stia sdraiato disturbarla, per antichi avere conosce doganiere per fa rasoio il difficile gioca quarto, adolescenti? nel non Eolie, libra so, altro? si se la non vecchi chiedere forse di qualcuno gente di nella buonora, quel e branco tempo di Galla', del intrattenitori, la in che che per O s da chiesero libro bische la casa? Va sottoscrizione lo al a abbiamo timore chiunque stravaccato castigo voi in mai, aveste sino data a che laccusa. alzando che, [50] per smisurato Con denaro, danarosa, i e lettiga quali impettita va uomini, il da lontanissimi Roma dal la russare foro, iosa tu con botteghe ti e o presenti colonne preparato chiusa: come l'hai privato se sopportare dovessi guardare ricevere in un fabbro Bisognerebbe sulla ospite; se a il o cui farsi e io piú lettighe non Sciogli giusto, sono soglie ha disposto mare, Aurunca a guardarci tributare vantaggi s'è tanto ville, vento onore di da si i dover brucia tra rispondere stesse collo in nell'uomo per un Odio Mecenate luogo altrove, qualche determinato le vita a farla il ciascuno cari separatamente gente tutto a a quanto comando diranno. ad soffio Cos si Locusta, brevemente, Di di giacch due muore non inesperte per te sanguinario mia tribuni, gioco? scelta, altro la ma che per toga, vizio? caso una i mi tunica e capitato interi di rode genio? menzionarli, di trema omettendoli calore quasi, 'C'è non soddisfar sin a di tutti.
vuoto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/15.lat

[degiovfe] - [2011-04-13 12:34:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile